Nel valutare i numeri di questo Campionato Assoluto Open 2020 bisogna tenere conto delle diverse variabili che hanno caratterizzato il 2020, quello che potremmo definire come l’anno meno sportivo degli ultimi tempi.

Escludendo il Settecolli e la ISL, di gare se ne sono viste davvero poche, e gli atleti hanno avuto possibilità di preparazione e percorsi differenti, giungendo quindi a questo appuntamento – che metteva comunque in palio i pass olimpici – con condizioni di forma altrettanto diverse.

Presenze

Il Covid-19 e le sue conseguenze hanno falcidiato la preparazione di quasi tutti i nuotatori italiani, influendo pesantemente sui numeri di partenza della manifestazione.

Sono quindi in calo, rispetto agli scorsi anni, sia gli atleti che le società iscritte, ma anche le presenze gara, dato quest’ultimo addirittura dimezzato se confrontato con quello degli Assoluti (Primaverili) del 2018.

I qualificati per Tokyo

Il numero dei qualificati ufficiali a Tokyo 2020 sale a dieci: Thomas Ceccon nei 100 dorso e Benedetta Pilato nei 100 rana si aggiungono a Paltrinieri, Quadarella, Panziera e Martinenghi (qualificati agli Assoluti 2019) e a Detti, Caramignoli, De Tullio e Burdisso (qualificati d’ufficio per scelta della FIN).

In questa lista bisogna inserire anche Federica Pellegrini che, nonostante abbia rifiutato pubblicamente la qualificazione “federale” dichiarando di voler fare il tempo limite in vasca, è comunque da considerarsi imprescindibile per la nazionale italiana.

ItalNuoto e Olimpiadi | il Medagliere azzurro

Oggi inauguriamo una nuova rubrica che ci accompagnerà - speriamo - verso le prossime Olimpiadi di Tokyo2020one. Vi racconteremo, con numeri, grafiche e aneddoti la storia degli azzurri del nuoto alle Olimpiadi. In questo primo appuntamento scopriremo il Medagliere...
Read More

Training Lab, Modelli di allenamento a confronto: esempio della Gran Bretagna

Per rendersi conto del livello sempre più elevato del nuoto mondiale, al di là del miglioramento dei record, basta porre attenzione al crescere della densità delle prestazioni negli appuntamenti agonistici di primo piano, le Olimpiadi in primis. Infatti, in occasione...
Read More

Le affinità elettive: il calendario gare e me

Tipo... hai presente quell’amico di infanzia, con cui giocavi tutti i giorni, con cui eri in simbiosi, con cui avevi stabilito un rapporto fraterno? Quello che ad un certo punto le strade si sono separate, senza rancori nè traumi, solo per casi diversi della vita?...
Read More

Corsia Master, Regionali Liguria 2021 alla Sciorba il 20 e 21 febbraio

Il Comitato Regionale Ligure come previsto da calendario nazionale, organizza i propri Campionati Regionali riservati alla categoria Master che si svolgeranno a Genova sabato 20 e domenica 21 febbraio 2021 presso la piscina dell’impianto Polisportivo “La Sciorba”. I...
Read More

Gli appuntamenti del nuoto in vasca e acque libere verso Tokyo2020one

2021! Sappiamo tutti che non basterà svoltare l’angolo del nuovo anno per ritornare a godere al 100% del nostro amato mondo del nuoto. La strada è ancora lunga e gli imprevisti sono all’ordine del giorno. Ma un sogno si staglia all’orizzonte: i Giochi Olimpici. Per...
Read More

Nuovo Anno e Gratitudine

Il 2020 si conclude così, con un inizio che si potrebbe definire ordinario, ed una fine all’interno di una situazione straordinaria: la pandemia. Proviamo a spostare il focus da tutti questi temi: il virus COVID-19, la fatica da Pandemia, la capacità di far fronte...
Read More

La nuova generazione

C’è chi ha chiamato questa edizione degli Assoluti come quella del passaggio di consegne, ed un primo indizio riguarda i quattro primati italiani caduti:

  • 100 dorso uomini: Ceccon 52”84 (precedente Sabbioni, 53”84)
  • 100 rana donne: Pilato 1’06”02 (precedente Carraro 1’06”36)
  • 50 rana donne: Pilato 29”61 (precedente Pilato 29”85)
  • 50 rana uomini: Martinenghi 26”56 (precedente Scozzoli 26”70)

Interessante notare come, in questo caso, si tratti di un vero e proprio cambio generazionale, in quanto Ceccon (2001) batte Sabbioni (1996), Pilato (2005) batte Carraro (1993), e Martinenghi (1999) batte Scozzoli (1988).

Una tendenza al ringiovanimento confermata anche dalla media età dei primi otto classificati, che è di meno di 22 anni tra le donne (dato che conferma quello del 2019) e di meno di 23 tra gli uomini (nel 2019 superava i 23 anni).

Una tendenza al ringiovanimento confermata anche dalla media età dei primi otto classificati, che è di meno di 22 anni tra le donne (dato che conferma quello del 2019) e di meno di 23 tra gli uomini (nel 2019 superava i 23 anni).

Anche se non si tratta di veri e propri finalisti, per la prima volta nella storia abbiamo avuto una gara con le prime otto posizioni occupate interamente da atlete nate dal 2000 in poi. Si tratta dei 200 dorso femminili che, complice l’assenza di Margerita Panziera (1996), hanno la media età più bassa degli assoluti (18.5). Di contro, la gara più vecchia sono i 50 stile uomini seguiti dai 200 misti (che sono stati gara più vecchia l’anno scorso).

Crono alla mano

Il livello medio, anche al netto delle assenze e considerato il percorso del 2020, non ha deluso, anche se i tempi degli ottavi sono stati in media decisamente più alti rispetto al 2019.

Quanto ai tempi dei vincitori, quelli del 2020 sono stati migliori nel confronto con gli Assoluti 2019 e con il Settecolli 2020 solo in 7 casi, 4 maschili (i record italiani di Ceccon e Martinenghi, più il 50 farfalla sempre di Ceccon ed il 50 dorso di Michele Lamberti) e 3 femminili (50 e 100 rana di Pilato, 50 dorso di Silvia Scalia).

Significativo che solo due di queste distanze siano olimpiche, proprio quelle che hanno fornito i pass a Ceccon (100 dorso) e Pilato (100 rana), a testimonianza del fatto che in molti dei non qualificati hanno deciso di puntare direttamente a marzo, quando la preparazione sarà più completa e paritaria. Almeno si spera.