Non sempre, quando ci si iscrive ad una squadra master, si ha la consapevolezza che si entrerà a far parte di un gruppo agonistico.

Per tutti però prima o poi arriva il momento in cui il coach, con sguardo minaccioso, si avvicina dicendo: “quale gara pensi di fare per prima?”.

In quell’istante ci si rende conto che quelle tre competizioni che ci erano state prospettate ad inizio anno, si faranno davvero e che l’allenamento, da quel momento in poi, dovrà diventare davvero serio!

Se per molti nuotatori le squadre master rappresentano un naturale prolungamento della propria carriera da agonisti, per altri si tratta invece di una prima esperienza che preveda delle competizioni.

Nel mio caso, ad esempio, il ricordo temporalmente più vicino di una gara, risaliva ai tempi delle elementari quando, accompagnata dalla costante ed incoraggiante presenza di mia mamma, cercavo di nuotare più veloce dei miei avversari sotto gli occhi commossi dei genitori, così fieri di osservare i propri piccoli e determinati bimbi.

Ma il giorno della prima gara arriva anche per noi non ex-agonisti che in modo incosciente ci lanciamo in questa esperienza!

La stagione agonistica dei Master al tempo del coronavirus

  Ci eravamo lasciati a inizio estate, con il superamento del lockdown e le piscine che coraggiosamente riaprivano i battenti, consentendo alla nostra più o meno attempata comunità di irriducibili delle corsie di riprendere confidenza con l’elemento liquido e con...

Swimtheisland, la decima edizione nelle acque dell’Isola di Bergeggi

Dieci anni di nuoto in acque libere, caratterizzati dal perfetto sodalizio tra passione sportiva, tutela dell’ambiente marino e valorizzazione di un territorio unico nel suo genere. Una storia che sabato 3 e domenica 4 ottobre sarà nuovamente celebrata nel Golfo...

Grand Prix Sicilia Open Water 2020: un movimento in crescita!

La quinta edizione del Grand Prix Sicilia Open Water è giunta al termine! Una frase di per sé normale se non fosse che pronunciata nel 2020 assume un significato del tutto eccezionale. È passata poco più di una settimana dallo svolgimento della finale del Circuito...

Andrea Oriana e Sabrina Peron gli assi azzurri della Manica

Da oltre 100 anni è considerata l’Everest dei nuotatori: stiamo parlando dello Stretto della Manica, una delle imprese più ardue del mondo delle acque libere. E se i 35 chilometri da affrontare possono sembrare semplici rispetto ad altre imprese in giro per il mondo,...

Sydney2000 Special, la 4×100 stile e il Rock ‘n’ Roll Australiano

Meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Sydney, la nazionale australiana di nuoto si trova in collegiale a Melbourne. Ci sono tutti, da Michael Klim a Grant Hackett, da Ian Thorpe a Kieren Perkins. È una nazionale piena di stelle che si sta preparando per...

Training Lab, Errori biomeccanici nello stile libero come causa di infortunio nei nuotatori

In uno sport ciclico come il nuoto, l’elevata ripetitività di alcuni gesti tecnici pone inevitabilmente i nuotatori ad affrontare l’argomento infortuni. Proprio per evitare di fasciarsi la testa con assunzioni approssimative e non veritiere occorre analizzare meglio...

Quel giorno ci sentiremo inevitabilmente come pesci fuor d’acqua e tale sensazione sarà ulteriormente amplificata dalla visione dei nostri compagni di squadra, così preparati e consapevoli di ciò che accadrà momento dopo momento.

Le parole “camera di chiamata”, “batteria” o “serie” non ci diranno nulla, ma proprio nulla… comunque sia… niente paura!

Innanzitutto ad ogni gara risulterà facile trovare altri neofiti con cui confrontarsi e sostenersi per evitare di perdere la chiamata alla gara. Inoltre non importa sapere tutto quello che si deve fare già dalla prima volta, l’esperienza maturerà gara dopo gara e ognuno potrà trovare la via migliore affinché il giorno della competizione diventi piacevole e non stressante.

La prima gara master è una sorta di rito di iniziazione, rappresenta infatti uno sprint in più agli allenamenti e rende chiaro il perché del nostro training.

Ma la prima gara è un’esperienza personale da vivere in squadra e che certamente rimarrà impressa nella nostra mente e nel nostro cuore!

E voi: la ricordate la vostra prima gara master?

Foto: Fabio Cetti | Corsia4