Select Page

Swim Stats | L’analisi in numeri degli Assoluti Open di Riccione 2019

Swim Stats | L’analisi in numeri degli Assoluti Open di Riccione 2019

È stata un’edizione insolita, quella degli Assoluti Open 2019, che si è svolta a Riccione tra il 12 ed il 14 dicembre.

Al posto dei soliti Campionati Invernali, la Federazione Italiana Nuoto ha proposto una formula semi trials, con gare in vasca lunga, batterie al mattino e finali al pomeriggio (condensate in 3 giorni) e soprattutto possibilità di qualificarsi per l’Olimpiade di Tokyo 2020, nuotando però un tempo decisamente basso.

La tabella tempi limite, appositamente studiata per l’occasione, aveva criteri talmente restrittivi da riportare, in certi casi, crono che portano direttamente alla finale Olimpica, se non addirittura al podio.

In pochissimi, tra gli azzurri, potevano vantare un personale più basso di tale tabella, mentre per il resto del gruppo la speranza, per centrare la qualificazione già a dicembre, era di nuotare abbondantemente sotto il proprio personale. La nazionale italiana, reduce da una settimana a Glasgow per gli Europei in vasca corta e da un inizio di stagione impegnativo e denso di gare (tra le quali la nuova ISL), si presentava all’evento in cerca di miracoli.

Solo in quattro sono riusciti nell’impresa.

Come anticipato solo in 4 si sono già assicurati il biglietto per Tokyo 2020: due di loro, Quadarella e Paltrinieri, sono rispettivamente campioni mondiale ed olimpico della distanza; una è campionessa europea, Panziera, e l’ultimo, Nicolò Martinenghi, ha dovuto addirittura infrangere il record italiano per riuscire nell’impresa.

Chi ci è andato vicino, come Burdisso e Restivo, fa parte comunque dell’élite mondiale ed a marzo, con un tempo limite meno selettivo, avrà la chance di potersi qualificare, esattamente come i grandi campioni, Detti e Pellegrini, arrivati a Riccione non al top della forma.

Ne esce una nazionale comunque forte, in grado di recepire le sfide che il DT e la Federnuoto le pongono e rimettere le cose nella giusta prospettiva.

Anche nel confronto con le recenti edizioni degli Assoluti Primaverili, questi Campionati non sfigurano per niente.

In sei casi, tre maschili e tre femminili, il vincitore ha nuotato il miglior tempo delle ultime 5 edizioni, ovvero dal 2016 preolimpico.

Campionati Australiani e Kitajima Cup, primi squilli da oltreoceano

Arrivano dall'Australia e dal Giappone altri risultati importanti in chiave olimpica, dopo l'esordio in vasca lunga di America con la TYR Pro Swim e dell'Europa con il 22° Euro Meet di Lussemburgo. Ai South Australian Championships di Oakland Park in evidenza il...
Read More

22° Euro Meet | Italia protagonista nella 1ª tappa della LEN Cup

Prende forma il lungo viaggio che con l’anno nuovo ci porterà dritti verso il sogno olimpico, direzione Tokyo 2020. Un percorso che parte da lontano, con la settimana appena trascorsa che ha dato il via alle prime gare internazionali di un certo spessore di questo...
Read More

SwimStats Tokyo2020 Special | 100 Stile Libero

Inauguriamo con questo articolo un'edizione speciale per la nostra rubrica statistica che ci accompagnerà fino ai prossimi Giochi Olimpici. SwimStats Tokyo2020 Special ci racconterà la storia di ognuna delle gare olimpiche del nuoto, partendo dagli albori fino ai...
Read More

22° Euro Meet | LEN Swimming Cup #1: 12 azzurri e tanta Energy Standard

La stagione in vasca lunga è già iniziata oltreoceano con la seconda tappa della TYR Pro Swim Series a Knoxville, è il turno dell'Europa con il 22° Euro Meet di Lussemburgo che si disputerà dal 24 al 26 gennaio 2020 presso l’Aquatic Center D’Coque. La manifestazione...
Read More

TYR ProSS2020 #2 Knoxville | Brilla Regan Smith, il ritorno di Allison Schmitt

Il 2020 del nuoto nordamericano è partito con la seconda tappa delle TYR Pro Swim Series, che si è svolta tra il 16 ed il 19 dicembre a Knoxville, Tennessee, all’Allan Jones Intercollegiate Aquatic Center. TYR Pro Swim Series del 2020, che ha debuttato a Greensboro lo...
Read More

Champions Swim Series 2020, a Pechino Daiya Seto superstar

È giunta alla conclusione la seconda edizione della Champions Swim Series, per questo 2020 ridotta come numero di tappe - due al posto delle tre del 2019 - e localizzata, entrambi gli appuntamenti si sono svolti in Cina. A Pechino tornano in vasca molti dei...
Read More

È stato un campionato più qualitativo che quantitativo, con meno società accreditate, meno iscrizioni gara rispetto ai recenti Assoluti Primaverili e l’assenza, da regolamento, di staffette nel programma.

Per la prima volta nella storia, in ogni finale femminile c’è stata almeno un’atleta nata dal 2000 in poi, mentre tra i maschi sono sempre meno le gare che non presentano atleti del “nuovo millennio”.

Lo svecchiamento del gruppo è sensibile, nonostante ci siano ancora diversi atleti degli anni ’80 a resistere tra i migliori in Italia.

La finale più giovane è quella dei 200 misti donne (18.38 anni di media), la più vecchia i 100 e 200 stile donne (24.88).

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

About The Author

Luca Soligo

Appassionato di sport, analizzatore di numeri e statistiche, raccoglitore di curiosità. Nato, cresciuto e peggiorato in piscina. In una parola: Fattidinuoto.

Ultimi Tweet

?>