Viviamo in un’era di sovraesposizione mediatica, un periodo nel quale nessuno riesce a negarsi, anche solo per qualche momento, alla voglia di raccontare qualcosa della propria vita.

Non fa niente se si tratti di momenti non proprio veritieri, di ritagli di vita che poco hanno a che fare con la realtà che viviamo quotidianamente, l’importante è esserci.

I social non ti risparmiano, sei quasi costretto ad allinearti ad un flusso che a volte è irresistibile. Capita a tutti noi che abbiamo vite regolari e capita, in maniera amplificata, anche a chi ha vite più naturalmente dense di eventi da raccontare. Tipo gli sportivi.

Ma la vera domanda è: chi sa veramente raccontare una storia?

Partiamo da questo presupposto: spesso il cosa raccontiamo va a pari passo con il come lo facciamo, e spesso è difficile che le grandi gesta siano eseguite e narrate dalla stessa persona.

È una regola che vale fin dai tempi antichi, tra l’altro, quando i grandi uomini erano spesso messi nero su bianco da altrettanto grandi autori. Gli esempi sono infiniti: Gesù non ha scritto la Bibbia così come Achille non ha scritto l’Iliade, e quasi tutto ciò che sappiamo di Carlo Magno ci è arrivato dalla penna di Eginardo.

Passando ai tempi nostri, il meccanismo non è poi così cambiato, e quasi sempre anche le autobiografie di personaggi famosi hanno dietro la mano di un ghost writer (così come molti profili social sono gestiti da un social media manager). Open di Andrè Agassi, per esempio, avrebbe avuto lo stesso successo se dietro non ci fosse la mano di J.R. Moehringer?

Per le interviste vale un pò lo stesso discorso

Su quanto sia importante il filtro del giornalista per raccontare la storia di un personaggio famoso sono stati scritti saggi e trattati, ma non è un concetto così difficile da comprendere.

La recente scomparsa di Gianni Minà ci ha riportato alla memoria uno dei più grandi esempi di questo filone, al quale appartengono i migliori intervistatori della storia. In questo senso, guardatevi una puntata del David Letterman Show e fate caso a quanto il ruolo del presentatore americano sia di aggiustare la direzione del discorso del suo ospite, senza mai sovrastarlo né tantomeno interromperlo.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

Guardando l’intervista che Gregorio Paltrinieri ha rilasciato a Sky nel programma Federico Buffa Talks, credo che si possa comprendere appieno questo discorso così ampio.

Da un lato c’è il personaggio sportivo dai risultati incredibili, uno dei più forti della sua generazione e forse il più forte italiano di sempre. Dall’altro ci sono due professionisti, un giornalista come Federico Ferri (direttore di Sky Sport) e un eclettico narratore come Federico Buffa (personaggio dalla carriera molto sfaccettata che spesso riassumono con il nome di storyteller).

Sembra quasi impossibile che il risultato di questo incontro non sia interessante, ed infatti lo è. In questo preciso caso la bravura degli intervistatori sta quasi tutta nella scelta del personaggio e nel lasciare al personaggio stesso carta bianca, intervenendo come faceva Letterman solo per dare una direzione al discorso.

Questo perché Gregorio Paltrinieri ha più volte dimostrato di essere in grado di raccontare il suo punto di vista in maniera precisa e articolata, rendendo ogni sua intervista quasi mai banale. Vi sfido a trovare un video di Greg che parla in modo noioso, che risponde come un automa impostato alle domande dei giornalisti. Da questo punto di vista, nel mondo del nuoto italiano non esiste un personaggio come lui, e anche estendendo il discorso allo sport in generale si fa fatica a pareggiarlo.

Buffa lo comprende e lascia a briglia sciolta Paltrinieri, che si esprime in metafore ed immagini che ci raccontano tanto di lui quanto del suo trascorso storico; il suo intervento più sostanziale è nel parlare di Kobe Bryant, idolo di Paltrinieri, che Buffa ha conosciuto sicuramente più a fondo e che diventa uno strumento interessante per definire la personalità di Greg, ma per il resto Buffa lascia scorrere. Il risultato è piacevole, una chiacchierata senza troppe sovrastrutture che, anche visivamente, restituisce più immagini dalle parole che dai filmati di repertorio.

Guardando l’intervista, viene da chiedersi quanti altri atleti contemporanei abbiano la stessa innata capacità di essere al contempo fortissimi e brillantissimi, performanti e lucidi come Gregorio Paltrinieri. Uno che ha saputo scegliere con la sua testa, cambiare tutto e rischiare di più, per arrivare esattamente dove voleva essere. Uno che ha dimostrato di non volersi accontentare, di non sapersi accontentare, di avere la forza (non solo fisica) di mettersi sempre in gioco, no matter what.

Guardando l’intervista, e guardandone anche tante altre, viene da chiedersi: quanti altri sportivi e personaggi hanno una storia da raccontare e sanno anche raccontarla?

Foto: Fabio Cetti | Corsia4