Nel 2010 l’Italia del nuoto era già una forza in ascesa.

I Mondiali di Roma, con i titoli di Federica Pellegrini e Alessia Filippi, erano stati l’apice di un decennio iniziato con l’esplosione di Sydney 2000 e finito con la nostra nazionale finalmente al centro della scena natatoria mondiale.

Il futuro, però, poteva essere incerto e di difficile interpretazione: con la fine delle carriere di Rosolino e Brembilla, l’inizio del declino di Filippo Magnini e l’arrivo di nuove leve in grado di mettere in difficoltà Federica Pellegrini, ci si augurava che un ricambio generazionale, una nuova infornata di talenti, fosse in grado di far mantenere all’Italia quella posizione che si era così faticosamente guadagnata.

Era però davvero difficile anche solo immaginare che gli anni ’10 – dal 2010 al 2019 – sarebbero stati quelli della vera e propria ascesa dell’Italia a potenza mondiale del nuoto.

Le medaglie olimpiche e mondiali, il dominio in campo europeo, le nazionali mai così qualitative e quantitative: il decennio che si sta chiudendo è stato il migliore di sempre per gli azzurri.

Graduatorie alla mano, questi sono i migliori atleti italiani degli anni ’10.

Anche solo scorrendo i nomi della lista, ci si accorge che il livello è elevatissimo: praticamente ognuno dei presenti è un medagliato europeo, se non mondiale, e l’elenco dei nomi non si limita ad un gruppetto di atleti, ma è composto da ben 11 femmine e 14 maschi.

L’unica ad avere tre top times è Federica Pellegrini, mentre sono a quota due Gregorio Paltrinieri, Silvia Di Pietro, Ilaria Cusinato, Federico Turrini ed Edoardo Giorgetti.

Se c’è una cosa che ci fa ben sperare per un futuro, è la progressione temporale dei migliori tempi in graduatoria, per la maggior parte concentrati nelle ultime due annate. Dopo il buco generazionale occorso in corrispondenza di Londra 2012, la nuova generazione di fenomeni ha iniziato a produrre risultati in striscia e con Tokyo 2020 all’orizzonte le aspettative sono molto elevate.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...
Read More

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...
Read More

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...
Read More

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...
Read More

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...
Read More

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...
Read More

Prendendo in considerazione la totalità delle graduatorie italiane in vasca da 50 dal 2010 al 2019, è naturalmente Federica Pellegrini l’atleta che per più volte ha terminato l’anno con il miglior tempo nazionale, svettando su tutte per un totale di 27 volte, divise tra 50-100-200 e 400 stile, 100 e 200 dorso. La Divina ha mancato l’en plein nei 200 stile solamente perché, nel 2018, ha deciso di non nuotarli per concentrarsi sui 100.

La seguono a distanza due atlete totalmente diverse ma uguali nella polivalenza: Silvia Di Pietro, protagonista della velocità, e Stefania Pirozzi, che ha nuotato con alterni risultati misti, farfalla e stile libero.

Tra i maschi, il più presente al top delle graduatorie del decennio è il “Turro”, Federico Turrini, per 15 volte dominatore dei misti nazionali, seguito a ruota da Gregorio Paltrinieri (14) e Fabio Scozzoli (13).

Atlete ai verici delle graduatorie annuali 2010/19 - Click per aprire

Atleti ai verici delle graduatorie annuali 2010/19 - Click per aprire

Il nuoto del 2019 si è definitivamente lasciato alle spalle quello del 2010 e le fotografie delle graduatorie dell’anno inziale e finale del decennio lo testimoniano ampiamente.

Nonostante ci siano diversi atleti ancora in attività che nel 2010 erano già in testa, ci sono solo due nomi che mantengono il top nelle rispettive specialità, Federica Pellegrini (200 stile) e Fabio Scozzoli (50 rana), che possiamo tranquillamente nominare, insieme a Gregorio Paltrineiri, come volti del nuoto italiano del decennio.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4