È stata un’edizione insolita, quella degli Assoluti Open 2019, che si è svolta a Riccione tra il 12 ed il 14 dicembre.

Al posto dei soliti Campionati Invernali, la Federazione Italiana Nuoto ha proposto una formula semi trials, con gare in vasca lunga, batterie al mattino e finali al pomeriggio (condensate in 3 giorni) e soprattutto possibilità di qualificarsi per l’Olimpiade di Tokyo 2020, nuotando però un tempo decisamente basso.

La tabella tempi limite, appositamente studiata per l’occasione, aveva criteri talmente restrittivi da riportare, in certi casi, crono che portano direttamente alla finale Olimpica, se non addirittura al podio.

In pochissimi, tra gli azzurri, potevano vantare un personale più basso di tale tabella, mentre per il resto del gruppo la speranza, per centrare la qualificazione già a dicembre, era di nuotare abbondantemente sotto il proprio personale. La nazionale italiana, reduce da una settimana a Glasgow per gli Europei in vasca corta e da un inizio di stagione impegnativo e denso di gare (tra le quali la nuova ISL), si presentava all’evento in cerca di miracoli.

Solo in quattro sono riusciti nell’impresa.

Come anticipato solo in 4 si sono già assicurati il biglietto per Tokyo 2020: due di loro, Quadarella e Paltrinieri, sono rispettivamente campioni mondiale ed olimpico della distanza; una è campionessa europea, Panziera, e l’ultimo, Nicolò Martinenghi, ha dovuto addirittura infrangere il record italiano per riuscire nell’impresa.

Chi ci è andato vicino, come Burdisso e Restivo, fa parte comunque dell’élite mondiale ed a marzo, con un tempo limite meno selettivo, avrà la chance di potersi qualificare, esattamente come i grandi campioni, Detti e Pellegrini, arrivati a Riccione non al top della forma.

Ne esce una nazionale comunque forte, in grado di recepire le sfide che il DT e la Federnuoto le pongono e rimettere le cose nella giusta prospettiva.

Anche nel confronto con le recenti edizioni degli Assoluti Primaverili, questi Campionati non sfigurano per niente.

In sei casi, tre maschili e tre femminili, il vincitore ha nuotato il miglior tempo delle ultime 5 edizioni, ovvero dal 2016 preolimpico.

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...
Read More

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...
Read More

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...
Read More

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...
Read More

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...
Read More

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...
Read More

È stato un campionato più qualitativo che quantitativo, con meno società accreditate, meno iscrizioni gara rispetto ai recenti Assoluti Primaverili e l’assenza, da regolamento, di staffette nel programma.

Per la prima volta nella storia, in ogni finale femminile c’è stata almeno un’atleta nata dal 2000 in poi, mentre tra i maschi sono sempre meno le gare che non presentano atleti del “nuovo millennio”.

Lo svecchiamento del gruppo è sensibile, nonostante ci siano ancora diversi atleti degli anni ’80 a resistere tra i migliori in Italia.

La finale più giovane è quella dei 200 misti donne (18.38 anni di media), la più vecchia i 100 e 200 stile donne (24.88).

Foto: Fabio Cetti | Corsia4