Select Page

Nuoto, Campionati Europei Grande Cuore Italia una 4×200 Donne da URLO!!!

I segnali di un pomeriggio positivo si hanno avuto da subito con una buona prestazione di Caramignoli nei 800m Stile Libero e dalla grandi prestazioni dei velocisti azzurri Luca Dotto e Luca Leonardi che centrano la finale dei 100m Stile Libero. La ciliegina sulla torta l’hanno messa le ragazze  della 4x200m con una prestazione da urlo.

Caramignoli un buon sesto posto

La romana Martina Caramignoli, apre il pomeriggio azzurro migliorando il suo personale dei 800m Stile Libero e conquistando il sesto posto con il tempo di 8’30″47. La finale la vince la britannica Jazmon Carlin in 8’15″54, secondo crono dell’anno, davanti alla spagnola Mireia Belmonte che tocca in 8’21″22. Il bronzo va all’ungherese con Kapas Boglarka 8’22″06.

100m Stile Libero Dotto e Leonardi in lotta per la difesa del titolo di Filippo Magnini

Dalle semifinali dei grandi esclusi (vedi Magnini campione Europeo in carica e Morozov miglio velocista europeo dell’anno), ne esce un parco finalisti di medio livello, e sicuramente non alla altezza dello standard di oltre oceano. A far parte dei otto finalisti continentali sono anche i nostri Luca Dotto (48″68) e Luca Leonardi (48″67) che innescano un duello con i due francesi Florent Manaudou miglior tempo in 48″61 e Fabien Gilot secondo tempo in 48″67. Sarà dunque Italia vs Francia per la difesa del titolo di Filippo Magnini, ma attenzione agli outsider.

200m Rana Pizzini rimpianto per un buon sesto posto

Luca Pizzini conclude sesto la finale dei 200m rana con il tempo di 2’10″93. La gara viene vinta dall’idolo di casa Marco Koch in 2’07″47, che stabilisce il nuovo record dei campionati. Secondo è il britannico Ross Murdoch 2’07″77, terzo il lituano Giedrius Titenis in 2’08″93. Luca Pizzini hai microfoni di Raisport dichiara:”Mi dispiace per non aver fatto un quinto posto che valeva la qualificazione  ai mondiali vasca corta, era un passettino in più, sono comunque contento del mio campionato”.

100m Dorso vince la solita Katinka, indietro Zofkova  e Barbieri

La finale dei 100m dorso vedono la solita Katinka Hosszu dominare sul gradino più alto del podio, ma qusta volta lo deve condividere con la danese Mie Nilsen che con il tempo di 59″63 vince l’oro assieme alla Iron Lady. Il bronzo è della britannica Georgia Davies in 59″74. Sesta Carlotta Zofkova con il tempo di 1’00″80 che dichiara: “Pensavo andasse meglio. Ho dato tutto quello che avevo. La stanchezza fisica dei 200 dorso l’ho sofferta abbastanza.”. Ottava Arianna  Barbieri con il tempo di 1’00″90.

200m Farfalla Pellizzari quinto e nuovo record personale

Matteo Pelizzari si piazza quinto nella finale dei 200m farfalla con il tempo di 1’56″72, e stabilendo il suo nuovo record personale. La vittoria va al danese Viktor Bromer in 1’55″29 bruciando l’ungherese Bence Biczo 1’55″62 e  Pawel Korzeniovski terzo in 1’55″74.

200m Misti ancora Kantinka, acnora un’oro ed Record dei campionati

Evidentemente l’IronLAdy(Katinka Hosszu), non conosce la fatica come a la nostre azzurre ed i nostri azzurri, e scende subito in acqua dopo i 100m dorso per prendere parte ai 200m misti che naturalmente vince con il tempo di 2’08″11, argento per la britannica Willmott in 2’11″44, terza l’austrica Lisa Zaiser 2’12″17.

100m Farfalla Di Liddo e Bianchi in finale

Le due azzurre centrano entrambe la finale dei 100m farfalla. La Di Liddo che definitivamente dimenticato i fantasmi della brutta prestazione in staffetta fa registrare il quarto crono con il tempo di 58″04. Ilaria bianchi peggiora rispetto alla qualificazione del mattino ed entra in finale con il quinto tempo in 58″28.

200m Rana De Ascentis in finale, Elisa Celli eliminata

 Il bronzo europeo in vasca corta Giulia De Ascentis, ottiene l’ottavo tempo in 2’26″34 e chiude la porta della finale alla compagna Elisa Celli,  che in 2’26″87 si piazza nona.

4x200m Donne Fino alla fine Forza Azzurre

Se in telecronaca ci fosse stato il grande Guida Meda avrebbe urlato: “Tutti in piedi sul divano!!!” (non ce ne voglio Tommaso Mecarozzi). Un finale al cardi palma, un finale da grande spot per il nuoto, ed ora non vogliamo più sentire dire: “Che noia il nuoto in tv!” un finale da grande FEDE. Ma per una grande Fede ci voglio anche tre grandi azzurre ( Alice Mizzau, Stefania Pirozzi, Chiara Masini Lucetti) che tengono in gara la staffetta. Si era già capito che in casa avevano una grande staffetta, durante i campionati primaverili di nuoto di Riccione, quando le interpreti della staffetta azzurra avevano nuotato tutte sotto il muro dei 2’00. La grande rimonta azzurra, è stato resa possibile anche dal mancato tentativo della Svezia di mascherare il loro punto debole, cercando di creare un gap con le avversarie grazie alla supersonica Sjoestroem che realizza un 1’53″64 in terza frazione. La Sjoestroem  vince il confronto con Federica Pellegrini, che  realizza un modesto 1’56″50 che basta però per raggiungere e sorpassare le Svedesi e far esplodere in un boato il Velodrome di Berlino. La grande impresa delle azzurre ha emozionato una intera nazione al punto di ricevere i complimenti dal presidente del consiglio Matteo Renzi.

Una vittoria che fà morale, una vittoria che proietta verso Kazan e verso Rio con maggior fiducia dopo i fallimenti di Londra e Barcellona. Ma sicuramente una vittoria che fà emozionare, ed ha fatto emozionare le stesse ragazze che ai microfoni di Raisport sono sembrate molto emozionate, ed al limite della commozione, e lasciano la parola quasi esclusivamente alla Capitana di questa questa staffetta, Federica, che anche lei ancora incredula e da vero leader dichiara: “Neanche io pensavo fosse realtà… Ai 150 metri finali ho visto la svedese avanti di due secondi e mi sono detta ‘Ma io questa quando la riprendo’. Però ci ho provato, negli ultimi 25 metri lei era abbastanza affaticata. Abbiamo avuto un po’ paura, il mio cambio è stato un po’ tirato, ma adesso siamo tutte contente. Volevamo tanto questa vittoria e ce l’abbiamo fatta. Ma sia chiaro che da sola non avrei fatto niente quindi brave e grazie alle mie compagne”. Perchè una staffetta si perde e si vince in quattro, Grazie ragazze di averci creduto!!!

Segui la diretta delle gare su Raisport ed Eurospor oppure in diretta streaming su Master Swim (Clicca qui)

About The Author

?>