Select Page

Swim Stats | Gwangju 2019, i numeri dei Mondiali

Swim Stats | Gwangju 2019, i numeri dei Mondiali

8 medaglie: 3 ori, 2 argenti e 3 bronzi.

23 finali raggiunte, di cui 5 con le staffette, altre 11 semifinali

19 record italiani, 15 miglioramenti del record personale.

Questi i grandi numeri della nazionale italiana ai Mondiali di Gwangju 20019, l’edizione più vincente della storia per i colori azzurri.

RECORD Nazionali – 19

400 stile libero uomini – Gabriele Detti (3’43″23)
100 farfalla donne – Elena Di Liddo (57″18); Elena Di Liddo (57″04)
4×100 stile libero uomini – Italia 3’11″39 (Condorelli, Firgo, Dotto, Miressi)
100 rana donne – Martina Carraro 1’06″39; Arianna Castiglioni 1’06″39; Martina Carraro 1’06″36
200 stile libero uomini – Filippo Megli 1’45″76; Filippo Megli 1’45″57
1500 stile libero donne – Simona Quadarella 15’40″89
50 rana uomini – Fabio Scozzoli 26″70
4×100 mista mixed – Italia 3’44″38; Italia 3’43″27 (Sabbioni, Scozzoli, Di Liddo, Pellegrini)
800 stile libero uomini – Gregorio Paltrinieri 7’39″23 (record europeo)
200 farfalla uomini – Federico Burdisso 1’54″39
4×200 stile libero uomini – Italia 7’02″01 (Megli, Detti, Ballo, Di Cola)
50 rana donne – Benedetta Pilato 29″98
800 stile libero donne – Simona Quadarella 8’14″99
4×100 mista donne – Italia 3’56″50 (Panziera, Carraro, Di Liddo, Pellegrini)

RECORD Mondiali – 10

100 rana uomini – Adam Peaty GBR 56”88
200 farfalla uomini – Kristóf Milak HUN 1’50”73
200 rana uomini – Matthew Wilson AUS 2’06”67 – Anton Chupkov RUS 2’06”12
100 farfalla uomini – Caeleb Dressel USA 49”50
200 dorso donne – Regan Smith USA 2’03”35
100 dorso donne – Regan Smith USA 57”57
4x200 stile libero uomini – Australia 7’41”50 (Titmus, Wilson, Throssel, McKeon)
4x100 stile libero mixed – USA 3’19”40 (Dressel, Apple, Comerford, Manuel)
4x100 mista donne – USA 3’50”40 (Smith, King, Dahlia, Manuel)

MEDAGLIERI

Anche se non con la migliore prestazione di sempre, il team USA vince il medagliere della vasca 2019, grazie all’apporto fondamentale di Caeleb Dressel (4 ori individuali, 2 in staffetta oltre a due argenti sempre in staffetta) che ha letteralmente preso per mano la sua nazionale, facendo pesare meno il passaggio a vuoto di Katie Ledecky (solo 1 oro ed 1 argento).

L’Italia è quinta generale, ma per la seconda edizione consecutiva non va a podio nelle staffette (3 medaglie di “legno”).

Incredibile la rinascita dell’Australia, che nel 2017 vinceva un solo oro – nei 200 dorso con Emily Seebohm – ed ora passa dalla sua peggior edizione mondiale ad una delle migliori.

MEDAGLIERE Staffette - CLICK per aprire

Team USA non vince il medagliere di staffetta: questa è la notizia.

L’Australia e i suoi dolphins riescono nell’impresa di strappare agli americani diverse gare all’arrivo, anche se l’upset più grande è la vittoria della Gran Bretagna nella 4x100 mista maschile, con il gran recupero finale di Duncan Scott (46”14 secondo crono all-time in frazione lanciata) ai danni del buon Nathan Adrian. Senza tarscurare la frazione a rana in 57″20 di Adam Peaty.

Bella conferma per il Canada, che con una squadra femminile molto giovane (quasi tutte nate nel 2000) porta a casa ben tre bronzi.

