Alcuni aspetti e consigli psicologici per nuotatori durante l’emergenza sanitaria

Il mondo del nuoto, al pari di ogni altro ambito della nostra società, è stato totalmente sconvolto dall’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del COVID-19.

Per i nuotatori e le nuotatrici, dagli esordienti fino a chi stava preparandosi per ottenere il pass olimpico, passando ovviamente anche per la categoria master, ha significato restare lontano dal proprio habitat sportivo, la piscina, con tutte le conseguenze annesse.

Le conseguenze psicologiche sono inevitabili.

Ecco alcuni consigli per gli atleti per gestire questo momento inedito.

Ridefinire gli obiettivi
Gli obiettivi fissati insieme al tuo coach ad inizio stagione devono necessariamente essere rivisti e calibrati sul momento che stiamo vivendo. È consigliabile utilizzare un atteggiamento flessibile: non sappiamo quanto durerà il periodo di lontananza dalla vasca, quindi bisognerà essere elastici con il processo di costruzione degli obiettivi per l’anno in corso. Si può essere più precisi e dettagliati per gli obiettivi legati agli allenamenti casalinghi che in tanti stanno facendo in queste settimane: è un ottimo modo per restare a contatto con il proprio status di atleta.

Non giudicarti debole, è una situazione nuova per tutti
Intorno a te potresti avere amiche e amici che riescono a mantenere l’umore alto e una giornata piena di attività. Non deve essere necessariamente così: potrebbero essere giornate grigie, caratterizzate da umore depresso o ansioso. Esserne consapevoli è il primo passo per evitare che questo stato diventi qualcosa di peggio.

SwimStats | I numeri della International Swimming League 2020

Il nuoto è uno sport che, per sua stessa natura, si basa sui numeri, in particolare su quelli che appaiono sul cronometro. Dalle lunghe sedute di allenamenti quotidiani fino alla gara più importante della stagione, atleti e tecnici sono abituati a leggere ed...

Open 2020, in vasca a Riccione non solo per i titoli Assoluti

Sarà un Assoluto decisamente particolare quello che si disputerà da giovedì 17 dicembre fino a sabato 19 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione. La formula, simile a quella adottata questa estate per il Trofeo Sette Colli nel pieno rispetto delle norme...

Nuotare senza la linea nera: intervista a Carlotta Gilli, Alessia Berra e Salvatore Urso

Siamo ancora tutti ammaliati dalle meraviglie dell’International Swimming League, quest’anno più che mai ancora di salvezza per noi appassionati di nuoto. Gare, duelli, tempi mozzafiato ci hanno fatto divertire e staccare per qualche ora la spina in questi giorni...

Campionati Australiani in corta: tempi da record dai dolphins

Regali di Natale in anticipo in arrivo dalla terra di canguri! In Australia si gareggia, con i 2020 Hancock Prospecting Australian Virtual Short Course ovvero i Campionati Nazionali in vasca corta, che si sono disputati virtualmente, con cinque sedi differenti -...

Cosa resta di questa ISL2020? 5 lati positivi per ricordarla

Si può dire tutto della International Swimming League 2020 tranne che ci abbia lasciato totalmente indifferenti. Grazie anche al fatto che la pandemia ci ha tolto qualsiasi alternativa, nel mondo del nuoto abbiamo di fatto parlato per due mesi solo di ISL, sia nel...

Un po’ di (punti) FINA nella ISL2020: la TOP10 della Finale di Budapest

Avete ancora gli occhi dilatati e il battito accelerato per le luci psichedeliche della finale ISL? Siete pronti a partire e virare come Dressel, non appena la vostra piscina riaprirà? Niente di meglio che un po' di punteggi FINA, per riabituarsi alla grigia...

Mantenere contatti con la squadra e il coach
Le relazioni hanno sempre un ruolo fondamentale, ancora di più durante un’emergenza come questa. L’impossibilità degli spostamenti ha stravolto la nostra quotidianità, ma dall’altra parte i mezzi telematici possono oggi più che mai ridurre le distanze tra l’atleta e il suo coach, ma anche con i compagni di squadra. Questo permetterà di mantenere almeno negli scambi comunicativi una parvenza di normalità.

Dare spazio agli altri ruoli della propria vita
Il ruolo di atleta è oggi limitato e necessariamente penalizzato. Dobbiamo quindi cercare di dare maggior enfasi agli altri ruoli che ricopriamo nella nostra vita: familiari, lavorativi ma anche rispetto a passioni e hobby coltivabili in questa condizione di isolamento. In questi termini il periodo attuale somiglia molto al momento di recupero da un infortunio sportivo, durante il quale è bene dare spazio alle altre anime della nostra persona.

Continuare ad allenarsi
Cosa si può allenare in questo momento? Non solo il fisico attraverso gli esercizi a secco forniti dal coach, ma anche l’aspetto tecnico e di visualizzazione della performance, l’aspetto tattico e quello psicologico-mentale.

Come? Attraverso contenuti cartacei o digitali in grado di darci informazioni, nozioni, punti di vista e risorse nuove da poter utilizzare appena sarà il momento.

Trovare il coraggio di chiedere aiuto
Ultimo consiglio fondamentale: se ti senti sopraffatto, se senti di soffrire eccessivamente questa situazione di isolamento sociale e di distacco dalla quotidianità è importantissimo chiedere aiuto a chi sa darti un sostegno psicologico con professionalità ed esperienza. Contatta uno specialista della salute mentale, i numeri forniti dalle istituzioni o il tuo psicologo e non affrontare da solo/a questa emergenza.

Indicazioni costruite sulla base dei documenti ufficiali WHO 

Foto: Fabio Cetti | Corsia4