Select Page

Salvamento, Campionati Assoluti: Aqvasport Campione d’Italia

di Elisa Bellardi

L’Aqvaport Rane Rosse domina, ancora una volta, il salvamento italiano. È la squadra milanese, infatti, a laurearsi campione d’Italia agli Assoluti del Palanuoto di Torino, per l’ottava volta consecutiva. La classifica per club, del resto, parla chiaro: 453,5 punti contro i 360 del Gruppo Sportivo Fiamme Oro e i 305,5 della torinese Sa-Fa 2000; quarta un’altra squadra di casa, la Rari Nantes Torino con 247 punti. Ad applaudire, dagli spalti pienissimi, circa mille spettatori.

Intanto si definisce buona parte delle Nazionali che andranno a rappresentare l’Italia durante gli Europei Assoluti in programma dall’1 al 7 agosto a Cardiff, in Gran Bretagna, e durante quelli Juniores che si svolgeranno dal 23 al 27 settembre ad Alicante, in Spagna. A portare la maglia azzurra tra gli Assoluti saranno Silvia Meschiari (Aqvasport), Laura Pranzo (CN Nichelino), Rossella Fimiani (Acquatica Torino), Alice Marzella (Aqvasport), Daniele Sanna (Aqvasport), Federico Gilardi (RN Torino), Francesco Ippolito (Gorizia Nuoto), Andrea Niciarelli (Fiamme Oro Roma). I più giovani convocati, invece, sono Serena Nigris (Orizzonti Udine), Greta Peziardi (RN Torino), Maddalena Gazzetta (De Gregorio), Valeria Cappelletti (Aqvasport), Elia Zennaro (SC Noale), Denis Scroccaro (SC Noale), Gianluca Fontana (Aqvasport), Emilio Mazza (Sa-Fa 2000 Torino).

L’ultima giornata di gare è stata ricca di emozioni, con il record assoluto della della staffetta 4×25 manichino femminile dell’Acqvasport con 1’23”24 (due secondi in meno del precedente 1’25”31) e quattro primati di categoria, di cui tre italiani e uno europeo. Ancora una doppietta per la ventitreenne Silvia Meschiari, che vince l’oro nel 50 trasporto del manichino (35”64) e l’argento nei 200 super lifesaver (2’29”20) dietro a Laura Pranzo con 2’28”55. Molto bene anche Daniele Sanna e Federico Gilardi, entrambi convocati per punti in Nazionale e rispettivamente primo e secondo nel 200 superlife saver con 2’08”38 e 2’09”05.

Soddisfatto, al termine dell’evento (che, lo ricordiamo, era inserito nella rassegna di manifestazioni inserita in Torino Capitale Europea dello Sport), il presidente della Federazione Italiana Nuoto Marco Sublimi. «Siamo particolarmente soddisfatti di aver ospitato per la prima volta a Torino i campionati assoluti di nuoto per salvamento – commenta – Questa manifestazione è inserita negli eventi di Torino 2015 – capitale europea dello sport e segue la partita di World League di pallanuoto maschile Italia-Croazia del 20 gennaio e i campionati assoluti di nuoto sincronizzato che si sono svolti a febbraio».

About The Author

?>