I Ragazzi chiudono gli Italiani di Categoria. I convocati per i Mondiali Junior

Si sono chiusi anche i Campionati Nazionali della Categoria Ragazzi - leggi il REPORT delle categorie maggiori - con lo Stadio del Nuoto di Roma palcoscenico della grande festa per gli atleti nati nel 2003-2004 maschi (totale 494) e 2005-2006 femmine (totale 322). Un...
Read More

Apnea sportiva, il progetto dei Nuotatori del Carroccio

Sappiamo ormai come i grandi campioni del nuoto abbiano inserito nella loro programmazione delle sedute specifiche di allenamento dedicate all'apnea sia in acqua che a secco. La cura dei dettagli e dei particolari è importante non solo per gli atleti di alto livello,...
Read More

Training Lab, speciale Gwangju2019 | L’analisi tecnica del mondiale

Un altro Campionato del mondo in vasca lunga è appena terminato e, come tutte l'edizioni preolimpiche, ha già delineato un quadro ben preciso in alcune specialità, come allo stesso tempo mostra molte carte ancora da scoprire in altre. Di sicuro è stato un campionato...
Read More

Mondiali Gwangju 2019 | Top & Flop made in Italy

Fratelli d'Italia! Quando il nostro inno risuona nelle piscine di tutto il mondo, chiunque, dall'Australia alla Cina, canta con noi. E, di recente, è toccato agli amici della Corea sentire le note di Mameli al Nambu Acquatics Center. L'edizione numero diciotto del...
Read More

Italiani di Categoria, a Roma si chiude la stagione nazionale

Terminata la prima parte dei Campionati Nazionali di Categoria, la grande festa estiva del nuoto in chiusura della stagione agonistica italiana, che ha visto in acqua allo Stadio del Nuoto di Roma le categorie Junior, Cadetti e Senior dal 1 al 4 agosto. In questa...
Read More

Mondiali Gwangju 2019 | Top & Flop international

“Si dice che il battito d'ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall'altra parte del mondo”. Chissà se la celebre frase incipit del film “The butterfly effect” può essere applicata anche al nuoto. Di certo, quello che abbiamo visto a Gwangju in...
Read More

ANNI di NASCITA

In un Mondiale che vede sempre più giovani raggiungere le posizioni di vertice, la distanza che sente più il peso dell’età a livello maschile sono i 50 rana, nei quali ha nuotato il nostro Fabio Scozzoli (1988) uno dei pochi atleti nati negli anni ’80 a resistere ad altissimi livelli.

Nicholas Santos, argento nei 50 farfalla, è l’atleta più vecchio a podio (classe 1980), mentre l’oro più giovane è stato anche quello più sorprendente, Kristóf Milak (anno 2000) campione dei 200 farfalla con il nuovo record del mondo.

Età media finalisti Maschi - CLICK per aprire

I 100 dorso sono la gara più giovane dell’intero panorama mondiale, con appena 20 anni di media tra le otto finaliste.

L’Italia ha lo spettro più ampio di donne a podio: nei 50 rana c’è stata la medagliata (e anche la finalista) più giovane dell’intero campionato, Benedetta Pilato, classe 2005, mentre nei 200 stile libero la più “matura”, Federica Pellegrini, classe 1988.

I 50 farfalla, con 25 anni di media, sono stati la gara più vecchia al femminile.

Età media finaliste Femmine - CLICK per aprire

Il CAMPIONE dei CAMPIONI

Dei record stabiliti abbiamo già parlato, ma il compito più difficile per un campione è vincere la finale mondiale battendo anche il record del mondo.

Nemmeno il grande Adam Peaty, dominatore della rana veloce, è riuscito quest’anno nell’impresa, stupendo il mondo con un tempo mostruoso ottenuto però nella più leggera, dal punto di vista della tensione, semifinale dei 100 rana.

È per questo che proviamo a valutare i campioni mondiali dando al loro tempo, ottenuto in finale, un punteggio di paragone (su base 100) con il record del mondo in vigore, per incoronare il Campione dei Campioni Mondiali.

Il più forte di tutti è stato Kristóf Milak, 100,70 punti, che ha abbassato il world record dei 200 farfalla di quasi 8 decimi, portandolo per la prima volta nella storia sotto l’1’51”. Lo segue Anton Chupkov, capace di migliorare un record, quello dei 200 rana, che già era stato abbassato il giorno prima dall’australiano Wilson.

