Select Page

Pallanuoto, Il Bogliasco va ai play off, Lazio fuori. Si comincia mercoledì con la prima gara dei quarti

Imperia-Messina e Padova-Bogliasco le semifinali di A1 femminile. Il Setterosa in gara martedì contro la Russia per il supermatch di World League

di Gianna De Santis

CAMPIONATO MASCHILE – Sono arrivati gli ultimi verdetti del massimo campionato maschile, si sono giocati infatti i quattro match che mancavano per chiudere la stagione e dare il via ai play off. Già retrocesse Roma Vis Nova (tra l’altro neo promossa) e Florentia (prima amara retrocessione dal 1929 ad oggi), e assegnati anche i primi sette posti della classifica con la vittoria della Pro Recco nella regular season con due punti di vantaggio sul Brescia, mancava da aggiudicare solo l’ultima piazza di accesso ai play off. Posto guadagnato dal Bogliasco che fatto fuori dalla corsa la Lazio.

 

LA SFIDA – Il Bogliasco ha battuto il Napoli 9-8 (3-3, 3-3, 0-1, 2-2) e alla Lazio non è bastata la vittoria sul Savona per 13-11 (1-5, 2-3, 4-2, 4-3). Biancocelesti fuori dai giochi play off (due punti di distacco dall’ottava piazza del Bogliasco) insieme al Como. Nelle altre gare l’Acquachiara ha avuto la meglio sulla Florentia per 17-9 (5-5, 3-2, 4-1, 5-1), da segnalare la cinquina del centroboa Paskvalin; mentre il Posillipo ha liquidato la Roma Vis Nova per 11-9 (2-4, 2-2, 3-3, 4-0). Si erano già giocate nelle settimane precedenti Como-Pro Recco terminata 7-17 e Brescia-Sport Management 10-6.

 

PLAY OFF – Si parte ora con i play off: in acqua il 22, il 25 ed eventualmente il 26 aprile per i quarti di finale. Si gioca al meglio delle due gare con questi accoppiamenti in base alla classifica finale: Bogliasco-Pro Recco, Napoli-Brescia, Posillipo-Acquachiara e Savona-Sport Management. Solo la prima gara si gioca in casa della peggio classifica.

CHAMPIONS LEAGUE – Nono turno dei preliminari di Champions League con la Pro Recco che resta imbattuta ed è sempre prima nel girone A a punteggio pieno: 27 punti dopo l’11-9 rifilato agli ungheresi dello Zf Eger, secondo in classifica ma a quota 13. Nello stesso raggruppamento vittoria del Brescia sul Barceloneta per 12-4, la squadra lombarda sale a 8 punti ma è sempre ultima nel girone. Final Six a Barcellona dal 2 al 4 giugno.

 

NAZIONALE – Nel match di World League gli azzurri di Campagna sono stati sconfitti dalla Croazia per 14-11. Era l’ultimo turno del gruppo C, ma il Settebello non ce l’ha fatta a sbancare Spalato. Azzurri in vantaggio, poi rimontati dalle cinque reti di Jokovic per un parziale di 8-3 alla fine dei primi due tempi. L’Italia è rimasta in gara recuperando il gap e portandosi sull’8-9, ma alla fine ha dovuto cedere al pressing dei padroni di casa, che sono primi in classifica a punteggio pieno (24 punti in otto gare). Ovviamente Italia qualificata, seconda in classifica e paese ospitante, alla Final Eight di Bergamo dal 23 al 28 giugno  a cui prenderanno parte anche Australia, Brasile, Cina, Usa, Ungheria e Serbia.

«Contro queste squadre dobbiamo giocare ad un livello superiore per vincere – ha spiegato il ct Campagna parlando del match perso dal Settebello con la Croazia –. All’inizio siamo andati sotto proprio sul piano fisico, poi sono arrivate due o tre ingenuità difensive che hanno allargato la forbice del punteggio. Mi è piaciuta la reazione dei ragazzi ma è mancata la continuità fisica di alcuni giocatori che stanno recuperando dagli infortuni come Figlioli, Giorgetti ed Aicardi. Inoltre a volte è saltata la difesa per poca chiarezza sulle marcature: tra zona e pressing abbiamo perso le distanze. Meglio una sconfitta ora che ci induce a riflettere e ci aiuta a pianificare il lavoro che dobbiamo svolgere da qui ai Mondiali di Kazan».

