Era nell’aria, ora è ufficiale: le Olimpiadi di Tokyo si svolgeranno nel 2021, dal 23 luglio all’8 agosto, le Paralimpiadi dal 24 agosto al 5 settembre.

Lo comunica il CIO, con una nota ufficiale neanche una settimana dopo aver annunciato che i Giochi non si sarebbero svolti nelle date originali a causa dell’emergenza mondiale Covid-19.

La decisione, si legge nel comunicato, è presa per “proteggere la salute degli atleti e di chiunque sia coinvolto nell’organizzazione, salvaguardare gli interessi degli atleti, dello sport Olimpico e dei calendari sportivi internazionali” .

Il presidente del CIO Tomas Bach:

Ringrazio tutti, dalle federazioni nazionali agli atleti. Il mondo si trova in un tunnel oscuro, spero che le Olimpiadi possano essere la luce al termine.

Il presidente del IPC, il Comitato Paralimpico, Andrew Parsons:

È una notizia fantastica. Ora dobbiamo solamente pensare alla salute dei nostri atleti.

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

Il presidente del comitato organizzativo Tokyo2020, Mori Yoshirō:

La tempestività di questa decisione ci aiuterà ad organizzare tutto per il meglio. Stiamo già lavorando duramente per la buona riuscita dei Giochi l’anno prossimo.

Il Governatore Koike Yuriko:

Avevamo bisogno di una certa quantità di tempo per riorganizzare il tutto in maniera sicura e sia per gli atleti che per gli spettatori. La corrispondenza di date ci aiuterà anche logisticamente, con i biglietti per gli eventi di trasporti.

Al termine del comunicato, si conferma che gli atleti già qualificati rimarranno tali, così come il nome delle XXXII Olimpiadi.

Finisce così il periodo di indecisione per lo sport mondiale ed inizia quello di riorganizzazione dei calendari sia nazionali, con la ridefinizione delle prove di qualificazione, sia internazionali, con i Mondiali 2021 di Fukuoka da ripensare.

Foto: Tokyo2020 | Uta Mukuo