Ai piedi di San Marino si è svolto il 15 e 16 febbraio il 18° Meeting del Titano, evento utile alla qualificazione alle prossime Olimpiadi, che ha visto scendere in acqua una selezione di quindici azzurri: sei femmine e nove maschi.

Poche sorprese però nella vasca di Serravalle, dove il grosso carico in vista del periodo caldo della stagione si è fatto sentire in pratica per tutti gli atleti di un certo livello presenti in acqua.

Chi ha brillato di più è sicuramente Martina Rita Caramignoli, scatenata nel mezzo fondo e autrice del suo personale nei 400 stile: con 4’08’’69 cancella il 4’09’’34 nuotato il 2 agosto a Roma confermandosi tra le azzurre più in forma in questo periodo, il tutto avvalorato dal fatto di non aver avuto, come in occasione del Nico Sapio o degli Assoluti Invernali, il traino di Simona Quadarella a darle una mano. La reatina chiude anche gli 800 stile in 8’30’’36 (a circa tre secondi dal personale) e i 1500 in 16’10’’70, anche qui non lontanissima dal personal best.

In scia alla Caramignoli bene Giulia Salin, seconda sia negli 800 in 8’36’’25 che nei 1500 in 16’44’’34.

Altra donna protagonista è Silvia Di Pietro, che lentamente sembra ritornare quella pre-infortunio. La romana vince 50 e 100 stile in 25’’39 (secondo crono stagionale italiano) e 55’’16 rispettivamente davanti ad Aglaia Pezzato nella vasca secca (con il suo migliore dal 2016) e a Laura Letrari che tocca in 55’’16.

Di Pietro che si impone anche nei 50 farfalla, vincendo in 26’’46 davanti a Ilaria Bianchi, che chiude in 27’’24. La romagnola vince poi i 100 in 59’’80, unica sotto il muro del minuto, e i 200 in 2’13’’32.

SwimStats | Olimpiadi: 35 eventi di nuoto, sono troppi?

A Tokyo 2020one faranno il loro debutto nel programma olimpico del nuoto gli 800 maschili, i 1500 femminili e la staffetta 4x100 mista mista, portando il totale di gare in vasca a 35 - alle quali vanno aggiunte le 10 km in acque libere. Secondo Jessica Danielle,...

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

Nei misti brilla Anna Pirovano, imponendosi nei 200 in 2’15’’23 pochi decimi meglio di Laura Letrari, mentre nei 400 torna al successo Luisa Trombetti, prima in 4’48’’00. Pirovano presente anche nella rana, dominata dal trio Castiglioni-Scarcella-Fangio.

La prima si aggiudica i 50 in 31’’17 davanti alla Scarcella, che si “vendica” avendo la meglio nei 100 in 1’08’’97. I 200 invece sono affare della Fangio, oro in 2’26’’94.

Se in campo femminile il tempo di rilievo è arrivato, tra gli uomini manca lo squillo e i tempi sono ancora sottotono. Nella velocità pura Andrea Vergani chiude i 50 in 22’’48 e Ivano Vendrame si impone nei 100 in 49’’93, unico sotto il muro dei 50’’.

Filippo Megli conquista i 200 in 1’49’’58, mentre nel dorso troviamo tre vincitori diversi: Matteo Milli nei 50 chiude primo in 25’’88 un decimo meglio di Sabbioni, che però si impone nei 100 in 55’’35. La distanza più lunga va a Manuel Turchi in 2’01’’64 davanti a Lorenzo Mora.

Nella rana è Alessandro Pinzuti il migliore. I 50 e 100 sono affar suo, con un buon 27’’91, unico sotto i 28’’, mentre nei 100 è lontano dai suoi migliori e chiude in 1’01’’88. Nei 200, conferma la buona condizione Edoardo Giorgetti, vincendo in 2’13’’93.

Scende in acqua anche Matteo Rivolta: il lombardo che punta a tornare nel giro della Nazionale vince i 50 farfalla in 23’’92 e i 100 in 52’’92.

Infine i misti: doppietta per i fratelli Matteazzi. Nei 200 Massimiliano vince in 2’02’’33 davanti al fratello, mentre nei 400 è Pier Andrea ad imporsi nettamente in 4’16’’67.

Prossima tappa per gli eventi del calendario nazionale a Milano con il 10° Trofeo Città di Milano che chiude anche la settima edizione del Gran Prix d’Inverno.

18° Meeting del Titano, San Marino 15-16/02/2020 - I convocati azzurri

Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/NC Azzurra 91), Paola Biagioli (Carabinieri/RN Florentia), Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle/Team Insubrika), Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene), Nicoletta Ruberti (NC Azzurra 91), Silvia Scalia (Fiamme Gialle/CC Aniene)

Pier Andrea Matteazzi (Esercito/In Sport Rane Rosse), Filippo Megli (Carabinieri/RN Florentia), Lorenzo Mora (Fiamme Rosse/Ass. Amici del Nuoto), Matteo Restivo (Carabinieri/RN Florentia), Matteo Rivolta (Fiamme Oro/CC Aniene), Simone Sabbioni (Esercito/Swim Pro SS9), Ivano Vendrame (Esercito/Larus Nuoto), Andrea Vergani (Nuotatori Milanesi), Lorenzo Zazzeri (Esercito/RN Florentia)

Staff: tecnico federale Fabrizio Bastelli e il tecnico Alessandro Mencarelli.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4