Non sempre, quando ci si iscrive ad una squadra master, si ha la consapevolezza che si entrerà a far parte di un gruppo agonistico.

Per tutti però prima o poi arriva il momento in cui il coach, con sguardo minaccioso, si avvicina dicendo: “quale gara pensi di fare per prima?”.

In quell’istante ci si rende conto che quelle tre competizioni che ci erano state prospettate ad inizio anno, si faranno davvero e che l’allenamento, da quel momento in poi, dovrà diventare davvero serio!

Se per molti nuotatori le squadre master rappresentano un naturale prolungamento della propria carriera da agonisti, per altri si tratta invece di una prima esperienza che preveda delle competizioni.

Nel mio caso, ad esempio, il ricordo temporalmente più vicino di una gara, risaliva ai tempi delle elementari quando, accompagnata dalla costante ed incoraggiante presenza di mia mamma, cercavo di nuotare più veloce dei miei avversari sotto gli occhi commossi dei genitori, così fieri di osservare i propri piccoli e determinati bimbi.

Ma il giorno della prima gara arriva anche per noi non ex-agonisti che in modo incosciente ci lanciamo in questa esperienza!

Super Olimpiadi 2020, dominio Peaty. Sjöström porta la Svezia in vetta nel day3

Alla vigilia della terza giornata, ci sono ancora molti chiaroscuri che aleggiano sulle Superolimpiadi. Se oramai abbiamo capito che si tratta di una sfida tra i migliori interpreti all-time di ogni specialità, meno semplice è afferrarne la natura reale e lo scopo. La...

Intervista a Luca Baldini Direttore delle piscine Albaro di Genova

Luca Baldini da sempre è stato abituato a grandi sfide. La sua carriera parla per lui ed oggi, insieme a tutto l’Italia che vuole tornare in vasca, è pronto ad affrontarne un’altra. Genova, piscine di Albaro. Qui il nuoto è ripreso e si è fatto un piccolo passo verso...

Le 10 gare più “alla Phelps” di Michael Phelps

In una recente intervista, Swimming World ha chiesto a Bob Bowman di classificare le 20 migliori gare del suo allievo prediletto, Michael Phelps. Va da sé che l’opinione della persona che sportivamente - ma anche umanamente - conosce Phelps meglio di chiunque altro è...

“Sono orgogliosa di chi sono” il messaggio di Rikako Ikee

Questa sono io Mostrando i suoi capelli corti per la prima volta al pubblico da quando le è stata diagnosticata la leucemia nel febbraio 2019, la 19enne nuotatrice giapponese Rikako Ikee ha parlato dal profondo del suo cuore durante un videomessaggio in collaborazione...

Super Olimpiadi 2020, strabiliante Milák nel day2. Primo oro USA

Negli ultimi 7 giorni, il mio telefono è diventato rovente. Forse non era chiaro dalla conferenza stampa inaugurale, che effettivamente era sembrata piuttosto vaga e fantasiosa, ma la prima giornata delle SuperOlimpiadi ha fugato ogni tipo di dubbio. Siamo entrati...

Il ritorno in vasca del Team MP Michael Phelps: Carini, Pizzini e Scalia

Il Team MP, composto da Luca Pizzini, Giacomo Carini e Silvia Scalia, torna ad allenarsi in piscina sempre supportato dal brand MP Michael Phelps Un ritorno graduale alle attività, grazie alle concessioni della fase 2, dove alcune piscine hanno potuto riaprire le...

Quel giorno ci sentiremo inevitabilmente come pesci fuor d’acqua e tale sensazione sarà ulteriormente amplificata dalla visione dei nostri compagni di squadra, così preparati e consapevoli di ciò che accadrà momento dopo momento.

Le parole “camera di chiamata”, “batteria” o “serie” non ci diranno nulla, ma proprio nulla… comunque sia… niente paura!

Innanzitutto ad ogni gara risulterà facile trovare altri neofiti con cui confrontarsi e sostenersi per evitare di perdere la chiamata alla gara. Inoltre non importa sapere tutto quello che si deve fare già dalla prima volta, l’esperienza maturerà gara dopo gara e ognuno potrà trovare la via migliore affinché il giorno della competizione diventi piacevole e non stressante.

La prima gara master è una sorta di rito di iniziazione, rappresenta infatti uno sprint in più agli allenamenti e rende chiaro il perché del nostro training.

Ma la prima gara è un’esperienza personale da vivere in squadra e che certamente rimarrà impressa nella nostra mente e nel nostro cuore!

E voi: la ricordate la vostra prima gara master?

Foto: Fabio Cetti | Corsia4