Sarà un’edizione quantomai particolare, quella degli Assoluti Open 2020, degna conclusione di un anno che ci ha davvero messo davanti a situazioni totalmente inaspettate.

Lo Stadio del Nuoto di Riccione ospiterà una rassegna che non decreterà solo i Campioni Italiani, ma darà anche i pass per le Olimpiadi di Tokyo, esattamente come successo un anno fa, prima dell’inizio della pandemia.

I Temi

Come abbiamo già scritto, oltre ai quattro qualificati del 2019, la Federazione ha riconosciuto altri quattro pass olimpici d’ufficio, basati sui risultati del Settecolli e sulla posizione in graduatoria mondiale degli atleti in questione. Al netto delle decisioni prese dal DT Butini e della difficoltà dei tempi limite, non è escluso che qualcuno riesca già ad assicurarsi la partecipazione olimpica.

A partire da Federica Pellegrini, che ha ufficialmente rifiutato il pass federale per guadagnarsi la sua quinta olimpiade direttamente in vasca. Il tempo limite nei 200 stile è 1’55”4, crono che ha nuotato in 17 occasioni in carriera (ultima delle quali ai mondiali di Gwangju 2019) ma che non è sicuramente semplice da ripetere. Per Pellegrini, che ha anche dovuto interrompere la preparazione a causa del Covid-19, sarà probabilmente una prova generale per tentare l’assalto decisivo a marzo, agli Assoluti Primaverili, quando la finestra si aprirà con un più agile 1’56”9.

I possibili protagonisti

Una delle sfide più attese è quella tra le raniste, Arianna Castiglioni, Martina Carraro e Benedetta Pilato: in un caso più unico che raro per l’Italia, un’atleta con tempi da finale olimpica dovrà rimanere a casa e vedere le gare in tv.

Il tempo di qualificazione – 1’06”4 – è decisamente selettivo, ma sia Carraro che Castiglioni l’hanno già nuotato in carriera; Pilato, invece, ha dalla sua l’imprevedibilità e la crescita spaventosa fatta vedere nel corso dell’ultimo anno. In ogni caso, sarà dura doverne lasciare a casa una.

Con Caramignoli, Detti e De Tullio qualificati d’ufficio e Quadarella e Paltrinieri già in possesso del pass dall’anno scorso, il mezzofondo azzurro ha ancora pochi posti olimpici a disposizione. Provera ad accaparrarsene uno Domenico Acerenza, che sui 1500 vanta già una finale mondiale anche se il tempo, 14’45”, è 5 secondi più basso del suo personale.

ItalNuoto e Olimpiadi | il Medagliere azzurro

Oggi inauguriamo una nuova rubrica che ci accompagnerà - speriamo - verso le prossime Olimpiadi di Tokyo2020one. Vi racconteremo, con numeri, grafiche e aneddoti la storia degli azzurri del nuoto alle Olimpiadi. In questo primo appuntamento scopriremo il Medagliere...
Read More

Training Lab, Modelli di allenamento a confronto: esempio della Gran Bretagna

Per rendersi conto del livello sempre più elevato del nuoto mondiale, al di là del miglioramento dei record, basta porre attenzione al crescere della densità delle prestazioni negli appuntamenti agonistici di primo piano, le Olimpiadi in primis. Infatti, in occasione...
Read More

Le affinità elettive: il calendario gare e me

Tipo... hai presente quell’amico di infanzia, con cui giocavi tutti i giorni, con cui eri in simbiosi, con cui avevi stabilito un rapporto fraterno? Quello che ad un certo punto le strade si sono separate, senza rancori nè traumi, solo per casi diversi della vita?...
Read More

Corsia Master, Regionali Liguria 2021 alla Sciorba il 20 e 21 febbraio

Il Comitato Regionale Ligure come previsto da calendario nazionale, organizza i propri Campionati Regionali riservati alla categoria Master che si svolgeranno a Genova sabato 20 e domenica 21 febbraio 2021 presso la piscina dell’impianto Polisportivo “La Sciorba”. I...
Read More

Gli appuntamenti del nuoto in vasca e acque libere verso Tokyo2020one

2021! Sappiamo tutti che non basterà svoltare l’angolo del nuovo anno per ritornare a godere al 100% del nostro amato mondo del nuoto. La strada è ancora lunga e gli imprevisti sono all’ordine del giorno. Ma un sogno si staglia all’orizzonte: i Giochi Olimpici. Per...
Read More

Nuovo Anno e Gratitudine

Il 2020 si conclude così, con un inizio che si potrebbe definire ordinario, ed una fine all’interno di una situazione straordinaria: la pandemia. Proviamo a spostare il focus da tutti questi temi: il virus COVID-19, la fatica da Pandemia, la capacità di far fronte...
Read More

Nella farfalla, Federico Burdisso è qualificato d’ufficio nei 200, mentre nei 100 sia Elena Di Liddo che Piero Codia hanno personali più bassi del limite olimpico (57”1 e 51”0), ma la loro preparazione è un’incognita.

Alessandro Miressi ha fatto vedere buone cose alla ISL, e presentarsi a Riccione con 47”9 significherebbe aver fatto il salto di qualità definitivo. A meno di complicazioni gravi, la qualificazione di questi tre 100metristi dovrebbe essere facilitata anche dall’importanza che hanno in funzione delle staffette.

C’è curiosità anche per Ilaria Cusinato, che nei 400 misti ha già nuotato meno del limite (4’36”) e che sarebbe davvero un grande ri-acquisto per la Nazionale.

Saranno molti gli assenti, tra i quali anche Fabio Scozzoli, che come aveva già anticipato al rientro da Budapest si trova alle prese con alcuni problemi al gomito confermati dagli approfondimenti medici. I nostri migliori auguri per una pronta guarigione e un veloce recupero per poter tornare presto in in vasca, a lui così come a tutti gli atleti fermati dal Covid-19 sia per problemi di salute che logistici.

In attesa di vedere se qualche atleta sarà in grado di conquistare in vasca il pass olimpico, vediamo insieme i Campioni delle ultime due edizioni: Assoluti Open di dicembre 2019 e Settecolli – Assoluti di agosto 2020.