Seconda “puntata” per l’edizione speciale della nostra rubrica statistica che ci accompagnerà fino ai prossimi Giochi Olimpici.

Dopo la gara regina – i 100 stile libero – ci giriamo a pancia in su con i 100 dorso.

SwimStats Tokyo2020 Special ci racconterà la storia di ognuna delle gare olimpiche del nuoto, partendo dagli albori fino ai giorni nostri. Scopriremo i protagonisti di ogni specialità, le curiosità che contraddistinguono ogni stile e distanza e i favoriti per la prossima XXXII Olimpiade di Tokyo2020.

Siete pronti per questo viaggio nella storia del nuoto? Andiamo…

I 100 dorso sono specialità olimpica fin dagli albori dei giochi, più precisamente dall’edizione di Londra 1908 per i maschi e da Parigi 1924 per le femmine, con l’unica eccezione di Tokyo 1964, quando gli uomini non li disputarono a favore dei 200 dorso.

Si tratta di una distanza ampiamente dominata dagli atleti statunitensi, che per tradizione hanno quasi sempre avuto dei grandi specialisti in grado sia di primeggiare da singoli che di aprire la staffetta mista con una frazione di altissimo livello.

Medagliere Olimpico

L’egemonia a ‘stelle&strisce’, che deriva da un preciso intento programmatico, si traduce nel conteggio totale del medagliere olimpico, che vede assegnati agli USA 26 dei 46 ori disponibili, 15 maschili ed 11 femminili. La rivale più vicina è la defunta DDR a quota 5 ori totali, con Australia, Ungheria, Giappone e Olanda ferme a quota 2.

L’Italia non ha mai trovato uno specialista in grado di imporsi a livello mondiale in questa distanza e i piazzamenti migliori sono di Manuela Carosi, ottava a Mosca 1980, ed Emanuele Merisi, sesto ad Atlanta 1996, a mezzo secondo dal podio.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...
Read More

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...
Read More

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...
Read More

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...
Read More

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...
Read More

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...
Read More

I Campioni Olimpici

Le gare di nuoto delle Olimpiadi del 1908 furono le prima a disputarsi in uno stadio e non in acque libere: il White City di Londra fu costruito appositamente per l’occasione e la piscina era lunga 100 metri.

In questo scenario, il tedesco Arno Bieberstein è stato in grado di vincere con il tempo di 1’24”6, diventando così il primo campione olimpico dei 100 dorso. Il primo grande personaggio della specialità fu invece Warren Kealoha, americano di origine hawaiana campione nel ‘20 ad Anversa e nel ‘24 a Parigi.

Gli altri atleti che si possono fregiare del titolo di bi-campione olimpico dei 100 dorso sono l’australiano David Theile, l’americano Aaron Peirsol ed il tedesco della DDR Roland Matthes.

Il record olimpico – 51”97 – è del campione in carica, Ryan Murphy, che a Rio 2016 ha continuato la striscia che vede gli USA vincere quest’oro ininterrottamente dal 1996.

Nel 1924 a Parigi si gareggiò per la prima volta in vasca da 50 metri, e la prima campionessa olimpica dei 100 dorso fu, guardacaso, una statunitense, Sybil Bauer.

La campionessa in carica è Katinka Hosszú, che ha spezzato la striscia statunitense di tre ori consecutivi, riportando il titolo in Ungheria dopo la storica vittoria a Barcellona 1992 di Krisztina Egerszegi.

Natalie Coughlin , che lo scorso autunno è tornata alle competizioni gareggiando nella International Swimming League, vinse ad Atene 2004 confermandosi poi a Pechino quattro anni più tardi ed è l’unica donna nella storia in grado di ripetere il titolo olimpico.

La Curiosità

C’è un titolo che non è ufficiale, ma è ufficialmente condiviso nel mondo del nuoto, ovvero quello di più grande dorsista di tutti i tempi. Quel titolo è idealmente di Roland Matthes, tedesco della DDR imbattuto nelle grandi competizioni dal 1966 al 1974 e scomparso lo scorso 20 dicembre all’età di 69 anni.

La sua striscia di 187 vittorie consecutive in gare a dorso è iniziata proprio a Città del Messico nel 1968, quando diede 2 secondi al secondo classificato nei 100 dorso vincendo il suo primo titolo olimpico. Si dice che Matthes, soprannominato “sughero” per le straordinarie capacità di galleggiamento in acqua, fosse in grado di dosare le proprie forze per migliorare i suoi record del mondo poco alla volta così da incassare ripetutamente i premi che la DDR elargiva ai propri atleti.

Alla fine della sua quasi mitologica carriera saranno 16 i record del mondo, 4 gli ori olimpici e 3 quelli mondiali.

Tokyo 2020

Nel dopo Rio 2016, Katinka Hosszú ha progressivamente ridotto il suo insostenibile programma gare, sfoltendo l’ampissima rosa di specialità e distanze che era abituata a nuotare, e spesso dominare, nel quadriennio precedente. Nei Mondiali 2017, la campionessa olimpica in carica ha rinunciato ai 100 dorso dopo le batterie – a causa dell’accavallarsi dei turni con altre gare – e nel 2019 non ha nemmeno partecipato.

Nel frattempo, Kyle Masse ha vinto entrambi gli ori iridati e sarebbe la favorita anche per l’oro olimpico, se non fosse che, a Gwangju 2019, è sbarcata sul piano vasca Regan Smith. Dopo aver stravinto i 200, la giovanissima americana – classe 2002 – ha aperto la 4x100 mista USA a con il nuovo record del mondo, 57”57, rimescolando le carte del dorso modiale in meno di una settimana. Per quano dimostrato in Corea, sarebbe strano non vederla sul gradino più alto del podio olimpico a Tokyo. Masse, Baker, Seebohm e la new entry Minna Atherton dovrebbero farle da contorno.

Diverso il discorso tra i maschi, dove Ryan Murphy non ha più confermato quanto di buono fatto a Rio venendo per due volte battuto dal cinese Xu Jiayu, campione del mondo sia a Budapest che a Gwangju ed alla data attuale favorito per Tokyo 2020.

La lotta per l’oro potrebbe vedere anche il ritorno di Matt Grevers, campione nel 2012, e Mitchell Larkin, iridato nel 2015, mentre tra gli outsider metterei i russi Rylov e Kolesnikov oltre all’idolo di casa, Ryosuke Irie. Ma il podio del talentuoso giapponese è, probabilmente, più un sogno da appassionato del bel nuoto che una reale speranza.

SwimStats Tokyo2020 Special - Tutti gli articoli

Foto: Fabio Cetti | Corsia4