Il guru della pallanuoto, chiude una carriera lunga una vita, tra acqua e panca, e lo fa direttamente da Recco, ultima tappa di un formidabile percorso.

Ripercorrerlo tutto è impresa ardua: una vita veramente vissuta quella del ragazzo croato che a 24 anni vinceva il suo primo titolo, il campionato di pallanuoto iugoslavo. Da li in poi il palmares di Ratko continuerà a riempirsi.

Con la calottina in testa, 2 Eurolega con il Partizan, 1 argento olimpico a Mosca 1980, un bronzo mondiale, un argento e due bronzi europei, tutto con la Jugoslavia.

Ma è quando smette i panni di giocatore e veste quelli di coach che il suo nome iniziare a girare per tutto il mondo: 4 ori olimpici, 3 mondiali, 3 europei… solo per citare i successi massimi.

Negli anni ‘90 è l’emblema della pallanuoto, e lo diventa particolarmente in Italia, dove anche i meno appassionati imparano ad associare il suo nome al Settebello, che guiderà per 9 anni. Il simbolo di questo binomio è lo storico oro di Barcellona ‘92 che riportò gli azzurri al trionfo olimpico dopo 32 anni. E due anni dopo l’oro in casa ai Mondiali di Roma.

Ratko Rudić ha riscritto il concetto di allenatore, e se c’è uno che ama vincere le sfide è proprio lui. Ha girato il mondo, allenato e vinto anche negli States, Croazia (con l’ultimo oro a Londra 2012) e Brasile, e dopo tanti anni vissuti a Genova ha deciso di chiudere la sua carriera proprio alla Pro Recco, dopo un Campionato Italiano e una Coppa Italia.

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

ISL2020 | Scopriamo i team della seconda edizione

Tramite una videoconferenza stampa in diretta da Parigi - leggi QUI l'articolo di presentazione - il Presidente Konstantin Grigorishin ed i suoi collaboratori hanno formalizzato il ritorno della International Swimming League, annunciando l’organizzazione della seconda...

Swim Stats | La storia dei 200 stile libero: Federica Pellegrini

Nel mondo del nuoto, sono pochissimi i binomi gara-atleta che si connettono automaticamente come i 200 stile libero e Federica Pellegrini. Negli ultimi 15 anni di competizioni, Fede ha vinto tutto quello che c’è da vincere, battuto record ed avversarie, rivoluzionato...

ISL2020 | l’International Swimming League ai blocchi di partenza

In un anno maledetto, che ci ha privato purtroppo ma giustamente, di tutto il meglio che c’era da aspettare acquaticamente parlando (Giochi, vi aspettiamo l’anno prossimo, niente scherzi) un lampo di speranza arriva dalla nuova lega del nuoto di Konstantin...

L’Appello dei ragazzi della piscina Marimisti di Brindisi: “vogliamo nuotare!”

Settembre è iniziato, tante sono le realtà sportive che volenti o nolenti si trovano a fare i conti con un panorama decisamente cambiato, principalmente a causa della pandemia, che ha rotto molti equilibri, in alcuni casi già putroppo precari. Oggi diamo spazio a una...

Ratko è una certezza. È stato lui il più grande allenatore della storia della pallanuoto. Punto, nessun confronto al momento può reggere. Ma non c’è stata solo l’acqua nella sua vita, ma anche l’arte, con la sua passione per la pittura, causa o motivo forse del suo addio definitivo alle scene.

Per chi ama la pallanuoto, ma lo sport in generale, è stato e sarà un esempio da seguire: in vasca, dove da “sergente di ferro” era un maniaco della sperimentazione, che doveva però portare al risultato più semplice: fare goal. Per dirne una, l’allenamento promiscuo con il Setterosa prima della finale Europea del 1995.

Fuori dal campo era un vulcano, imprevedibile e onorato da tutti. Chiese all’ex presidente della Repubblica Scalfaro la cittadinanza italiana con una lettera scritta di suo pugno e la ottenne, così come entrò nel 2007 nella Swimming Hall of Fame.

Che dire quindi, se non grazie di tutto Ratko!

Foto copertina: Pro Recco Waterpolo 1913