Select Page

Alimentazione e Nuoto, FRUTTA: una preziosa alleata, prima o dopo i pasti?

Alimentazione e Nuoto, FRUTTA: una preziosa alleata, prima o dopo i pasti?

L’estate si avvicina, la primavera fa capolino, la natura si risveglia e con essa giunge sulla nostra tavola uno dei suoi doni più preziosi: tanta frutta golosa e succosa per fare il pieno di salute!

I nutrienti della frutta infatti non solo forniscono energia all’organismo, ma sono indispensabili per il nostro benessere generale e per prevenire parecchie patologie.

Quando assumere la frutta in modo da ottimizzare tutti i suoi poteri nutrizionali?

La risposta può variare molto in base a ciò che abbiamo mangiato prima o che ci apprestiamo a mangiare, insomma dalle “caratteristiche” del pasto. Vediamo di fare un po’ di chiarezza.

  • Pasto abbondante e sregolato (ricco di grassi e carboidrati “cattivi”): ben venga la frutta dopo un pasto del genere!
    Le sue proprietà antiossidanti, grazie alla presenza di polifenoli, vanno a contrastare i processi infiammatori che si attivano nel nostro organismo in seguito al metabolismo di cibi non propriamente salutari.
    I frutti più ricchi di polifenoli sono uva rossa, mirtilli, more, prugne, susine e tutti gli agrumi. Questa attività va a proteggere soprattutto il benessere del cuore e dei vasi sanguigni.
  • Pasto regolare: in questo caso è preferibile mangiare frutta prima dei due pasti principali, poiché le fibre in essa contenute riducono l’assorbimento degli zuccheri e abbassano l’indice glicemico oltre che dare un certo senso di sazietà e risultare perciò utile nelle diete ipocaloriche.
    La frutta si digerisce in 30 minuti circa e in questo tempo tutti i suoi preziosi nutrienti vengono assorbiti in quantità ottimale dal nostro organismo. Relegando la frutta a fine pasto i tempi digestivi si allungano e molte di queste sostanze vengono “contaminate” dalla digestione degli altri cibi.
    Può capitare inoltre che sommando questi processi digestivi la frutta fermenti nell’intestino provocando fastidio e gonfiore.

In media si consiglia di assumere frutta o circa 3 ore prima del pasto principale o un’ora e mezza dopo.

EuroSwim 2019 Glasgow | Italia campione d’Europa, seconda nel medagliere

Come tutte le belle cose prima o poi hanno un termine, anche questi Campionati Europei in vasca corta stanno per finire. Al Tollcross International Swimming Centre va in scena l’ultima sessione di finali, con ben dieci titoli in palio e diverse gare molto...

EuroSwim 2019 Glasgow | ItalNuoto carica per l’ultima giornata

Ultima giornata dal Tollcross International Swimming Centre! L’Italnuoto a caccia delle ultime qualifiche e dell’obbiettivo pomeridiano di eguagliare il medagliere di Copenaghen -  17 medaglie, ne mancano due - e quello di Netanya: 17 anche in quella edizione ma le...

EuroSwim 2019 Glasgow | La rana azzurra brilla in Europa, Pellegrini d’argento

Penultima giornata di finali a Glasgow, moltissimi azzurri impegnati tra le corsie del Tolcross International Swimming Centre: fuochi e fiamme sono pronti, iniziano le gare che valgono le medaglie! 50 DORSO DONNE - Semifinale Nella prima semi, Kira Touissant la tocca...

EuroSwim 2019 Glasgow | Italia avanti tutta nelle batterie day4

50 Farfalla Uomini Gara subito agguerrita sin dalla prima batteria con prestazioni molto attaccate al muro dei 23". Miglior tempo per il russo Oleg Kostin in 22"56. Immediatamente alle sue spalle il gigante Florent Manaudou che regola in sicurezza la qualificazione in...

EuroSwim 2019 Glasgow | Panziera e Paltrinieri d’oro, Bianchi argento da record

Con due ori e otto medaglie già in archivio, l’Italia si affaccia alla terza sessione pomeridiana degli Europei in vasca corta con diverse speranze di rimpolpare il medagliere. L’enorme arena del Tollcross Swimming Centre di Glasgow è pronta, via alle finali! 50 STILE...

EuroSwim 2019 Glasgow | Ancora tanto azzurro nelle batterie del day3

Terzo turno di batteria da Glasgow, per la 20ª edizione dei Campionati Europei di nuoto in vasca corta. Italia che nella prime due giornate la media di un oro al giorno, e questa mattina è pronta a fornire forze fresche per il pomeriggio. 100 rana donne Subito via con...

Frutta a fine pasto, quali? 

Se si è abituati al frutto a fine pasto, niente paura!

Posso consigliare quello più adatto per conciliare abitudini e motilità gastrica: la mela ad esempio favorisce la digestione, l’ananas è ricco di enzimi che favoriscono l’assorbimento delle proteine ed è perciò preferibile dopo un pasto ricco di carne, agrumi e kiwi grazie alla vitamina C aumentano l’assorbimento del ferro.

In fin dei conti, a parte quanto detto sinora, non ci sono controindicazioni gravi relative all’assunzione di frutta in nessun momento della giornata: lo stomaco è attrezzato per digerirla e molto varia in base al nostro organismo e alle nostre necessità.

Ciò che conta davvero è consumare almeno 5 porzioni di frutta al giorno, sempre preferendo quella di stagione, partendo dalla colazione fino, perchè no, allo spuntino prima di coricarsi.

Un modo facile e goloso per regalare al nostro corpo un pieno di salute ed energia!

Foto copertina: mangiarebuono.it

About The Author

Elsa Nerozzi

Farmacista, ex agonista di atletica leggera, nuotatrice master da ormai 12 anni, istruttrice FIN e grande appassionata di nuoto. Considero la mia squadra come una seconda famiglia!

Ultimi Tweet

?>