Select Page

Alimentazione, 4 fonti di proteine che possono aiutare ad aumentare e mantenere la massa muscolare

Alimentazione, 4 fonti di proteine che possono aiutare ad aumentare e mantenere la massa muscolare

Ci sono molte opinioni contrastanti riguardo al fabbisogno proteico degli atleti.

I bodybuilder credono che sia corretto mangiare solo proteine in ogni momento del giorno; al contrario gli atleti di discipline di resistenza pensano di avere necessità di un apporto proteico piuttosto ridotto, solo perché il loro obiettivo non è aumentare la propria massa muscolare.

La verità sta nel mezzo: nessuno dei due approcci è corretto.

Le proteine sono infatti essenziali per la nostra sopravvivenza, ma c’è anche un limite alla quantità di proteine che ciascuno di noi dovrebbe consumare ogni giorno. E questo vale per tutti, anche se l’obiettivo è proprio quello di aumentare la propria massa muscolare.

I nuotatori (più comunemente, i nuotatori maschi) ritengono che fare incetta di proteine sia indispensabile per mettere su muscoli, ma in realtà assumere troppe proteine non è il modo giusto per costruire la massa muscolare, e le proteine in eccesso possono oltretutto essere dannose per le prestazioni.

Una quantità eccessiva di proteine può infatti ostacolare il consumo di carboidrati, che restano sempre la nostra principale fonte di combustibile a prescindere dal fatto che un atleta sia velocista o fondista, con la conseguenza di risultare alla fine dannosa in allenamento e in gara.

Poiché il nostro corpo è in grado di utilizzare solo da 20 a 25 grammi di proteine alla volta, se si ha un apporto proteico maggiore, la quantità in eccesso sarà trasformata in grasso ed utilizzata in seguito come energia, oppure smaltita dal nostro corpo.

Come fare quindi per sapere quante proteine mangiare?

Per fare un calcolo del genere, è importante essere ben consapevoli dei nostri obiettivi e del livello di preparazione in acqua e in palestra.

Un velocista, che trascorre più tempo in sala pesi, dovrebbe ingerire da 1,54 a 1,76 grammi di proteine per chilogrammo di peso corporeo. Un nuotatore che prepara distanze più lunghe come i 1500 stile libero, che in palestra segue esercizi con minor carico, come l’allenamento a circuito, dovrebbe assumere da 1,32 a 1,54 grammi di proteine per chilogrammo di peso corporeo. I numeri più bassi dell’intervallo sono il riferimento per le donne, mentre quelli più alti sono per i uomini.

Ad esempio: se una donna pesa 68 chili, le sue migliori prestazioni sono nei 200 stile libero e il lavoro in palestra non è eccessivo, per calcolare il numero di proteine giusto basta eseguire questo semplice calcolo: moltiplicare 1,54 grammi (di proteine) per ciascuno dei 68 chilogrammi (68 chili x 1,54 grammi = 104,72). L’atleta in questione dovrebbe quindi cercare di mangiare circa 105 grammi di proteine al giorno.

Andrea Vergani vola al Mondiale di Gwangju

Andrea Vergani risulta iscritto nei 50 stile libero ai prossimi 18th FINA World Championships di Gwangju, in programma dal 12 al 28 luglio prossimi. La notizia non è ancora stata ufficializzata, ma dalle pagine del sito ufficiale FIN l'atleta risulta iscritto nella...

Swim Stats, cosa resta del Mondiale di Budapest 2017

Mancano davvero pochi giorni a Gwangju 2019, una delle edizioni dei Mondiali di nuoto più attese di sempre e di sicuro l’evento più importante del quadriennio in previsione delle Olimpiadi. Se Tokyo 2020 sarà la conclusione naturale del percorso di moltissimi atleti,...

Universiadi Napoli 2019, l’Italia chiude sesta nel medagliere del nuoto

Con la giornata di mercoledì 10 luglio si è conclusa la settimana di nuoto tra le corsie della trentesima edizione delle Universiadi. La rinnovata piscina Felice Scandone di Napoli è stata splendido teatro delle competizioni dedicate agli studenti universitari, alle...

Training Lab, la velocità nel nuoto: come e dove indirizzare l’allenamento

La sfida che da anni rappresenta un po’ una costante in tutto il nuoto mondiale da parte di atleti e allenatori riguarda la continua ottimizzazione della performance, che da un punto di vista pratico consiste nel cercare di trovare continuamente nuovi strumenti e...

