Il 2020 del nuoto nordamericano è partito con la seconda tappa delle TYR Pro Swim Series, che si è svolta tra il 16 ed il 19 dicembre a Knoxville, Tennessee, all’Allan Jones Intercollegiate Aquatic Center.

TYR Pro Swim Series del 2020, che ha debuttato a Greensboro lo scorso novembre e vedrà le tre tappe future a Des Moines, Mission Viejo e Indianapolis, per gli atleti a stelle e strisce obiettivo qualificazione Trials che si terranno dal 21 al 28 giugno a Omaha (Nebraska).

Tante le stelle del National Team USA, e non solo, che hanno fatto vedere buoni spunti per questo 2020 olimpico, andiamo a scoprire tutti i risultati di questa tappa.

Dopo una partenza sottotono, con gli 800 che vanno a due diciannovenni, Erica Sullivan in 8’31”35 (poi vincitrice anche dei 400 in 4’06”36 e 1500 in 16’01″71) e Alexander Norgaard (danese, 7’59”63), dalla seconda giornata i big si sono fatti sentire e le prestazioni sono state molto interessanti.

Sarà l’avvicinarsi dell’evento olimpico ed il profumo delle medaglie, ma diversi atleti che negli ultimi periodi erano rimasti un po’ in ombra hanno dato segnali di ripresa. Come Allison Schmitt, già olimpionica dei 200 a Londra 2012, che ha vinto la distanza in 1’56”01 (oltre all’argento nei 400 in 4’09″98) , o la canadese Penny Oleksiak, oro a Rio nei 100 stile, che si ripropone nella gara regina e batte la co-campionessa olimpica Simone Manuel (53”41 contro 53”44). Proprio la Manuel ha dovuto affrontare un weekend non positivo, ed ha subito una sconfitta anche nei 50, persi di 6 centesimi (24”57 contro 24”63) da Erika Brown: se contiamo anche il secondo posto ottenuto nei 200, sono 3 argenti in fila.

Chi invece ha già scaldato i motori in vista dell’anno più importante è Regan Smith, vera e propria mattatrice del weekend di gare.

La giovane dorsista ha vinto, con i nuovi record della manifestazione, sia i 200 (2’05”94) che i 100 (58”26), nuotati questi dopo aver chiuso i 200 farfalla al secondo posto dietro alla Flickinger (2’08”32 contro 2’08”73). Per la campionessa del mondo in carica dei 200 dorso, che qui è giunta seconda anche nei 100 farfalla dietro ad Amanda Kendall (57”65 contro 57”86 primato personale), si tratta del primo tempo al modo in entrambe le distanze, anche se Kaylee McKeown ha già risposto dall’Australia con un 2’05”72 (e 58”52 nei 100).

Interessante la vittoria nei 50 stile del ventenne olandese Nyls Konstanje in 22”16, davanti al classe 2002 David Curtiss (22”50) mentre nei 100 la spunta l’immancabile Zach Apple in 48”98 su Ryan Held (49”09).

Carson Foster si prende i 200 stile in 1’47”74 davanti a Zane Grothe (1’49”07) che si aggiudica i 400 con il tempo di 3’48”38 e i 1500 in 15’19″77.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...

Nella rana femminile, interessante doppietta di Annie Lazor, che vince i 100 in 1’06”68 ed i 200 in 2’23”06, battendo in entrambi i casi Emily Escobedo. Non indimenticabili le vittorie maschili che vanno a Nicolas Fink nei 100 (1’00”00) e Will Licon nei 200 (2’10”34).

Madisyn Cox si impone in entrambe le prove dei misti toccando in 4’39”25 nei 400 e in 2’09”88 nei 200, davanti rispettivamente alla Flickinger ed alla Walsh. Nei maschi, Kieran Smith si aggiudica i 400 (4’16”36) e Carson Foster i 200 (1’59”50).

Mancano all’appello i vincitori al maschile del delfino, Giles Smith (52”26) e Mackenzie Darragh nei 200 (1’59”29), e del dorso, Justin Ress nei 100 (53”99) e Javier Acevedo (1’59”90), tutti lontani da tempi di primo livello.

Calendario TYR Pro Swim Series 2020

#1 6/9 novembre 2019 Greensboro, North Carolina
#2 16/19 gennaio 2020 Knoxville, Tennessee – Allan Jones Intercollegiate Aquatic Center

⇒ #3 4/7 marzo 2020 Des Moines, Iowa – MidAmerican Energy Aquatic Center at the Wellmark YMCA

#4 16/19 aprile 2020, Mission Viejo, California – Marguerite Aquatic Center
#5 6/9 maggio 2020 Indianapolis, Indiana – IU Natatorium

Foto: Mike Lewis | USA Swimming | Facebook