Select Page

Poker della Ledecky nella prima tappa della TYR Pro Swim Series a Knoxville

Poker della Ledecky nella prima tappa della TYR Pro Swim Series a Knoxville

Si parte!

La TYR Pro Swim Series è iniziata la settimana scorsa – 9/12 gennaio – e per la prima volta questa stagione abbiamo rivisto al via alcuni nomi importati, uno su tutto quello di Katie Ledecky.

È stata proprio la pluri-campionessa olimpica l’asso da novanta della prima tappa che si è svolta a Knoxville in Tennessee. La statunitense è chiamata a rintuzzare i “colpi” delle giovani rampanti Titmus e Wang che ai Mondiali cinesi non hanno fatto rimpiangere l’assenza della stella primatista di 400, 800 e 1500.

Ledecky subito in acqua, con la finale dei 200 stile vinta in 1’55″78, davanti di quasi tre secondi a Simone Manuel e Melanie Margalis. Discorso simile anche nei 400 dove tocca in 4’02″71 lasciando la Flickinger seconda a sette secondi e rotti.

Ma non sazia la Ledecky si prende anche i 1500 vinti in 15’45″59 con il nuovo primato stagionale ma soprattutto i 400 misti, in un testa a testa combattuto con Hali Flickinger risolto dalla campionessa olimpica grazie all’ultimo 100, vincendo in 4’39″39 a circa un secondo dal suo personale.

Dalla vasca corta è uscita alla grande invece Olivia Smoliga, conquistando ad Hangzhou due ori nei 50 e 100 dorso e altri sei nelle staffette. La sua stagione in lunga riparte da qui, vincendo i 50 in 27″85 ma piegandosi alla giovane sedicenne Regan Smith nei 100, che vince in 59″37 beffando la Smoliga di 7 centesimi. Smith che si ripete anche nei 200, vinti in 2’07″53, non lontana dal suo WRJ (2’06″43).

A proposito di giovanissimi che lottano con i più “vecchi” occhio a Carson Foster!

L’asso 17enne a stelle e strisce è due volte secondo nei misti: prima cede a Josh Prenot nei 400, (4’18″74 contro 4’20″27 di Foster) poi nei 200, dove un altro assente nobile di Hangzhou rientra in acqua, ovvero Chase Kalisz. L’oro mondiale di Budapest vince in 1’57″78 davanti al giovane Foster che avvicina il muro dei 2 minuti restandoci sopra per 13 centesimi.

Quando un Master incontra il Campione

Al cospetto della leggenda, è difficile mantenere una neutrale imperturbabilità anche per chi, data ahimè l’età, dovrebbe essere rotto (appunto…) al vasto novero delle grandi emozioni che la vita nel suo scorrere riserva. E così ci ritroviamo un sabato mattina a...

Lewisville ISL2019 #3 | Ai London Roar la prima vittoria del Gruppo B

Dopo la bellissima due giorni di Napoli - trovi tutti i REPORT a fondo articolo - il nuovo format di nuoto-spettacolo della International Swimming League è tornato negli States per la terza tappa, la prima nella quale si sono affrontati i team del girone B. Nel...

La prima gara della stagione

Mi presento, mi chiamo Marina, sono una nuotatrice master adulta (l'età non si dice e non si chiede) e voglio condividere con voi i miei stati emotivi da atleta che gareggia. Mancano pochi giorni alla gara, la prima della stagione, l'ennesima della mia vita...

Swim Stats | Tokyo 2020 crono alla mano: gli Azzurri e i Tempi Limite

“Il mio sogno è andare alle Olimpiadi, farò di tutto per qualificarmi” Questa frase, pur non essendo stata pronunciata da nessun atleta, può essere attribuita tranquillamente a qualsiasi nuotatore. La stagione che è appena iniziata si concluderà con l’evento al quale...

Napoli ISL2019 #2 | il Nuoto spettacolo fa tappa in Italia

Il grande nuoto chiama, Napoli risponde! E come! Grande entusiasmo per la seconda tappa della Internationa Swimming League, la lega rivoluzionaria del nuoto mondiale. In una piscina Scandone tirata al lucido, impazza lo spettacolo. Merito dell’organizzazione, sempre...

Training Lab, tante strade e una sola meta: la Velocità

L’allenamento del nuoto presenta sempre una grande sfida per gli atleti, ma in primo luogo per gli allenatori. Oggigiorno il nuoto mondiale sembra essere uscito veramente dagli schemi comuni del secolo scorso, proprio per la grande varietà di metodologie allenanti che...

Altro big in gara è Michael Andrew: destituito dal trono mondiale in corta dei 100 misti, il giovane statunitense sfiora il pokerissimo nelle gare veloci. Oro nei 50 dorso e 50 stile, rispettivamente in 24″73 e 22″11, per poi chiudere terzo nei 50 rana e argento nei 50 farfalla.

Beffato nei 50 dorso da Andrew è Ryan Murphy, ex primatista mondiale dei 100. Il campione olimpico però si consola vincendo proprio i 100, grazie al crono di 53″17 e i 200 in 1’56″16.

Tra le donne non è solo però la Ledecky a mettersi in mostra; si rivede in vasca infatti anche Penny Oleksiak, chiamata a riscattare al mondiale un anno di transizione. Qui scende in gara nei 50 e 100 farfalla, vincendo i primi in 26″00 e rimanendo alle spalle di Kelsi Dahlia e Kendyl Stewart nei 100 con il crono di 58″33.

Da segnalare anche la doppietta di Simone Manuel, oro nei 50 in 24″75 e nei 100 in 53″42.

Da Knoxville è tutto, appuntamento a marzo per la seconda tappa della TYR Pro Swim Series in diretta da Des Moines (Iowa).

About The Author

Alessandro Foglio

Istruttore e nuotatore, segue il mondo del nuoto assoluto e tutti i suoi appuntamenti!

Ultimi Tweet

?>