A meno di un mese dall’inizio dei Mondiali, tutti i migliori nuotatori degli Stati Uniti si ritrovano ad Indianapolis per i 2023 Phillips 66 National Championships.

Pronti a scoprire la squadra che volerà a Fukuoka?

 

200 farfalla donne

Dopo aver dato già nelle batterie dimostrazione di freschezza, Regan Smith si aggiudica la finale con un 2.05.79 che la rimette al centro del discorso per la vittoria mondiale in questa gara. Dietro lei, altre due sotto il 2.08: Lindsay Looney (2.07.35) e Dakota Luther (2.07.86). Delusione per Hali Flickinger, solo settima in 2.08.32.


200 farfalla uomini

Qualcosa di interessante si muove anche al maschile: la gara è dominata da Carson Foster, che non perde mai la leadership e chiude in 1.54.32, davanti a Thomas Heilman autore di una ultimo 50 da 30.04 che gli fa quasi chiudere la clamorosa rimonta e mettere a segno il tempo di 1.54.54, nuovo record nazionale 15-16 anni (il precedente era di Michael Phelps). Il bronzo va ad un altro esperto di rimonte, Zach Harting, che chiude in 1.55.12.

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

Fatti di nuoto Weekly: forzature

Negli stessi giorni in cui esce un bel mini documentario su di lui, Thomas Ceccon ha rilasciato un’intervista nella quale risponde ad alcune domande interessanti a margine del Mare Nostrum. Le notizie che saltano fuori da queste dichiarazioni, rilasciate in un inglese...

100 stile libero donne

Dopo aver completato quest’anno la sua gloriosa carriera collegiale, Kate Douglass inizia a fare sul serio: 52.57, quarto tempo al mondo e un ritorno in 27.22 che fa ben sperare per possibili miglioramenti. Dietro di lei, cinque atlete in quattro decimi si giocano i posti per le staffette: la migliore è Abbey Weitzel in 53.11 (aveva nuotato 52.92 in batteria), poi Gretchen Walsh in 53.14, Olivia Smoliga in 53.28, Torri Huske in 53.41 e Maxine Parker in 53.51.


100 stile libero uomini

Finale rivoluzionaria quella della gara regina al maschile, piena di nomi nuovi e con un assenza su tutte, quella di Caeleb Dressel ancora non in condizione ottimale. Gli USA si reinventano e qualificano un quartetto completamente nuovo per la staffetta mondiale. Il leader è Jack Alexy, classe 2003 proveniente da Cal, che vince i Nationals in 47.93 (al mattino 47.75), precedendo un altro 2003, Chris Guiliano, 47.98. A completare il team ci sono Matt King (2002) e Destin Lasco (2001), entrambi più lenti che al mattino, quando avevano nuotato rispettivamente 47.93 e 47.87; Ryan Held e Justin Ress, entrambi sopra i 48, dovrebbero completare il roster.

800 stile libero donne

Che gli vuoi dire a una come Katie Ledecky? La più grande mezzofondista della storia si presenta ai Nationals in forma smagliante e stampa negli 800 un 8.07.07 da paura, terza prestazione all-time e suo miglior tempo dal 2016. Se avevamo bisogno di conferme sulla sua volontà di fare ancora la differenza, eccole. Al secondo posto la 2005 Jillian Cox, che si migliora di dieci secondi e chiude in 8.20.28, tempo che la porta a Fukuoka.


1500 stile libero uomini

Anche Bobby Finke c’è: il campione Olimpico chiude la gara in 14.42.41, quinto tempo dell’anno, un crono che lo proietta nella lotta per il podio Mondiale insieme ai migliori specialisti. A Fukuoka ci andrà anche Charlie Clark (2002), che fa il suo migliore in 14.50.84.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4