Niente da fare per Caeleb Dressel, anche lui autore di un record pazzesco, ma in semifinale, nei 100 farfalla.

Per Regan Smith poteva essere una vittoria ben più schiacciante, se avesse fatto il record del mondo dei 200 dorso in finale (e non in semifinale) o se avesse partecipato ai 100 dorso individuali, realizzando in quell’occasione il record che si è invece tenuta per aprire la 4x100 mista statunitense.

È comunque lei la migliore ed è, probabilmente, anche la vera rivelazione dell’intero mondiale.

Raffica di curiosità

Caeleb Dressel è il primo uomo a vincere 8 medaglie in un singolo mondiale di nuoto. Michael Phelps ne vinse 7 nel 2007, ma non esistevano le staffette mixed.

Nonostante la sconfitta nei 400 e le rinunce nei 200 e 1500, Katie Ledecky allunga in classifica generale, diventando l’unica donna ad aver vinto 15 titoli mondiali. Phelps ne ha 26, Ryan Lochte 18, Dressel 13 in sole 2 edizioni. Simone Manuel raggiunge Missy Franklin a 11.

Katinka Hosszú è la prima donna a vincere per cinque volte (consecutive) la stessa gara ai mondiali, nei 400 misti, mentre è a quota 4 nei 200 misti (a Roma 2009 fu bronzo). L’impresa, anche se non consecutiva, è riuscita anche a Michael Phelps nei 200 farfalla. Sarebbero sei, se li avesse nuotati anche a Montreal 2005.

Federica Pellegrini è l’unica atleta ad aver conquistato 8 podi consecutivi nella stessa distanza, i 200 stile libero, con uno periodo di 14 anni tra la prima e l’ultima medaglia.

Sara Sjöström è la prima donna ad aver vinto 5 medaglie individuali nello stesso evento mondiale, ma ha mancato la quinta d’oro consecutiva nei 100 farfalla.

Michael Andrew è l’unico atleta nella storia dei mondiali ad aver raggiunto la finale in ogni gara da 50 metri; non è andato a medaglia in nessuna di queste.

Florian Wellbrock è l’unico atleta in grado di vincere due eventi nello stesso mondiale in due discipline diverse: i 1500 stile in vasca e la 10 km in acque libere. Nessuno ci è mai riuscito alle Olimpiadi, solo Oussama Mellouli li ha vinti, ma in due edizioni diverse (1500 a Pechino, 10 km a Londra).

Ci sono 4 atleti che sono andati a podio in tre distanze dello stesso stile: Yuliya Efimova (50-100-200 rana), Evgeny Rylov (50-100-200 dorso), Sarah Sjöström (50-100-200 stile), Ariarne Titmus (200-400-800 stile), ma la svedese è l’unica a non aver vinto neanche un oro nel trittico.

Dopo il passaggio di Dressel e Milak, rimane un solo record del mondo individuale a Michael Phelps, quello dei 400 misti, dove non si vede all’orizzonte un atleta in grado di impensierirlo. In carriera ne ha realizzati 39 in 8 discipline diverse, 5 individuali. Quello dei 200 farfalla era da lui detenuto dal 3 marzo del 2001.

Quello dei 400 misti maschili è ora il record del mondo in vasca da 50 più vecchio ancora in vigore: risale al 10 agosto 2008, 4’03”84 di Phelps. Tra le donne, il più vecchio è di Federica Pellegrini, 1’52”98 nei 200 stile, del 29 luglio 2009.

Duncan Scott ha nuotato una frazione finale incredibile nella 4x100 mista, mettendo a segno il tempo lanciato di 46”13. Per poco, ma la miglior frazione lanciata di sempre resta quella di Jason Lezak, 46”06, effettuata per chiudere la 4x100 stile libero a Pechino 2008.

Foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4

About The Author

Luca Soligo

Appassionato di sport, analizzatore di numeri e statistiche, raccoglitore di curiosità. Nato, cresciuto e peggiorato in piscina. In una parola: Fattidinuoto.

Rispondi

Ultimi Tweet

?>