Dopo la 10 km donne, è tempo per gli uomini di inaugurare il Mondiale e giocarsi medaglie e slot Olimpici.

Nel porto vecchio di Doha si tuffano i partecipanti alla Swim Marathon, per l’Italia presenti Domenico Acerenza e Dario Verani.

Innanzitutto una precisazione: le dichiarazioni dei coach italiani alla RAI chiariscono definitivamente, qualora ce ne fosse bisogno, la situazione pass Olimpici. Dario Verani nuota questa gara al posto di Gregorio Paltrinieri, che si tufferà nella 5 km e nella staffetta, per poi affrontare le gare in piscina. Come detto da Rubaudo e Antonelli, la coppia per Parigi è Paltrinieri-Acerenza, senza dubbi alcuni. Avendo già ottenuto il pass Olimpico nei 1500, Paltrinieri non ha la stretta necessità di nuotare questa gara, mentre Acerenza deve assolutamente entrare nei primi 13 oggi (o 16, se i 3 già qualificati Wellbrock, Rasozvsky e Klemet rientrassero in queste posizioni). Verani, invece, nuoterà per il suo personale piazzamento ma anche per dare una chance in più all’Italia, come Nazione, di ottenere un pass. Qualora lo ottenesse, lo cederà ai compagni. 

La temperatura dell’acqua è simile a quella di ieri, 21 gradi, mentre sembra esserci meno vento e, di conseguenza, meno onde a disturbare l’azione dei nuotatori. Nei primi due giri il gruppone si muove compatto, con Rasovszky che tenta di dettare il ritmo e tutti i migliori che sfruttano la sua scia. Nei primissimi posti ci sono sia Florian Wellbrock che Domenico Acerenza, mentre Dario Verani è stabile tra gli atleti che seguono a pochi secondi di distanza. La gara rimane compatta anche nel terzo giro, con il gruppo sempre guidato da Rasovzky composto da quasi trenta atleti, tutti abbastanza vicini tra loro. Nelle posizioni di testa ci sono anche i francesi Fontaine e Olivier e l’altro ungherese Betlehem, mentre Dario Verani risale intelligentemente e si accoda ai primissimi. 

L’Italia trionfa alla Coppa Comen – Mediterranean Swimming Cup 2024

L'Italia si conferma ai vertici nella tre giorni della Coppa Comen – Mediterranean Swimming Cup 2024 che si è disputata a Limassol - Cipro - confermando la vittoria delle ultime stagioni (Limassol 2022 e Larissa 2023). Gli azzurrini conquistano 37 medaglie - 16 ori,...

Fatti di nuoto Weekly: cavare il sangue dalle rape

Piccola e impopolare riflessione sul nuoto contemporaneo di Fatti di nuoto Weekly.  Nello scrivere settimanalmente di nuoto, per questa rubrica e non solo, passo due terzi dell’anno a cercare le notizie più nascoste, le curiosità, gli anniversari, le piccole...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Australiani

Anteprima dei Giochi dalla terra dei canguri! A cosa abbiamo assistito in questi sei giorni australiani? Livello fuori dal comune quello visto a Brisbane, pari ormai a quello che possiamo trovare nei Trials USA, che fanno dell’Australia la seconda potenzia mondiale...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

La gara entra nel vivo solo nell’ultimo giro, quando la fase di studio termina ed iniziano i forcing determinanti. Fontaine è il primo a cercare la sortita, con Acerenza che lo segue subito e Olivier che si mette in scia. Dopo la boa si passa a favore di corrente, e Logan Fontaine continua il forcing, con Acerenza, Wellbrock e l’inglese Pardoe appena dietro. Improvvisamente, con il traguardo vicino e le medaglie a portata di mano, sembrano essersi svegliati tutti. Rasovszky vira per primo all’ultima boa e inizia la volata finale, Acerenza è in terza posizione dietro ad Olivier. L’ungherese si invola deciso verso la vittoria con il solo Olivier sui suoi piedi e il resto dei big più indietro a giocarsi il bronzo. Lo sprint definisce le posizioni: Rasovszky oro, Olivier argento, Pardoe bronzo. Gli italiani sono entrambi nei primi dieci, confermando la doppia qualificazione olimpica. 

Acerenza: “è stata una gara difficile soprattutto verso la fine, ma l’obiettivo era la qualificazione Olimpica e sono felice di averlo raggiunto.”

Verani: “Avevo un compito difficile, è stata una bella battaglia con il mare mosso e l’acqua fredda. Alla fine il pass Olimpico è arrivato e questo è quello che conta. Per me lasciare il posto a Gregorio Paltrinieri è un onore, io continuerò ad allenarmi e giocarmi le mie chance.”

Doha 2024 – 10 km uomini

🥇Kristof Rasovsky 🇭🇺 1h48’21″20
🥈Marc-Antoine Olivier 🇫🇷 +2″4
🥉Hector Pardoe 🇬🇧 +8″0

7 Domenico Acerenza 🇮🇹 +9″2
8 Dario Verani 🇮🇹 +9″6

Programma gare

Orario italiano (Doha +2 ore)

D1 – 3 febbraio
8.30 10 km F Bridi, Taddeucci

D2 – 4 febbraio
8.30 10 km M Acerenza, Paltrinieri

D3 – 7 febbraio  
8.30 5 km F Gabbrielleschi, Pozzobon
11.00 5 km M Acerenza, Paltrinieri

D4 – 8 febbraio
8.30 Team Event 4×1500 m –la squadra sarà definita dopo la 5km del 7 febbraio

Foto: Fabio Cetti | Corsia4