Mercoledì è arrivato e così anche Fatti di nuoto Weekly, il vostro rito settimanale per rimanere aggiornati sul nuoto e dintorni.

Questa settimana c’è molto di cui parlare, quindi partiamo subito, inevitabilmente, dagli Assoluti.

– 107 A TOKYO

Trovatemi un aggettivo che descriva gli Assoluti 2021, uno solo, ed avrete la mia stima incondizionata. Io non ci riesco, per quante emozioni e sensazioni mi ha lasciato la rassegna di quattro giorni di Riccione; pur con tutte le differenze dal passato, le restrizioni e le problematiche, mi sono ritrovato con una grandissima scarica di adrenalina ed una ventata di speranza da non sottovalutare. Ok, la situazione piscine in Italia è ancora in alto mare e il tunnel non è ancora finito, ma limitandoci al livello sportivo di alto profilo, non si può che essere felici.

Ci guardano ormai da tutto il mondo: si chiedono se sceglieremo tra Pilato, Carraro e Castiglioni per le Olimpiadi, si strabuzzano gli occhi per l’ennesima impresa di Federica Pellegrini, scorrono le nostre classifiche per sapere chi dovranno affrontare nel prossimo evento nazionale. D’altronde, i numeri ci dicono che siamo forti, forse come non mai.

A Sydney 2000 abbiamo vinto sei medaglie, un picco incredibile ottenuto da tre atleti, con altri tre ed una staffetta che si sono fermati al quarto posto, tutti maschi.

Forse non sarà possibile ripetere una prestazione del genere, ma se c’è un’edizione dei Giochi dove possiamo arrivare vicini a quel livello è quella di Tokyo: tutti gli atleti (14) che si sono qualificati ad oggi per le gare individuali sono da finale – non lo dico io ma lo dicono i tempi da loro effettuati – molti di loro sono già stati su un podio internazionale, molti altri hanno già fatto la finale ai Mondiali di Gwangju 2019.

Non ci resta che tifare.

Se non vi sono bastati i risultati degli Assoluti, ci sono stati molti altri eventi in giro per il mondo, alcuni davvero interessanti.

Fatti di nuoto Weekly: Elogio primaverile a Summer McIntosh

La primavera è una stagione straordinaria, forse la più bella. Più dell’inverno, che sa essere romantico ma anche rigido; più dell’autunno, che con i suoi colori è affascinante ma malinconico; più dell’estate, eccitante ma insopportabile nei suoi eccessi. Oggi, in...

60° Sette Colli | A Roma si comopleta la squadra Olimpica per Parigi 2024

Ci saranno tanti azzurri al via per il 60° Trofeo Sette Colli - Internazionali di nuoto, che si disputerà allo Stadio del Nuoto del Foro Italico di Roma, da venerdì 21 a domenica 23 giugno. Oltre ai prestigiosi titoli della manifestazione, in palio anche gli ultimi...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Canadesi

In Canada sono tutti pronti! Dopo un’intensa settimana di Trials, il team della foglia d’acero ha tirato fuori i suoi alfieri che voleranno a Parigi a caccia di medaglie. Saranno in 29 a difendere i colori canadesi in quel dei Giochi, e le ambizioni sono tutt’altro...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 farfalla

I 200 farfalla, una delle gare più dure del programma natatorio in vasca, hanno una storia olimpica abbastanza recente: i maschi si sfidano sulla distanza da Melbourne 1956 (per un totale di 17 campioni), mentre le donne da Città del Messico 1968 (14 campionesse).Il...

Fatti di nuoto Weekly: semplici problemi, semplici soluzioni

Con i Trials brasiliani alle spalle e quelli canadesi in corso (#hype McIntosh), Fatti di nuoto Weekly torna nelle vostre bacheche per tessere un filo che parte da Lia Thomas, passa da Ahmed Hafnaoui, Kristóf Milák e Michael Phelps per concludersi con Nicolò...

Raduni nazionali: velocisti a Ostia, Mezzofondisti e mististi al CPO di Livigno

Continuano i raduni per gli atleti di interesse nazionale in avvicinamento al Sette Colli: un gruppo di velocisti parteciperà a tre giorni di monitoraggio presso il Centro Federale di Ostia, mentre il Centro di Preparazione Olimpica di Livigno opsiterà una selezione...

日本 (Giappone)

Hanno le Olimpiadi in casa e vivono il nuoto come una sorta di religione: i giapponesi stanno viaggiando verso Tokyo con tutte le intenzioni di portare una squadra competitiva e che punti a diverse medaglie. Inutile dire che la notizia più bella, per quanto mi riguarda, è la qualificazione di Ryosuke Irie, di gran lunga il mio dorsista preferito ed in lotta per essere anche il mio nuotatore preferito in attività (se seguirete la newsletter, arriverà presto anche la classifica😉 ). Il fatto che lo potrò vedere in azione anche questa estate mi rallegra e non poco, ma mi rendo conto che chiedergli l’impresa di un podio è ingeneroso. Mi prenderò quel che verrà.

Chi ha mire più elevate è di sicuro Daya Seto, che ha dichiarato di voler battere l’ultimo world record che rimane a Michael Phelps, quello dei 400 misti. Dopo un anno complicato, con in mezzo anche la squalifica per adulterio, l’ex capitano nipponico sembra voler riprendersi, attraverso i risultati, titoli e soprattutto onore perduto.

Ci sono anche Hoashi, Matsumoto (1’44″65 nei 200 stile whaaaaat?), Watanabe, Honda, Aoki, Sato e anche Hagino, oltre a Rikako Ikee finalmente sorridente e commossa: l’hype per la squadra giapponese è alle stelle.

РОССИЯ (Russia)

Anche da quelle parti fanno a sportellate mica male ai Campionati nazionali. Tipo Rylov e Kolesnikov che devono decidere chi va più forte nei 100 dorso, o Girev che stampa un 1’45” facile nei 200 stile, o Egorova in gran spolvero nei 400 stile 4’04″10, o la battaglia nei 100 stile dove torna in gioco Kolesnikov. Insomma, i tempi li trovate qui, quello che rimane è la sensazione di un altro gigante, il nuoto russo in questo caso, che si sta muovendo verso Tokyo. Con intenzioni piuttosto serie.

SUN YANG vs WADA

Mini aggiornamento sulla querelle di giustizia sportiva più chiacchierata del decennio: appuntamento al 24 maggio per la nuova udienza, nella quale le parti verranno riascoltate (stavolta senza l’italiano Frattini) e il TAS verrà chiamato a pronunciarsi nuovamente. Il verdetto potrebbe essere modificato, permettendo al cinese di partecipare ai Giochi e difendere le medaglie di Rio 2016. In caso ciò dovesse avvenire, Mack Horton è pronto a protestare nuovamente, e chissà quanti altri insieme a lui; la FINA avrà una patata bollente da gestire.

RINUNCE

La Corea del Nord non parteciperà alle Olimpiadi di Tokyo. Ce ne faremo una ragione.

That’s all folks!

Iscriviti alla newsletter

Foto: Fabio Cetti | Corsia4