Una piscina olimpica permanente e realizzata ex novo per l’Universiade.

Sono in corso alla Scandone di Napoli i lavori per la realizzazione della vasca esterna di riscaldamento per gli atleti.

Si tratta di una nuova realizzazione necessaria per lo svolgimento della manifestazione internazionale; la struttura, posta all’esterno della piscina che ospiterà le competizioni previste per il nuoto e le finali del torneo di pallanuoto andrà ad ampliare il complesso della Scandone.

Quando ho visitato la Piscina Scandone mi si sono illuminati gli occhi.

racconta Massimiliano Rosolino, oro olimpico a Sydney 2000 e ambassador di Napoli 2019.

La vasca esterna andrà ad arricchire un impianto che dispone di più di duemila posti a sedere. Da napoletano e da nuotatore trovo sia una grandissima opportunità per la città di Napoli, l’intervento dell’Universiade ha reso la Scandone un impianto di grande valore, come tanti ne ho ammirati durante la mia carriera. Sicuramente ne faremo tesoro.

Swim Stats, anno 2020: un Settecolli Assoluto

Dunque, dove eravamo rimasti? Nei piani originari, il SetteColli 2020 doveva tenersi dal 26 al 28 giugno ed era stato individuato come ultima occasione per ottenere la qualificazione ai Giochi Olimpici di Tokyo. Come da prassi ormai consolidata, il DT Butini avrebbe...

Il MaxSwimFitBootCamp: esperienza sull’allenamento del nuoto moderno

Dopo tante puntate della nostra rubrica Training Lab volte a illustrare le evidenze scientifiche al supporto dell’allenamento del nuoto, sia in acqua che a secco, è giunto il momento di condividere un’esperienza pratica riguardo gli aspetti illustrati e discussi in...

57° Sette Colli, i convocati azzurri e gli aggiornamenti

A una settimana dal via del 57° Trofeo “Sette Colli” che si terrà dall'11 al 13 agosto nella splendida cornice dello Stadio del Nuoto di Roma, la Federazione rende noti i nomi dei convocati dal DT Cesare Butini. La manifestazione oltre a mantenere il suo carattere...

Sydney2000 Special, l’Olimpiade della svolta per l’Italia del Nuoto

Per capire bene cosa sono i Giochi Olimpici di Sydney 2000 per il nuoto azzurro, basta rileggere tre passaggi di articoli scritti da tre grandi firme dello sport italiano in quei giorni del settembre del 2000. Anzi, basterebbe leggere solo i nomi dei giornalisti per...

MDS Swim, stage Progetto Master 19/20 settembre a Poggio all’Agnello

Essere Atleta anche dopo i 40 anni si può, ma si devono mettere in pratica molti aspetti fondamentali che forse trascuri. MDS Swim Academy, con questo stage - il 19 e 20 settembre 2020 - vuole farti fare quel gradino di crescita personale per premiare le tue...

Pilato e Galossi brillano ai Regionali. Swim e 4 Nations Meet: si gareggia!

Dopo cinque mesi di lungo e sofferto - ma dovuto - stop alle competizioni, il nuoto sta gradualmente ritornando alla normalità. Ad un anno esatto dall’inizio dei Giochi di Tokyo, i nuotatori stanno riprendendo confidenza con un elemento fondamentale ed insostituibile...

Come richiesto dalla FISU [Federazione Internazionale Sport Universitari NdR], il progetto prevede la costruzione di una vasca olimpica di dimensioni identiche alla piscina interna, 50x21 metri con otto corsie, che sarà destinata agli allenamenti e al warm up degli atleti.

La vasca esterna, prefabbricata in acciaio inox, è simile all’impianto dell’Olimpiade di Rio 2016. Dotato di tecnologie all’avanguardia, l’impianto sarà rivestito da una copertura tensostatica con legno lamellare e telo apribile. I lavori procedono a ritmo sostenuto nel pieno rispetto del cronoprogramma.

La 30ª edizione delle Universiadi estive si terrà a Napoli dal 3 al 14 luglio: 18 sport, 170 paesi partecipanti, 250 medaglie da assegnare ed oltre 12 mila atleti sono attesi nella città partenopea.

Le gare di nuoto inizieranno il 4 luglio e termineranno il 10 luglio con 42 eventi in programma.

Ricordiamo che la Rappresentativa Universitaria Italiana sarà composta da un massimo di 40 atleti, requisiti preliminari:

  • Nati tra il 01 Gennaio 1994 ed il 31 Dicembre 2001,
  • Iscritti per l’A.A. 2018/2019 presso un Università italiana o estera,
  • Aver conseguito il diploma di laurea nell’anno 2018.

Inoltre in occasione del Campionato Assoluto di Riccione 2019 devono aver conseguito un tempo uguale o inferiore a quello indicato nella Tabella dei Tempi Limite diramata dalla FIN.

Foto: Universiadi 2019