Ai piedi di San Marino si è svolto il 15 e 16 febbraio il 18° Meeting del Titano, evento utile alla qualificazione alle prossime Olimpiadi, che ha visto scendere in acqua una selezione di quindici azzurri: sei femmine e nove maschi.

Poche sorprese però nella vasca di Serravalle, dove il grosso carico in vista del periodo caldo della stagione si è fatto sentire in pratica per tutti gli atleti di un certo livello presenti in acqua.

Chi ha brillato di più è sicuramente Martina Rita Caramignoli, scatenata nel mezzo fondo e autrice del suo personale nei 400 stile: con 4’08’’69 cancella il 4’09’’34 nuotato il 2 agosto a Roma confermandosi tra le azzurre più in forma in questo periodo, il tutto avvalorato dal fatto di non aver avuto, come in occasione del Nico Sapio o degli Assoluti Invernali, il traino di Simona Quadarella a darle una mano. La reatina chiude anche gli 800 stile in 8’30’’36 (a circa tre secondi dal personale) e i 1500 in 16’10’’70, anche qui non lontanissima dal personal best.

In scia alla Caramignoli bene Giulia Salin, seconda sia negli 800 in 8’36’’25 che nei 1500 in 16’44’’34.

Altra donna protagonista è Silvia Di Pietro, che lentamente sembra ritornare quella pre-infortunio. La romana vince 50 e 100 stile in 25’’39 (secondo crono stagionale italiano) e 55’’16 rispettivamente davanti ad Aglaia Pezzato nella vasca secca (con il suo migliore dal 2016) e a Laura Letrari che tocca in 55’’16.

Di Pietro che si impone anche nei 50 farfalla, vincendo in 26’’46 davanti a Ilaria Bianchi, che chiude in 27’’24. La romagnola vince poi i 100 in 59’’80, unica sotto il muro del minuto, e i 200 in 2’13’’32.

Il Nuotatore Master ai tempi della quarantena

Non esiste pesce fuor d’acqua più fuor d’acqua del nuotatore master al tempo della quarantena. La chiusura delle piscine penalizza significativamente un pubblico vasto e variegato: i teneri infanti dei corsi di avviamento all’acquaticità, gli scalpitanti ragazzini...

Tokyo 2020ne, parlano i CT di nuoto e atletica Butini e La Torre

Il coronavirus ha cambiato la vita di ognuno di noi. Da più di un mese ci troviamo alle prese con piccoli e grandi problemi di riorganizzazione, di riadattamento, di ricalcolo delle nostre esistenze. Il lavoro, la scuola, lo sport, le relazioni, non sono - e...

L’International Swimming League avvia un programma di Solidarietà

L'International Swimming League ha scritto a tutte le società e atleti ISL in merito all'avvio del suo programma di solidarietà. Saranno previsti per tutti gli atleti ISL - o che firmeranno un contratto con essa - degli aiuti economici al fine di aiutare i nuotatori a...

SwimStats Tokyo2020 Special | i 400 Misti

Stesso posto, stesse date, ma nel 2021! I Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo2020 - si esatto si continueranno a chiamare così! - si terranno un anno dopo quanto precedentemente schedulato cioè dal 23 luglio all'8 agosto 2021. L'edizione speciale della nostra...

I Nuotatori sono Ottimisti

“Alessandro, tu sei un ottimista?” Non me l’aveva mai fatta nessuno quella domanda. “Sì prof, sa, sono un nuotatore, lo devo essere per forza!” Lo capii tardi, al liceo, e sapere il punto d’origine di questo lato del mio carattere era ormai impossibile. Lo ero sempre...

Tokyo 2020 le date del 2021: 23 luglio Olimpiadi, 24 agosto Paralimpiadi

Era nell’aria, ora è ufficiale: le Olimpiadi di Tokyo si svolgeranno nel 2021, dal 23 luglio all’8 agosto, le Paralimpiadi dal 24 agosto al 5 settembre. Lo comunica il CIO, con una nota ufficiale neanche una settimana dopo aver annunciato che i Giochi non si sarebbero...

Nei misti brilla Anna Pirovano, imponendosi nei 200 in 2’15’’23 pochi decimi meglio di Laura Letrari, mentre nei 400 torna al successo Luisa Trombetti, prima in 4’48’’00. Pirovano presente anche nella rana, dominata dal trio Castiglioni-Scarcella-Fangio.

La prima si aggiudica i 50 in 31’’17 davanti alla Scarcella, che si “vendica” avendo la meglio nei 100 in 1’08’’97. I 200 invece sono affare della Fangio, oro in 2’26’’94.

Se in campo femminile il tempo di rilievo è arrivato, tra gli uomini manca lo squillo e i tempi sono ancora sottotono. Nella velocità pura Andrea Vergani chiude i 50 in 22’’48 e Ivano Vendrame si impone nei 100 in 49’’93, unico sotto il muro dei 50’’.

Filippo Megli conquista i 200 in 1’49’’58, mentre nel dorso troviamo tre vincitori diversi: Matteo Milli nei 50 chiude primo in 25’’88 un decimo meglio di Sabbioni, che però si impone nei 100 in 55’’35. La distanza più lunga va a Manuel Turchi in 2’01’’64 davanti a Lorenzo Mora.

Nella rana è Alessandro Pinzuti il migliore. I 50 e 100 sono affar suo, con un buon 27’’91, unico sotto i 28’’, mentre nei 100 è lontano dai suoi migliori e chiude in 1’01’’88. Nei 200, conferma la buona condizione Edoardo Giorgetti, vincendo in 2’13’’93.

Scende in acqua anche Matteo Rivolta: il lombardo che punta a tornare nel giro della Nazionale vince i 50 farfalla in 23’’92 e i 100 in 52’’92.

Infine i misti: doppietta per i fratelli Matteazzi. Nei 200 Massimiliano vince in 2’02’’33 davanti al fratello, mentre nei 400 è Pier Andrea ad imporsi nettamente in 4’16’’67.

Prossima tappa per gli eventi del calendario nazionale a Milano con il 10° Trofeo Città di Milano che chiude anche la settima edizione del Gran Prix d’Inverno.

18° Meeting del Titano, San Marino 15-16/02/2020 - I convocati azzurri

Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/NC Azzurra 91), Paola Biagioli (Carabinieri/RN Florentia), Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle/Team Insubrika), Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene), Nicoletta Ruberti (NC Azzurra 91), Silvia Scalia (Fiamme Gialle/CC Aniene)

Pier Andrea Matteazzi (Esercito/In Sport Rane Rosse), Filippo Megli (Carabinieri/RN Florentia), Lorenzo Mora (Fiamme Rosse/Ass. Amici del Nuoto), Matteo Restivo (Carabinieri/RN Florentia), Matteo Rivolta (Fiamme Oro/CC Aniene), Simone Sabbioni (Esercito/Swim Pro SS9), Ivano Vendrame (Esercito/Larus Nuoto), Andrea Vergani (Nuotatori Milanesi), Lorenzo Zazzeri (Esercito/RN Florentia)

Staff: tecnico federale Fabrizio Bastelli e il tecnico Alessandro Mencarelli.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4