Select Page

Le Clos e Magnini le stelle della Rossini Swim Cup di Pesaro

Le Clos e Magnini le stelle della Rossini Swim Cup di Pesaro

“Scontro tra titani”, potrebbe essere il titolo di questa tre giorni pesarese alla Rossini Swim Cup dove l’eroe è stato il padrone di casa Filippo Magnini e i nemici erano gli invasori sudafricani capitanati dal temibile Chad Le Clos.

Un vero e proprio “tutti contro uno” quello di Magnini, che ha dovuto vedersela nella gara regina con il campione olimpico dei 200 farfalla di Londra, arrivato a Pesaro puntuale come sempre. Il sudafricano non perde l’occasione per tornare in Italia durante le fasi finali della sua preparazione in vista dei grandi eventi estivi, quest’anno capeggiati dai Giochi di Rio. Nel pre-gara i due avevano scherzato, con Le Clos che si chiedeva come avrebbe fatto Pippo a resistere agli assalti del suo esercito di sudafricani, con il velocista azzurro che rispondeva ricordando come avesse beffato sia Neethling che Schoeman a Montreal nel 2005.

Ma 11 anni e i troppi avversari si fanno sentire anche per lui: non basta metterseli tutti alle spalle chiudendo in 49”00, Le Clos è troppo più giovane e forte in questo momento, e vince con un brillante 48”16.

Si gareggia in notturna, stile Rio, con l’inizio delle finali di venerdì e sabato alle 20.30 e quello che non riesce a fare nei 100 Magnini lo fa nei 200. Vince in 1’48”50, un decimo meglio di quanto nuotato agli Assoluti, segnale evidente di quanto la 4x200 stile possa contare su di lui.

Ma da buon padrone di casa, Re Magno lascia gli onori all’ospite di lusso: Chad Le Clos, bisogna ammettere, ci mette del suo, perché oltre al successo nei 100 stile si prende l’oro anche nei 100 farfalla, vinti in 52” e rotti, lasciando il connazionale Bosch e l’egiziano Marwan a più di due secondi.

Gwangju 2019 | Day2 finali: quarta Di Liddo. Record per Megli, Carraro e Castiglioni

Un'altra giornata con sorprese per i Mondiali di nuoto che vedono una vittoria decisamente inaspettata nei 100 farfalla feminili. Tutto da copione invece nelle altre finali di programma: 100 rana e 50 farfalla uomini e 200 misti femminili. L'unica azzurra in finale...
Read More

Gwangju 2019 | Day2 batterie bene gli azzurri. Device ballerini

Una mattrina caratterizzata dalla rottura dei device del dorso che vede sfortunato protagonista il nostro Simone Sabbioni - già purtroppo penalizzato al Mondiale di Budapest 2017. Questa volta può ripetere la gara - per ben due volte! - e accedere alle semi del...
Read More

Gwangju 2019 | Day1 finali, Detti bronzo nei 400. Delusione 4×100

È il momento di fare sul serio! Gwangju ospita l'ultimo mondiale del decennio, quello pre-olimpico, dove tutti i big sono pronti alla ribalta e a prenotare una prestazione da ricordare. La mattina coreana, che per tutti noi era piena notte, ha regalato ai colori...
Read More

Gwangju 2019 | Day1 batterie, Di Liddo record. Italia avanti tutta

Un ottimo esordio per gli azurri nella vasca del Nambu Aquatics Center di Gwangju. Tutti gli atleti scesi in vasca passano il turno accedendo alle semifinali e finali del pomeriggio (ore 13.00 italiane). Prestazioni maiuscole per Elena Di Liddo che mette in mostra un...
Read More

Swim Stats | Gwangju 2019, gli Italiani ai Mondiali

Novella Calligaris, Gabriele Detti, Giorgio Lamberti, Massimiliano Rosolino, Alessio Boggiatto, Filippo Magnini, Federica Pellegrini, Alessia Filippi, Gregorio Paltrinieri: questi sono i nomi, in rigoroso ordine cronologico, degli 8 atleti italiani capaci di salire...
Read More

Gwangju 2019, Alessio Occhipinti e il suo bronzo da rookie

La gara più massacrante del nuoto di fondo chiude il programma Mondiale, in una giornata dalle condizioni meteo proibitive - pioggia, freddo e vento - sulla baia dell’Expo Ocean Park di Yeosu. Nella 25 chilometri di Gwangju 2019, per l’Italia arriva la gioia del...
Read More

Gwangju 2019, la staffetta d’argento del fondo

Venivamo dalla medaglia di bronzo di Budapest 2017 ed è arrivato uno splendido argento. Il mare di Yeosu non ha finito di darci soddisfazioni e, nella specialità forse più spettacolare del nuoto di fondo, ci regala una medaglia fortemente sperata ma mai data per...
Read More

Gwangju 2019, i verdetti olimpici delle 10 km

Il nuoto di fondo a Gwangju ha dato il suo verdetto nella 10 km, unica distanza che metteva in palio, oltre alle medaglie mondiali, anche il pass olimpico. Risultato per niente semplice perché, per essere sicuri di volare entrambi a Tokyo 2020, Gregorio Paltrinieri e...
Read More

Gwangju 2019, sale l’attesa per la 10 km maschile

Assegnate le medaglie delle prime due gare del nuoto in acque libere, un giorno di riposo - per noi una notte - e pronti per scoprire i 10 atleti uomini che riusciranno ad aggiudicarsi il pass olimpico per Tokyo 2020. Per l'Italia saranno in acqua Gregorio Paltrinieri...
Read More

Andrea Vergani vola al Mondiale di Gwangju

Andrea Vergani risulta iscritto nei 50 stile libero ai prossimi 18th FINA World Championships di Gwangju, in programma dal 12 al 28 luglio prossimi. La notizia non è ancora stata ufficializzata, ma dalle pagine del sito ufficiale FIN l'atleta risulta iscritto nella...
Read More

Se tra le ragazze non brillano nomi illustri e lo spazio se lo prendono le giovani, qualche altro acuto dalla squadra sudafricana arriva grazie alla rana. No, non c’è Cameron van der Burgh ma a sostituirlo, o per lo meno a provarci, è Jarred Crous che fa tripletta con i successi nei 50, 100 e 200 rana, nuotando bene in particolare la distanza più lunga, con un 2’11”65 non lontano dal suo best stagionale.

L’altro asso in arrivo da Pretoria era il velocista Douglas Erasmus, che piega nei 50 stile la resistenza di Giovanni Izzo, primo tra gli Junior in 22”91 contro il 22”76 del rivale più “vecchio”.

Ma dietro all’invasione africana scalpitano i giovani azzurri: troviamo così una lotta generazionale tra Junior e Assoluti, come accade nei 100 dorso, con Fabio Laugeni che vince in 56”07 mentre nella finale Junior Jacopo Bietti tocca primo in 56”63. Nella distanza più breve il più veloce è poi un indomito Mirko Di Tora, mentre nei 200 è ancora Bietti il a toccare davanti a tutti oltre a essere l’unico sotto il muro dei 2 minuti.

Con questo antipasto ci possiamo mettere dunque comodi per gustarci lo spettacolo del 53° Sette Colli, pronto a partire nel prossimo week-end con tanti protagonisti di Pesaro in vasca, e soprattutto con gli azzurri a caccia degli ultimi posti disponibili per il sogno Olimpico di Rio!

About The Author

Alessandro Foglio

Istruttore e nuotatore, segue il mondo del nuoto assoluto e tutti i suoi appuntamenti!

?>