Select Page

Bodycare, i nostri occhi e la piscina: amici o nemici?

Bodycare, i nostri occhi e la piscina: amici o nemici?

Che siano chiari, scuri, miopi, astigmatici ecc… i nostri occhi sono delicati e preziosi.

Spesso lo stare in acqua tante ore può renderli più sensibili e soggetti ad antipatiche irritazioni o infezioni. 

Nello specifico vediamo quali sono i rischi più frequenti, come evitarli e curarli. 

Parola d’ordine: pulizia

Innanzitutto la prima accortezza è lavare sempre, dopo ogni allenamento, gli occhialini: questo consentirà non solo di preservarli dall’usura del continuo utilizzo, ma eliminerà eventuali tracce di cloro. Sarà quindi come indossare occhialini sempre “nuovi” ad ogni allenamento.

Un’altro consiglio fondamentale riguarda i nuotatori che indossano lenti a contatto: scegliete sempre lenti giornaliere, sono molto più morbide e a fine giornata vanno buttate. In questo modo tutto ciò che si deposita su di esse viene automaticamente eliminato, compresi i residui dell’allenamento in vasca! 

Niente trucco e proteggiamoci dal sole

Una tirata di orecchie va fatta inoltre alle nostre atlete che, per pigrizia o per poco tempo, non si struccano prima di entrare in acqua: capita anche a me a volte, ma fidatevi che il trucco che si scioglie e che entra negli occhi irrita la mucosa della congiuntiva e la superficie corneale. Quindi conviene perdere due minuti e struccarsi per bene! Consiglio sempre inoltre trucchi anallergici e senza nichel perché irritano meno.

Spendiamo una parola per i nostri amici dorsisti che d’estate si ritrovano all’aperto: usate sempre occhialini scuri e specchiati! Il sole è una fonte potente di radiazioni luminose che causano stress ossidativo ai tessuti, retina compresa. Se danneggiata difficilmente recupera la funzionalità e i raggi solari, se l’esposizione diretta si protrae, possono causare anche la morte di cellule retiniche.

Swim Stats, Hangzhou 2018: il Mondiale di corta in numeri

Si sono appena conclusi i Campionati Mondiali che hanno visto scendere in vasca ad Hangzhou, Cina, dall’11 al 16 dicembre, gli specialisti e non della vasca corta. Ci sono vari criteri con i quali si può misurare la qualità di un Campionato Mondiale in vasca corta,...

Tutto su Hangzhou 2018, il meglio di questi Mondiali di corta

Si chiude il Mondiale in corta di Hangzhou 2018, con il testimone che passa a pochi chilometri di distanza in vista della rassegna iridata in vasca lunga di questa estate a Gwangju. Per rivedere uno spettacolo simile dovremo aspettare l'edizione post olimpica di Abu...

Hangzhou, Mondiali corta 2018: Paltrinieri d’argento con gran crono, Pellgrini fa 50 | Risultati Day6

Ultimo giorno di gare per i Mondiali in vasca corta di Hangzhou, ultime dieci finali nelle quali non arriva lo sperato oro per l’Italia, ma un argento con molti segnali positivi di Gregorio Paltrinieri ed un inaspettato bronzo della staffetta 4x100 mista femminile....

Hangzhou, Mondiali corta 2018: l’Italia dei record | Risultati Day5

Penultima giornata di finali e semifinali ad Hangzhou per i Mondiali di nuoto in vasca corta: niente medaglie per l’Italia, qualche delusione ma ben cinque nuovi record nazionali.: Ilaria Cusinato, Elena Di Liddo, Martina Carraro e le due staffette in programma 4x50...

Hangzhou, Mondiali corta 2018: Orsi d’argento e bronzo per la 4×50 maschile | Risultati Day4

Giro di boa per i Mondiali in vasca corta (11-16 dicembre) giunti alla fine della quarta giornata di gare al Tennis Center dell'Expo Olimpica ed internazionale di Hangzhou. L'Italia conquista due medaglie, con record italiano, entusiasmanti grazie a Marco Orsi argento...

Hangzhou, Mondiali corta 2018: Quadarella d’argento negli 800 | Risultati Day3

Si è conclusa anche la terza giornata di gare al Tennis Center dell'Expo Olimpica ed internazionale di Hangzhou dove sono in corso i Mondiali in vasca corta (11-16 dicembre). Anche oggi una sola medaglia per l'Italia ottenuta negli 800 stile libero da Simona...

Collirio: semplici “lacrime” o curativo

Ma se nonostante tutte queste accortezze i nostri occhi si arrossano? Cosa fare se li sentiamo bruciare? Molto spesso è semplicemente il cloro che “secca” e asciuga la lacrimazione naturale dell’occhio: possiamo utilizzare dei colliri idratanti (le cosiddette lacrime artificiali) che fanno sia da film protettivo che da veri e propri umettanti. Si trovano in commercio a base di acido ialuronico, camomilla ed eufrasia: consiglio le confezioni monodose perchè non contengono conservanti. Si possono usare non solo dopo l’allenamento, ma anche prima, in modo da schermare la superficie corneale dall’attacco del cloro.

Un’altra comune patologia degli occhi dei nuotatori è la congiuntivite: un’infiammazione della congiuntiva causata da virus o (più spesso) batteri che si trovano nell’ambiente piscina, dall’acqua alle superfici che tocchiamo. In questo caso avvertiamo forte arrossamento, bruciore, dolore, sensazione di corpo estraneo (come sabbia), secrezione più o meno purulenta soprattutto quando ci si sveglia la mattina. In questo caso sono necessari colliri a base di antibiotico o, qualora l’infiammazione sia particolarmente consistente, di antibiotico associato a cortisone. In questi casi conviene sempre rivolgersi a medico o farmacista: la congiuntivite è contagiosa, bisogna evitare di nuotare finché non passa, quindi prima si cura, meglio è.

L’aiuto della dieta

Un ultimo consiglio riguarda l’alimentazione: i nostri occhi hanno un disperato bisogno di vitamine e omega 3 per la loro salute. Quindi abbondiamo di frutta, verdura e pesce: in questo modo si aumenta la quota di sostanze antiossidanti, difendendo sia la macula (che è la zona più sensibile posta al centro della retina) che la congiuntiva.

Naturalmente è fondamentale idratarsi in abbondanza per contrastare ulteriormente l’effetto “secco” del cloro. 

Si dice che gli occhi siano lo specchio dell’anima: questo vale anche per noi nuotatori quindi mi raccomando, trattiamoli bene! 

Foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4

About The Author

Elsa Nerozzi

Farmacista, ex agonista di atletica leggera, nuotatrice master da ormai 12 anni, istruttrice FIN e grande appassionata di nuoto. Considero la mia squadra come una seconda famiglia!

Ultimi Tweet

?>