Seconda vibrante, intensa giornata di finali allo Stadio del Nuoto di Riccione. È difficile trovare un titolo che sintetizzi le sorprese e le conferme odierne, che vanno dal legno della Pellegrini alla roboante doppietta di Vergani, o al primo titolo di Ceccon, passando tra uno Scozzoli in grandissimo spolvero fino al colpo di scena delle staffette finali…

Ma andiamo con ordine.

Le finali del pomeriggio partono con i 50 dorso al femminile. A memoria nostra, una Federica Pellegrini fuori dal podio in una manifestazione nazionale non l’abbiamo mai vista. L’onore della prima volta tocca a Scalia, Quaglieri e Panziera, con 28”30, 28”46 e 28”50. Quarta, a 5 centesimi dal bronzo, la Divina.

Se ieri l’exploit di Vergani, vincitore dei 50 stile con un tempo a ridosso del RI, poteva sembrare casuale, la riconferma nei 50 delfino con 23”65 da davvero la tara dei miglioramenti dell’atleta milanese. Una doppietta 50 delfino-50 stile al maschile è merce più unica che rara in Italia, che fa dell’alliievo di Caspani, in forza al Vittorino ma di stanza ai Nuotatori Milanesi, l’uomo più veloce d’Italia. Segue Codia, 23”73 su D’Angelo. Fuori dal podio, Rivolta.

I 100 farfalla donne vedono il bellissimo duello tra Bianchi e Di Liddo: tutte e due ampiamente sotto il pass per gli europei e autrici di una gara in quasi perfetta fotocopia. Il distacco minimo all’arrivo (57”70 vs 57”75) rende la giusta dimensione di una gara molto vibrante. Ottimo il terzo posto di Tarzia davanti a una Asprissi sempre convincente in chiave assoluto.

Il terzo urlo della giornata lo regala il sempre più affermato talento Thomas Ceccon. Se ieri aveva solo sfiorato il titolo assoluto nei 50 dorso, oggi nei 100 si prende la posta grossa, timbrando con 53”94 il primato Junior. Sabbioni in 54”23 e Ciccarese 54”40 chiudono il podio.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

I 200 rana donne vedono un assolo della Fangio, in 2’26”72. Un buon finale consente a Carraro di strappare l’argento in 2’27”92, lontana comunque dal pass per Glasgow in questa distanza. Terza la giovane Memo (2001), che ha ragione di una Pirovano crollata nel finale. Più indietro la primatista italiana, Scarcella, giunta sesta in 2’32”.

Peccato non aver potuto assistire a quello che sarebbe stato uno tra i duelli più avvincenti della manifestazione. I 100 rana, tra il “vecchio” Scozzoli e il “nuovo che avanza”, Martinenghi. Il fenomeno di Brebbia è a casa infortunato e ci pensa il buon Fabio, autore di una prestazione molto più che convincente dato che nuota il suo nuovo personale (precedente Shanghai 2011 59″42),  portandosi a casa il titolo con 59”33: la rana maschile è viva e vegeta e Scozzoli ha ancora tante pagine da scrivere. Il podio è completato da Casna e Poggio, tutti e due sopra ilo 1’01”. Peccato, sarebbe stata davvero una finale stratosferica.

Segnaliamo, per dovere di cronaca, la finale giovani dei 200 stile donne, con le due gemelle terribili del Time Limit – Cesarano Antonietta e Noemi classe 2003 – affiancate nelle due corsie basse. Nella finale che assegna i metalli, privata dopo 15 anni di una Federica Pellegrini (15 anni è l’età delle Cesarano…) la spunta Pirozzi in 1’59”71 davanti a Caponi (1’59”94). Panziera terza, sopra i 2′ è ancora un campanello di allarme per la condizione non eccelsa della nostra 4×200 donne, incapace ad oggi di formare un team (Fede esclusa) in grado di andare sotto gli 8 minuti.

Chiude il programma la 4×200 al maschile. Ex aequo, mai visto in una 4×200, tra Esercito e Carabinieri davanti ad Aniene. Su tutti, spicca il buon lanciato di Ciampi, sotto l’1’47”, unico in questa sessione di staffette.

Domani nuove batterie e nuove finali, ma oggi l’emozioni non sono mancate.

(Foto: Fabio Cetti | Corsia4)