In questo difficile periodo per lo sport nazionale, e in particolare per le nostre piscine che nonostante tutti gli sforzi di adeguamento alle procedure sono state costrette a chiudere, vogliamo dare spazio alle iniziative che si propongono di mantenere alto l’interesse e il coinvolgimento degli atleti per il nuoto.

Una regione particolarmente attiva in questo tipo di attività è sicuramente la Puglia che ha visto partire la scorsa settimana la Virtual Swimming League proposta dalla società Meridiana Taranto – la piscina dove si allena Benedetta Pilato – che propone ogni fine settimana fino a dicembre una sfida a distanza fra staffette.

Le staffette verranno suddivise per categoria (Es. B 4x50, Es. A, Ragazzi, Junior, Assoluti) e si disputeranno con questo programma gare:

14/15 novembre 4x100 stile libero
21/22 novembre 4x100 misti
28/29 novembre 4x100 stile libero mista
5/6 dicembre 4x100 misti mista

Tutti i dettagli sulla pagina Facebook e Instagram

Open 2020, in vasca a Riccione non solo per i titoli Assoluti

Sarà un Assoluto decisamente particolare quello che si disputerà da giovedì 17 dicembre fino a sabato 19 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione. La formula, simile a quella adottata questa estate per il Trofeo Sette Colli nel pieno rispetto delle norme...

Nuotare senza la linea nera: intervista a Carlotta Gilli, Alessia Berra e Salvatore Urso

Siamo ancora tutti ammaliati dalle meraviglie dell’International Swimming League, quest’anno più che mai ancora di salvezza per noi appassionati di nuoto. Gare, duelli, tempi mozzafiato ci hanno fatto divertire e staccare per qualche ora la spina in questi giorni...

Campionati Australiani in corta: tempi da record dai dolphins

Regali di Natale in anticipo in arrivo dalla terra di canguri! In Australia si gareggia, con i 2020 Hancock Prospecting Australian Virtual Short Course ovvero i Campionati Nazionali in vasca corta, che si sono disputati virtualmente, con cinque sedi differenti -...

Cosa resta di questa ISL2020? 5 lati positivi per ricordarla

Si può dire tutto della International Swimming League 2020 tranne che ci abbia lasciato totalmente indifferenti. Grazie anche al fatto che la pandemia ci ha tolto qualsiasi alternativa, nel mondo del nuoto abbiamo di fatto parlato per due mesi solo di ISL, sia nel...

Un po’ di (punti) FINA nella ISL2020: la TOP10 della Finale di Budapest

Avete ancora gli occhi dilatati e il battito accelerato per le luci psichedeliche della finale ISL? Siete pronti a partire e virare come Dressel, non appena la vostra piscina riaprirà? Niente di meglio che un po' di punteggi FINA, per riabituarsi alla grigia...

ISL2020 | Il primo Global Swimming Forum, Corsia4 c’è!

Cosa ha reso la International Swimming League così interessante e diversa dal solito? Molte cose, alcune delle quali approfondiremo nelle prossime settimane. Ma una cosa è certa: ha unito intorno al nuoto appassionati da ogni parte del mondo come pochi altri eventi...

Sempre da Taranto ma dalla società Baux Mediterraneo arriva invece la Mediterraneo Champions League, un mix fra ISL e fantanuoto comprensivo di fase di campagna acquisti riparatoria, che prevede l’assegnazione della coppa dalle piccole orecchie alla squadra vincitrice.

Abbiamo raggiunto Domenico Tagliente il coach della squadra per chiedere come è nata questa idea:

La Mediterraneo Champions League è una competizione che nasce in un periodo di crisi per lo sport per tenere vivo lo spirito dei nostri atleti. Dobbiamo sempre tenere presente che un atleta sereno è un atleta vincente.

La settimana successiva alla chiusura degli impianti – a seguito del DPCM del 6 novembre – ci siamo organizzati con la Società per poter riaprire l’impianto e continuare gli allenamenti. Ho visto però i miei ragazzi demotivati e senza obiettivi, quindi mi è venuto in mente di trasformare una giornata di allenamento per ogni settimana – il sabato – in questa sorta di ISL.

La competizione prevede la divisione del mio gruppo di atleti in quattro squadre che si sfideranno in quattro giornate dove ogni atleta dovrà gareggiare almeno una volta per ogni giornata.

Per ogni gara la squadra dovrà schierare un atleta maschio e uno femmina (non potranno essere mai lasciati buchi e tutti dovranno essere schierati e le gare dovranno essere completate, pena decurtazione 10 punti).

Alla fine delle 4 giornate le migliori 2 squadre potranno rinforzare la propria con i componenti delle squadre eliminate, i punti accumulati diventeranno i crediti da utilizzare per il mercato di riparazione pre-finale.

Al fine di fare gareggiare tutti gli atleti ed equilibrare le sfide, ogni atleta potrà gareggiare nella propria specialità (indicata dai tecnici) può essere svolta solo una volta nei 4 turni di qualifica.

Il programma gare prevede 15 prove individuali – 50, 100 e 200 per ogni stile, 100 e 200 misti, 400 stile – e due staffette 4x50 stile e mista entrambe miste di genere. Chi totalizzerà più punti (1° 5p / 2° 3p / 3° 2p / 4° 1p) con le staffette miste deciderà lo stile dell’australiana che sarà effettuata nella seconda e quarta giornata.

Ma la Mediterraneo Champions League non è solo nuoto in vasca, coach Tagliente tiene a precisare anche la valenza sociale di questa iniziativa:

Oltre ai premi per il migliore atleta Maschio e Femmina, per incentivare anche la creatività e lo spirito di gruppo saranno assegnati dei riconoscimenti al miglior leader e miglior social media. Inoltre mi sono messo in contatto con altri tecnici per organizzare una seconda fase coinvolgendo altre piscine e squadre.

Mi preme ringraziare Antonello Cassalia, il gestore del nostro impianto Mediterraneo Village, e il nostro Direttore sportivo Massimo Donadei senza i quali questa iniziativa non sarebbe potuta nascere.

AS intomaticiNuotatori ProtettiReal porci Rossi, Team YellowHub, chi vincerà la Mediterraneo Champions League?

Seguite la competizione sulla pagina Instagram

E Voi cosa aspettate? Raccontateci le vostre esperienze o le vostre inziative!

Foto: Piscina Mediterraneo Village