Campionati Mondiali di nuoto paralimpico, i convocati per Londra

Ufficializzata la Nazionale che volerà a Londra per la IX edizione dei Campionati del Mondo di Nuoto Paralimpico, l'Aquatics Centre sede dei Giochi Olimpici e Paralimpici nel 2012 ospiterà la competizione dal 9 al 15 settembre prossimi. Saranno 22 atleti - 12 maschi e...

EuroJunior Kazan 2019, Italia terza in classifica e nel medagliere

In archivio anche i Campionati Europei juniores di nuoto che si sono svolti dal 3 al 7 luglio presso l'Aquatics Palace di Kazan (Russia). I 32 azzurrini - 19 ragazze e 13 ragazzi - convocati dal tecnico federale delle squadre nazionali giovanili Walter Bolognani hanno...
  1. Carni bianche

È bene approfittare delle fonti di carni bianche, che spesso sono disponibili a prezzi ragionevoli e sono ricche di zinco, un minerale che favorisce il recupero muscolare e quindi il mantenimento della massa; un altro vantaggio della carne bianca consiste nel fatto che è povera di grassi e riesce a dare un buon senso di sazietà.

Ecco alcuni esempi di fonti di carne bianca:

  • Pollo
  • Tacchino
  • Tonno
  • Salmone
  1. Carni rosse

La carne rossa contiene molto ferro, che rispetto a quello presente nelle verdure viene assorbito in quantità superiori; per questo motivo l’aggiunta di carne rossa alla dieta, una o due volte alla settimana, può essere di gran vantaggio per i nuotatori. Poiché la carne rossa può essere però anche ricca di grassi saturi, occorre fare attenzione nella scelta ed è quindi meglio privilegiare tagli più magri di:

  • Maiale
  • Agnello
  • Manzo
  1. Latticini

I latticini sono un’altra importante fonte di proteine. Per le persone che preferiscono consumare meno carne, i prodotti a base di latte e i formaggi possono essere una valida alternativa. I latticini sono anche la nostra principale fonte di calcio, che è indispensabile per la salute delle ossa. L’assunzione di latticini deve comunque essere effettuata con attenzione, scegliendo preferibilmente prodotti con zero grassi o a ridotto contenuto di grassi (sono molti i prodotti light che si trovano sugli scaffali dei supermercati) ed evitando al contrario quelli troppo ricchi di grassi.

Qui ci sono alcuni esempi di latticini e prodotti caseari ad alto contenuto di proteine e basso contenuto di grassi:

  • Yogurt greco non intero (ad esempio, con 0% o 2% di grassi)
  • Latte parzialmente scremato o scremato
  • Fiocchi di latte light
  • Formaggi light
  1. Fonti vegetali

Le piante sono una ricca fonte di proteine, in particolare per i vegani. Un luogo comune è che i nuotatori con un’alimentazione solo vegana non possono esprimere tutto il loro potenziale. Certo, per un vegano soddisfare il proprio fabbisogno proteico può essere difficile, ma è certamente possibile! Una dieta ricca di frutta secca (noci, mandorle, arachidi, etc.) e legumi (fagioli, lenticchie, soia, lupini, etc.) può infatti aiutare un atleta che vuole diminuire il consumo di carne e riuscire comunque a soddisfare il proprio apporto nutrizionale in termini di proteine.

Alcuni esempi comuni di fonti di proteine di origine vegetale, oltre a quelli già citati sopra:

  • Hummus (preparato a base di pasta di ceci e pasta di semi di sesamo)
  • Preparazioni a base di legumi (tofu, seitan, etc.)

Per i nuotatori lo scopo principale del consumo di proteine è il mantenimento e la costruzione della massa muscolare.

Non importa quindi che tipo di nuotatore un atleta sia (velocista o fondista): è fondamentale che ognuno di noi riesca a soddisfare le proprie esigenze di proteine. Non essere in grado di farlo, oppure farlo in misura superiore a quanto è realmente necessario può intralciare l’allenamento e influire negativamente sulle prestazioni.

Altro consiglio importante è quello di ricordarsi di distribuire il consumo di proteine in tutto l’arco del giorno il giorno e di non eccedere con le quantità massime di volta in volta.

Riuscire ad avere una dieta equilibrata è essenziale, e nel nuoto può portare a incredibili miglioramenti. 

Libera traduzione e adattamento dell’articolo: 4 Sources of Protein to Help Build and Repair Muscle

Foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4

About The Author

Enrico Lippi

Di mestiere giornalista, copywriter e consulente in comunicazione. Per passione nuotatore master (naturalmente), sportivo e salutista.

Ultimi Tweet

?>