Alcuni a San Antonio, Texas, altri a Richmond, Virginia: hanno nuotato così gli atleti impegnati nella prima tappa delle Tyr Pro Swim Series 2021, modificate nell’organizzazione per adattarsi all’emergenza sanitaria.

Vediamo come sono andati i confronti (a distanza) tra alcuni dei migliori atleti USA, le cui prestazioni sono naturalmente da rapportare al periodo di intensa preparazione.

La notizia più sonora è la doppia “sconfitta” di Lily King, avvenuta per mano di Emily Escobedo.

Le due protagoniste della scorsa stagione di ISL hanno nuotato in concentramenti diversi, ma la campionessa del mondo ha perso sia i 100 (1.07.14 vs 1.07.11) che i 200 (2.25.83 vs 2.23.46) dalla venticinquenne di New York, che ha anche limato il suo personal best nella doppia distanza.

ItalNuoto e Olimpiadi | Luca Sacchi e la tradizione italiana dei misti

1992, Barcellona, Giochi della XXV Olimpiade estiva, come già accaduto nel 1988, per salvare la spedizione dobbiamo aspettare la finale dei 400 misti. Alla sua seconda apparizione tra gli otto più forti del mondo, il 24enne Luca Sacchi reduce da un biennio ad...

Assoluti 2021 confermati a Riccione dal 31 marzo al 3 aprile. Il 29 marzo fondo indoor

Il Campionato Assoluto primaverile di nuoto si svolgerà dal 31 marzo al 3 aprile allo Stadio del Nuoto di Riccione con la formula delle batterie e delle finali, eccetto che per gli 800 e 1500 stile libero che si disputeranno a serie. Il Campionato Italiano indoor di...

Raduni Nazionale: continua il lavoro a Cervinia e Roma. Il Salvamento riparte da Milano

Gli azzurri di interesse nazionale continuano la loro preparazione stagionale con diversi raduni. A Roma il Centro di preparazione olimpica Giulio Onesti vede alternarsi diversi gruppi - qui i precedenti convocati - sono al lavoro da domenica una selezione di...

ItalNuoto e Olimpiadi | Stefano Battistelli la prima medaglia olimpica maschile

1988, Seul, Giochi della XXIV Olimpiade estiva, la Nazionale Italiana ripone la maggior parte delle speranze nel talentuoso Giorgio Lamberti. Il nuoto azzurro troverà invece la sua prima medaglia maschile grazie ad un 18enne romano. Ed eccoci al sesto appuntamento con...

Il sogno Olimpico di un bambino

Cosa accade nella testa di un piccolo atleta durante una Olimpiade? Stiamo pensando a tutti quei bambini che sono in età di poter sognare con un minimo di concretezza. Spesso, ogni sportivo individua il proprio modello a cui ispirarsi, una icona, insomma un’atleta che...

Idoneità alla attività agonistica per atleti non professionisti guariti dal Covid-19

“Se conosci il nemico e te stesso, la tua vittoria è sicura” sentenziava ottimisticamente Sun-Tzu nell’Arte della Guerra. E non c’è dubbio che da un anno a questa parte, il nemico pubblico numero uno per la società in generale, e per la comunità dei nuotatori in...

Si è vista anche Regan Smith, che dopo essersi cimentata nei 100 (58.55) e 200 farfalla (2.10.10) ha vinto i 100 dorso (59.75), battendo sia Olivia Smoliga che Kathleen Baker, anche loro autrici di crono sotto il minuto.

Niente scontro invece nei 200 misti, dove la migliore è Kathleen Baker che nuota un buon 2.10.30 davanti a Madysyn Cox, 2.11.22. Quest’ultima, ha vinto la sfida nei 200 stile in 1.59.42, davanti a Regan Smith (1.59.59), Erin Gemmel (1.59.69) e Olivia Smoliga (1.59.91)

Interessanti i 100 stile libero, che al femminile vedono vincere Catie DeLoof in 54.33 davanti a Smoliga (54.67), mentre al maschile vince Justin Rees in 49.18, davanti a Chadwick, Surhoff e Stewart, tutti sotto i 50 secondi.

Proprio Rees ha battuto nei 100 dorso, sempre a distanza, il campione olimpico Ryan Murphy, nuotando 53.37 contro 53.55 (Murphy vincente nei 200 dorso in 1.56.82).

Si rivede anche l’ex campione del mondo Chase Kalisz, che vince i 400 misti in 4.17.26 davanti a Jay Litherand (4.18.24).

Prossima tappa dal 3 al 6 marzo 2021 con sede unica (al momento) a San Antonio (Texas).

Foto: M. Lewis | USA Swimming