Trieste si mette il vestito elegante per onorare al meglio i 100 anni della sua storica società, la Triestina Nuoto e lo fa regalando a tutti i friulani una due giorni gare ricca di spettacolo e soprattutto grandi nomi!

Già perché al Trofeo dei 100 anni – Memorial Calligaris non sono mancati i big del nuoto italiano ed europeo.

La stella indiscussa è Federica Pellegrini, che non scalda solo i cuori su Instagram con i suoi scatti social ma anche in vasca, dove dimostra di avere ancora la gamba buona per i suoi 200 stile.

Vittoria in 1’56″98, nuotando vicino a quanto registrato agli Assoluti e migliore prestazione della manifestazione. La Divina è l’unica a mantenere alta l’asticella dei tempi.

Orfani dei preannunciati Gabriele Detti e Piero Codia la scena, oltre alla Pellegrini, la ruba László Cseh, non proprio uno qualunque.

Il pluricampione europeo e mondiale, nonché medagliato olimpico, vince 100 e 200 farfalla (53″74 e 2’01″43) ma anche 200 e 400 misti (2’03″88 e 4’29″01) non mollando lo scettro ai più giovani e agguerriti rivali. Tutti lo sogniamo per l’ennesima Olimpiade, ma la strada è ancora lunga e impervia.

Swim Stats, anno 2020: un Settecolli Assoluto

Dunque, dove eravamo rimasti? Nei piani originari, il SetteColli 2020 doveva tenersi dal 26 al 28 giugno ed era stato individuato come ultima occasione per ottenere la qualificazione ai Giochi Olimpici di Tokyo. Come da prassi ormai consolidata, il DT Butini avrebbe...

Il MaxSwimFitBootCamp: esperienza sull’allenamento del nuoto moderno

Dopo tante puntate della nostra rubrica Training Lab volte a illustrare le evidenze scientifiche al supporto dell’allenamento del nuoto, sia in acqua che a secco, è giunto il momento di condividere un’esperienza pratica riguardo gli aspetti illustrati e discussi in...

57° Sette Colli, i convocati azzurri e gli aggiornamenti

A una settimana dal via del 57° Trofeo “Sette Colli” che si terrà dall'11 al 13 agosto nella splendida cornice dello Stadio del Nuoto di Roma, la Federazione rende noti i nomi dei convocati dal DT Cesare Butini. La manifestazione oltre a mantenere il suo carattere...

Sydney2000 Special, l’Olimpiade della svolta per l’Italia del Nuoto

Per capire bene cosa sono i Giochi Olimpici di Sydney 2000 per il nuoto azzurro, basta rileggere tre passaggi di articoli scritti da tre grandi firme dello sport italiano in quei giorni del settembre del 2000. Anzi, basterebbe leggere solo i nomi dei giornalisti per...

MDS Swim, stage Progetto Master 19/20 settembre a Poggio all’Agnello

Essere Atleta anche dopo i 40 anni si può, ma si devono mettere in pratica molti aspetti fondamentali che forse trascuri. MDS Swim Academy, con questo stage - il 19 e 20 settembre 2020 - vuole farti fare quel gradino di crescita personale per premiare le tue...

Pilato e Galossi brillano ai Regionali. Swim e 4 Nations Meet: si gareggia!

Dopo cinque mesi di lungo e sofferto - ma dovuto - stop alle competizioni, il nuoto sta gradualmente ritornando alla normalità. Ad un anno esatto dall’inizio dei Giochi di Tokyo, i nuotatori stanno riprendendo confidenza con un elemento fondamentale ed insostituibile...

Rimanendo in campo maschile da sottolineare le prove di un indomito Marco Belotti, che vince in 100 stile in 50″99, e soprattutto di Filippo Megli, che prosegue la rincorsa per il mondiale coreano imponendosi nei 200 in 1’49″31, risultando anche come la miglior prestazione maschile assoluta. La forma non è delle migliori, ovviamente, e questi tempi sono lontani parenti di quelli che ci aspettiamo di vedere tra qualche mese.

Anche tra le donne la stakanovista è una magiara: Zsusanna Jakabos, domina come il compagno di nazionale Cseh i 200 farfalla (2’15″39) e l’accoppiata 200 e 400 misti (2’17″77-4’52″54).

Non solo veterane però: la nuova gioventù sa già far parlare di se anche quando scendere in vasca e gareggiare si fa più difficile: Giulia D’Innocenzo, grande protagonista ai Giovanili, vince i 100 dorso (1’03″55) e i 50 farfalla (27″85), bis che riesce anche a Giulia Salin, oro nei 400 stile (4’16″53) e negli 800 (8’43″40).

Ma assieme a tutti questi big del nuoto c’erano anche i ragazzi del nuoto Paralimpico.

Tra questi grande prova dei fratelli Palazzo: prima Xenia Francesca ritocca il record europeo degli 800 stile categoria S8 con 10’24″22, poco dopo Misha fa crollare rispettivamente quello mondiale dei 1500, nuotando in 17’24″12, abbassandolo di oltre dieci secondi!

Foto: Fabio Cetti | Corsia4