Il Campionato Italiano Assoluto UnipolSai 2019 – Riccione, 2-6 aprile – sarà per il terzo anno consecutivo un vero e proprio trials, seguendo quella che dal 2017 è la nuova modalità di svolgimento della massima competizione primaverile nazionale.

Saranno al via 687 atleti – 361 maschi e 326 femmine – in rappresentanza di 183 società per 1580 presenze gara e 89 staffette,

Gli Assoluti sono passati dall’essere uno spiacevole inconveniente di percorso verso il Settecolli e l’appuntamento estivo internazionale, a rappresentare l’unico evento che permette agli atleti di staccare il pass per la convocazione in nazionale.

L’Assoluto 2017 è stato in questo senso precursore di una nuova filosofia applicata alla massima competizione italiana, che spinge gli atleti a preparare al meglio la rassegna nazionale, andare forte già nelle batterie del mattino e dare tutto nelle finali A. Con questa modalità, inizialmente accolta con freddezza soprattutto da alcuni addetti ai lavori, abbiamo assistito a due edizioni degli Assoluti tra le più spettacolari di sempre, che hanno partorito due nazionali – quelle dei Mondiali di Budapest 2017 e degli Europei di Glasgow 2018 – da record. Merito alla Federazione ed al DT Butini che hanno saputo, con il supporto dei tecnici e delle società, infondere agli atleti una mentalità che sembrava non appartenerci, ovvero quella molto americana del dentro/fuori.

Il regolamento di quest’anno, in merito alla qualificazione per i Mondiali di Gwangju (21-28 luglio) è molto simile a quello che, due anni fa, stabiliva i criteri per la convocazione al Mondiale di Budapest:

  1. per le gare individuali sarà valido esclusivamente il Campionato Italiano Assoluto di aprile 2019;
  2. è prevista un’unica tabella per le gare individuali;
  3. saranno ritenute valide per la qualificazione individuale le prestazioni ottenute nella finale A;
  4. per le gare a staffetta, nel caso in cui la staffetta in oggetto abbia ottenuto il tempo-limite complessivo previsto (somma delle migliori prestazioni al via), è indicata la colonna di tempi-limite individuali il cui conseguimento in finale (A o B) garantisce la partecipazione del nuotatore al campionato mondiale.
  5. per l’eventuale completamento delle staffette o per la qualificazione delle staffette che non abbiano ancora ottenuto il tempo-limite previsto, saranno prese in considerazione le prestazioni ottenute nelle finali del Trofeo Sette Colli, a condizione che siano migliori o uguali a rispetto ai tempi-limite indicati nella colonna “staffette”.

Esattamente come due anni fa, il titolo nazionale non qualifica direttamente al mondiale – come invece era successo nel 2018 per gli Europei – ma bisogna passare necessariamente dal conseguimento del tempo limite indicato in tabella, che diventa quindi il vero e proprio spauracchio per gli atleti.

Si tratta indubbiamente di tempi molto selettivi, vediamoli a confronto con quelli che due anni fa qualificavano a Budapest 2017.

In soli 3 casi al maschile e 7 al femminile i tempi 2019 sono superiori a quelli 2017, ma si tratta sempre di pochi centesimi mentre salta all’occhio il livellamento verso il basso di alcuni tempi soprattutto in ambito maschile, quello dei 200 rana addirittura 1.79 secondi più in giù di due anni fa.

La fase 2 dei Nuotatori: ricominciamo

Dodici settimane: tanto è durata l’impossibilità di entrare in vasca. La sera del 9 marzo ho preso la sacca del nuoto e sono partita alla volta della piscina, appena prima dell’inizio della storica diretta televisiva che ha dichiarato il lockdown; sono andata all’...
Read More

Super Olimpiadi 2020, dominio Peaty. Sjöström porta la Svezia in vetta nel day3

Alla vigilia della terza giornata, ci sono ancora molti chiaroscuri che aleggiano sulle Superolimpiadi. Se oramai abbiamo capito che si tratta di una sfida tra i migliori interpreti all-time di ogni specialità, meno semplice è afferrarne la natura reale e lo scopo. La...
Read More

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...
Read More

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...
Read More

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...
Read More

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...
Read More

Il campione assoluto 2019 dovrà in alcuni casi – 5 in totale – migliorare il record italiano se vorrà volare a Gwangju e nuotare la gara individuale.

Si attendono quindi scintille nei 50 farfalla, sia maschili che femminili, nei 50 dorso e stile femmine e nei 200 misti maschi, tutte gare che senza il limite tricolore non vedranno partecipanti azzurri ai Mondiali.

Agli Assoluti 2019 ci si potrà qualificare anche per l’Universiade, manifestazione sempre molto ambita dagli atleti, che giunge quest’anno all’edizione numero 30 e che si svolgerà a Napoli.

Lo stesso Butini, dopo il Trofeo di Milano, ha dichiarato che “l’Italia vuole portare una nazionale competitiva anche a Napoli, quest’estate convocheremo qualcosa come 80 atleti tra Mondiali e Universiadi, ci sarà spazio per tutti quelli che se lo meriteranno, tutti avranno la possibilità di nuotare ad alto livello e dimostrare il loro valore”.

In molti atleti portano avanti la carriera universitaria parallelamente a quella da nuotatore – condizione necessaria per accedere alla lista dei convocati, come riportato sul regolamento – e per alcuni l’Universiade può diventare un obiettivo invitante per mettersi in mostra in ambito internazionale, mentre per altri potrebbe rappresentare un ripiego in caso di mancata qualificazione per il Mondiale.

Si tratta naturalmente di una tabella tempi limite meno selettiva di quella che garantisce un biglietto per la Corea, ma i tempi da nuotare sono comunque di alto livello.

Chiudiamo rinfrescandoci la memoria con la lista dei campioni delle ultime sei edizioni.

Appuntamento a Riccione dal 2 al 6 aprile!

Programma gare

Le batterie del mattino inizieranno alle 10.00, mentre le finali del pomeriggio alle 18.00 (con termine premiazioni previsto fra le 20.15 e le 20.20) a eccezione del sabato dove inizieranno alle 16.30 per terminare alle 18.45.

Martedì 2 aprile
50 do M – 800 sl F – 400 sl M – 100 ra F – 200 fa M – 400 mx F – 50 sl M – 4x100 sl F

Mercoledì 3 aprile
50 do F – 50 fa M – 100 fa F – 100 do M – 200 ra F – 100 ra M – 200 sl F – 4x200 sl M

Giovedì 4 aprile
800 sl M – 200 mx F – 200 mx M – 100 sl F – 100 sl M – 1500 sl F – 4x100 mx M – 4x100 mx F

Venerdì 5 aprile
100 fa M – 100 do F – 200 do M – 200 fa F – 200 ra M – 50 sl F – 200 sl M – 4x200 sl F

Sabato 6 aprile
50 ra F – 50 ra M – 400 sl F – 400 mx M – 200 do F – 1500 sl M – 50 fa F – 4x100 sl M