Nell’articolo precedente – La motivazione alla pratica sportiva – ci eravamo lasciati con un’anticipazione circa l’argomento di novembre: avrei voluto parlarvi di obiettivi.

Nel frattempo, però, il mondo del nuoto (e non solo) è stato nuovamente scosso dall’aggravarsi dell’emergenza sanitaria. Sono numerose le piscine che ad oggi sono rimaste chiuse, e sono ancora di più gli atleti (agonisti e non) che si ri-trovano senza un luogo in cui potersi allenare.

Questi accadimenti hanno portato ad una riformulazione dell’argomento di questo articolo, che verterà sul concetto di resilienza e di antifragilità.

di Dott.ssa Gianna Pangos
Educatore Professionale
Master in psicologia dello sport e laureanda in psicologia sociale e dello sviluppo

Resilienza e antifragilità

La resilienza, probabilmente già nota a molti di voi, è quella capacità che permette all’individuo di resistere ad un momento difficile, e di superarlo senza farsi sopraffare da esso.

È anche molto probabile che, durante questa primavera, molti atleti abbiano sentito parlare di questa skill, e che l’abbiano anche messa in pratica, superando così la prima chiusura degli impianti ed annullamento delle competizioni, per rimettersi poi in gioco quest’estate.

In questo momento però, in cui tutto sembra ri-presentarsi, potrebbe risultare più utile cercare di andare oltre a questo concetto di resilienza: introduciamo quindi quello di antifragilità.

Difficoltà e come affrontarle

Per spiegare questo nuovo termine, che rappresenta un mindset, ovvero un modo di essere, un modo di pensare e vivere le esperienze di vita, partiamo con il descrivere tre possibili tipologie di atteggiamento di fronte la difficoltà.

Un primo modo è costituito dalla negazione della fragilità, nel tentativo di mostrarsi forti: in questo caso l’individuo è in grande difficoltà davanti alle incertezze, tende a difendersi in modo eccessivo, cerca di ‘’essere forte’’, va contro i propri limiti e nega la sua sofferenza. Questa modalità, nella maggior parte dei casi, si dimostra rigida e poco adattiva alle situazioni.

Un secondo modo è costituito dalla resilienza: l’individuo resiliente è colui che risorge, come l’araba fenice, dalle proprie ceneri, ma resta sempre uguale. Egli cade e si rialza, mantenendo le sue medesime caratteristiche.

Il terzo modo, invece, è costituito dall’essere antifragile: adottare questa posizione esistenziale significa evolvere nelle situazioni problematiche. Davanti ad un ostacolo vengono attivate delle risorse, che portano l’individuo a trasformare quei limiti in opportunità di crescita, ad usare quindi quel problema a proprio vantaggio, per la propria crescita.

La differenza sostanziale tra la resilienza e l’antifragilità consiste nel fatto che il resiliente resiste alla tempesta, mentre l’antifragile pianifica ed agisce all’interno di essa.

L’antifragilità, come già detto, è un mindset, e come tale, richiede tempo ed energie per poter essere adottato: sarà necessario abbandonare qualcosa di vecchio, per far spazio a qualcosa di nuovo.

Concretamente quindi: da dove partire per poter avviare ed adottare questo nuovo atteggiamento?

Descriviamo i quattro punti chiave.

Open 2020, in vasca a Riccione non solo per i titoli Assoluti

Sarà un Assoluto decisamente particolare quello che si disputerà da giovedì 17 dicembre fino a sabato 19 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione. La formula, simile a quella adottata questa estate per il Trofeo Sette Colli nel pieno rispetto delle norme...

Nuotare senza la linea nera: intervista a Carlotta Gilli, Alessia Berra e Salvatore Urso

Siamo ancora tutti ammaliati dalle meraviglie dell’International Swimming League, quest’anno più che mai ancora di salvezza per noi appassionati di nuoto. Gare, duelli, tempi mozzafiato ci hanno fatto divertire e staccare per qualche ora la spina in questi giorni...

Campionati Australiani in corta: tempi da record dai dolphins

Regali di Natale in anticipo in arrivo dalla terra di canguri! In Australia si gareggia, con i 2020 Hancock Prospecting Australian Virtual Short Course ovvero i Campionati Nazionali in vasca corta, che si sono disputati virtualmente, con cinque sedi differenti -...

Cosa resta di questa ISL2020? 5 lati positivi per ricordarla

Si può dire tutto della International Swimming League 2020 tranne che ci abbia lasciato totalmente indifferenti. Grazie anche al fatto che la pandemia ci ha tolto qualsiasi alternativa, nel mondo del nuoto abbiamo di fatto parlato per due mesi solo di ISL, sia nel...

Un po’ di (punti) FINA nella ISL2020: la TOP10 della Finale di Budapest

Avete ancora gli occhi dilatati e il battito accelerato per le luci psichedeliche della finale ISL? Siete pronti a partire e virare come Dressel, non appena la vostra piscina riaprirà? Niente di meglio che un po' di punteggi FINA, per riabituarsi alla grigia...

ISL2020 | Il primo Global Swimming Forum, Corsia4 c’è!

Cosa ha reso la International Swimming League così interessante e diversa dal solito? Molte cose, alcune delle quali approfondiremo nelle prossime settimane. Ma una cosa è certa: ha unito intorno al nuoto appassionati da ogni parte del mondo come pochi altri eventi...

I 4 punti chiave per essere antifragili

Il primo: cercare di superare il comune significato attribuito alle cose, in altre parole sforzarsi di andare oltre, rinominare gli ostacoli che abbiamo incontrato, cercare in loro un nuovo significato, o nuovi significati.

Secondo: cercare di dare un senso, una spiegazione a ciò che sta accadendo. Comprendere i diversi meccanismi che sottostanno ad una situazione permette di coglierne anche le opportunità.

Terzo punto chiave, e nucleare rispetto agli altri, è quello di accettare la propria fragilità e vulnerabilità, soltanto nella difficoltà l’individuo potrà dimostrare la sua forza. Concedersi di poter star male è diverso dal rassegnarsi e dal subire passivamente la situazione.

Quarto ed ultimo punto: chiedersi che cosa si può fare o che cosa si può modificare per portare avanti il proprio progetto? Una domanda a cui tutti potrebbero provare a rispondere è la seguente: ‘’tra un anno, o quando questa situazione sarà finita, di che cosa vorrò essere fiero/a di aver portato avanti in questa circostanza così difficile?’’

In questo modo si adotta un atteggiamento proattivo, opposto a quello passivo, in cui la responsabilità del proprio stare è tolta al destino ed è riportata nelle proprie mani.

Per concludere: è bene ricordare che questo mindset è già, per natura, proprio dell’essere umano e degli esseri viventi in generale: fin da cuccioli si è spinti a cercare, con curiosità e sorpresa, situazioni nuove, nonostante le difficoltà ed avversità, inoltre nella storia di ogni specie vivente l’evoluzione – cioè il saper evolvere – è stata la chiave della sopravvivenza.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4