Select Page

Poker della Ledecky nella prima tappa della TYR Pro Swim Series a Knoxville

Poker della Ledecky nella prima tappa della TYR Pro Swim Series a Knoxville

Si parte!

La TYR Pro Swim Series è iniziata la settimana scorsa – 9/12 gennaio – e per la prima volta questa stagione abbiamo rivisto al via alcuni nomi importati, uno su tutto quello di Katie Ledecky.

È stata proprio la pluri-campionessa olimpica l’asso da novanta della prima tappa che si è svolta a Knoxville in Tennessee. La statunitense è chiamata a rintuzzare i “colpi” delle giovani rampanti Titmus e Wang che ai Mondiali cinesi non hanno fatto rimpiangere l’assenza della stella primatista di 400, 800 e 1500.

Ledecky subito in acqua, con la finale dei 200 stile vinta in 1’55″78, davanti di quasi tre secondi a Simone Manuel e Melanie Margalis. Discorso simile anche nei 400 dove tocca in 4’02″71 lasciando la Flickinger seconda a sette secondi e rotti.

Ma non sazia la Ledecky si prende anche i 1500 vinti in 15’45″59 con il nuovo primato stagionale ma soprattutto i 400 misti, in un testa a testa combattuto con Hali Flickinger risolto dalla campionessa olimpica grazie all’ultimo 100, vincendo in 4’39″39 a circa un secondo dal suo personale.

Dalla vasca corta è uscita alla grande invece Olivia Smoliga, conquistando ad Hangzhou due ori nei 50 e 100 dorso e altri sei nelle staffette. La sua stagione in lunga riparte da qui, vincendo i 50 in 27″85 ma piegandosi alla giovane sedicenne Regan Smith nei 100, che vince in 59″37 beffando la Smoliga di 7 centesimi. Smith che si ripete anche nei 200, vinti in 2’07″53, non lontana dal suo WRJ (2’06″43).

A proposito di giovanissimi che lottano con i più “vecchi” occhio a Carson Foster!

L’asso 17enne a stelle e strisce è due volte secondo nei misti: prima cede a Josh Prenot nei 400, (4’18″74 contro 4’20″27 di Foster) poi nei 200, dove un altro assente nobile di Hangzhou rientra in acqua, ovvero Chase Kalisz. L’oro mondiale di Budapest vince in 1’57″78 davanti al giovane Foster che avvicina il muro dei 2 minuti restandoci sopra per 13 centesimi.

Swim Stats | Gwangju 2019, gli Italiani ai Mondiali

Novella Calligaris, Gabriele Detti, Giorgio Lamberti, Massimiliano Rosolino, Alessio Boggiatto, Filippo Magnini, Federica Pellegrini, Alessia Filippi, Gregorio Paltrinieri: questi sono i nomi, in rigoroso ordine cronologico, degli 8 atleti italiani capaci di salire...

Andrea Vergani vola al Mondiale di Gwangju

Andrea Vergani risulta iscritto nei 50 stile libero ai prossimi 18th FINA World Championships di Gwangju, in programma dal 12 al 28 luglio prossimi. La notizia non è ancora stata ufficializzata, ma dalle pagine del sito ufficiale FIN l'atleta risulta iscritto nella...

Swim Stats, cosa resta del Mondiale di Budapest 2017

Mancano davvero pochi giorni a Gwangju 2019, una delle edizioni dei Mondiali di nuoto più attese di sempre e di sicuro l’evento più importante del quadriennio in previsione delle Olimpiadi. Se Tokyo 2020 sarà la conclusione naturale del percorso di moltissimi atleti,...

Universiadi Napoli 2019, l’Italia chiude sesta nel medagliere del nuoto

Con la giornata di mercoledì 10 luglio si è conclusa la settimana di nuoto tra le corsie della trentesima edizione delle Universiadi. La rinnovata piscina Felice Scandone di Napoli è stata splendido teatro delle competizioni dedicate agli studenti universitari, alle...

Training Lab, la velocità nel nuoto: come e dove indirizzare l’allenamento

La sfida che da anni rappresenta un po’ una costante in tutto il nuoto mondiale da parte di atleti e allenatori riguarda la continua ottimizzazione della performance, che da un punto di vista pratico consiste nel cercare di trovare continuamente nuovi strumenti e...

Campionati Mondiali di nuoto paralimpico, i convocati per Londra

Ufficializzata la Nazionale che volerà a Londra per la IX edizione dei Campionati del Mondo di Nuoto Paralimpico, l'Aquatics Centre sede dei Giochi Olimpici e Paralimpici nel 2012 ospiterà la competizione dal 9 al 15 settembre prossimi. Saranno 22 atleti - 12 maschi e...

Altro big in gara è Michael Andrew: destituito dal trono mondiale in corta dei 100 misti, il giovane statunitense sfiora il pokerissimo nelle gare veloci. Oro nei 50 dorso e 50 stile, rispettivamente in 24″73 e 22″11, per poi chiudere terzo nei 50 rana e argento nei 50 farfalla.

Beffato nei 50 dorso da Andrew è Ryan Murphy, ex primatista mondiale dei 100. Il campione olimpico però si consola vincendo proprio i 100, grazie al crono di 53″17 e i 200 in 1’56″16.

Tra le donne non è solo però la Ledecky a mettersi in mostra; si rivede in vasca infatti anche Penny Oleksiak, chiamata a riscattare al mondiale un anno di transizione. Qui scende in gara nei 50 e 100 farfalla, vincendo i primi in 26″00 e rimanendo alle spalle di Kelsi Dahlia e Kendyl Stewart nei 100 con il crono di 58″33.

Da segnalare anche la doppietta di Simone Manuel, oro nei 50 in 24″75 e nei 100 in 53″42.

Da Knoxville è tutto, appuntamento a marzo per la seconda tappa della TYR Pro Swim Series in diretta da Des Moines (Iowa).

About The Author

Alessandro Foglio

Istruttore e nuotatore, segue il mondo del nuoto assoluto e tutti i suoi appuntamenti!

Ultimi Tweet

?>