A poche ore dall’inizio degli Assoluti – per i quali l’attesa è alle stelle – Fatti di nuoto Weekly si occupa di due eventi con decisamente meno hype e della situazione generale delle piscine.

Genova vs Indianapolis

Tra le gare interessanti del weekend, ci sono state l’ultima tappa della FINA World Cup e la 48ª edizione del Trofeo Nico Sapio. Due eventi dal valore logicamente diverso: a Indianapolis si gareggiava per incoronare i vincitori di questa Coppa del Mondo, a Genova per prepararsi agli Assoluti Invernali e, dove possibile, staccare già un biglietto per Melbourne. Il valore assoluto delle due gare (una a livello mondiale, l’altra nazionale) non è in dubbio, ma l’appetibilità degli eventi sì.

Chi segue questa rubrica può già intuire il mio pensiero: per quanto prestigiosi e ottimamente organizzati siano i trofei, al nuoto extra super eventi manca la componente di spettacolarità che potrebbe spingere lo spettatore comune ad interessarsi. In un contesto diverso, anche un record del mondo di Katie Ledecky o uno italiano di Lorenzo Mora assumerebbero un valore nettamente più alto.

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

Fatti di nuoto Weekly: forzature

Negli stessi giorni in cui esce un bel mini documentario su di lui, Thomas Ceccon ha rilasciato un’intervista nella quale risponde ad alcune domande interessanti a margine del Mare Nostrum. Le notizie che saltano fuori da queste dichiarazioni, rilasciate in un inglese...

Aggiornamento piscine

La situazione, purtroppo, non è cambiata: fioccano le chiusure e gli allarmi provenienti da gestori e società sportive, che stanno accogliendo i primi freddi stagionali con un’apprensione mai avuta prima. L’inverno spaventa, il caro bollette pure, e così continuano ad arrivare notizie poco confortanti.

A Prato la piscina di Iolo viene chiusa con un preavviso di 24 ore, nello stupore di utenti e pubblico; a Treviso dieci sindaci provano la strada dell’appello al Presidente della Repubblica, cercando più che altro di mantenere elevata l’attenzione sul problema e lo studio di qualche possibile soluzione; in Emilia Romagna si parla di diminuzione di orari e chiusure prolungate come unici rimedi possibili per non collassare definitivamente sotto il peso delle bollette.

Insomma, il panorama va con diverse sfumature dal grave al gravissimo, senza un’apparente soluzione che non sia nella buona volontà e nel portafoglio dei gestori.

Waiting for Riccione

Nel frattempo è giunto il momento di ritrovarsi allo Stadio del Nuoto di Riccione, dove l’hype per gli Assoluti è bello elevato. È già tempo di lasciarsi alle spalle l’estate d’oro del nuoto italiano e provare a concentrarsi sul futuro, che intanto significa Mondiali in vasca da 25.

Godiamoci questa bella Italia, che ultimamente ci ha abituato a degli Assoluti spettacolari nei quali i temi non mancano mai: la ormai classica sfida tra raniste e ranisti, la bella rinascita del mezzofondo, le scintille della velocità, lo scontro tra nuove generazioni e vecchi leoni. In acqua ci saranno (quasi) tutti, dagli ormai internazionali Ceccon e Martinenghi ai più giovani come Galossi.

Quanti record cadranno? Quante sorprese ci saranno? Chi andrà a Melbourne?

See you later!

Iscriviti alla newsletter

Foto: Fabio Cetti | Corsia4