Risultati 22° giornata A1

Brescia-Sport Management 10-6, Como-Pro Recco 7-17, Acquachiara-Florentia 17-9, Napoli-Bogliasco 8-9, Savona-Lazio 11-13, Posillipo-Roma Vis Nova 11-9.

Classifica: Pro Recco 63; Brescia 61; Acquachiara 50; Sport Management 44; Savona 34; Posillipo 32; Napoli 26; Bogliasco 24; Lazio 22 Como 19; Roma Vis Nova 10; Florentia 4.

Marcatori: Petkovic (Acquachiara) 59; Prlainovic (Pro Recco) 52; Radovic (Posillipo) 49; Vittorioso (Lazio) 45; Damonte (Savona) e Luongo S. (Acquachiara) 43; Samuels (Lazio) e Luongo M. (Sport Management) 42; Deserti (Bogliasco) 40.

Play off (22/25/26 aprile): Bogliasco-Pro Recco, Napoli-Brescia, Posillipo-Acquachiara e Savona-Sport Management.

 

PALLANUOTO FEMMINILE – Le semifinali dei play off femminili saranno un discorso tra Imperia e Messina da una parte, Padova e Bogliasco dall’altra. Eliminate quindi ai quarti l’Orizzonte Catania e il Rapallo. Tre squadre del nord Italia, due della Liguria, e una sola rappresentate del sud, o meglio della Sicilia.

Il Messina ha avuto la meglio sul Catania per 14-12 nel secondo match dei quarti (dopo la vittoria sul campo esterno nel primo confronto 4-9). Un risultato maturato dopo i rigori, visto che i tempi regolamentari si erano chiusi sul 10-10 (3-3, 4-2, 0-2, 3-3). L’Orizzonte ci ha provato fino alla fine a restare in gioco, mettendo in difficoltà il Messina, ma sono risultati fatali gli errori nei rigori di Greenwood e Riccioli (parati).

Nell’altro quarto il Bogliasco ha chiuso i conti con il Rapallo con un 6-4 (2-1, 1-2, 1-1, 2-0), una partita quasi sempre giocata sul filo dell’equilibrio, con il Bogliasco che però nell’ultimo quarto ha trovato l’affondo decisivo dopo l’11-12 del primo match. In entrambi i casi, quindi, non è stato necessario ricorrere alla bella. Ora partono le semifinali, si giocherà il 2 maggio, poi il 6 ed eventualmente il 9.

PLAY OFF – QUARTI DI FINALE

Messina-Catania 14-12 dtr (10-10)

Bogliasco-Rapallo 6-4

SEMIFINALI – Gara 1
Imperia-Messina (2 maggio)
Padova-Bogliasco (2 maggio)

 

NAZIONALE – Azzurre del Setterosa pronte a tornare in acqua martedì 21 aprile alle ore 20 nella piscina di Avezzano per il match di World League con la Russia. La gara sarà trasmessa in diretta su Rai Sport 1, e sarà piuttosto delicata per la formazione di Fabio Conti. L’Italia guida il girone A con un punto di vantaggio sulla formazione russa, che si è aggiudicata la gara di andata, e chi vince questo confronto si qualifica per la finalissima di giugno a Shanghai, insieme alla vincitrice dell’altro girone europeo (B) e alla migliore seconda dei due raggruppamenti.

Il tecnico ha convocato (raduno ad Ostia e poi partenza per l’Abruzzo) Laura Teani, Laura Barzon ed Elisa Queirolo (Padova), Chiara Tabani (Prato), Rosaria Aiello e Arianna Garibotti (Messina), Tania Di Mario (Catania), Aleksandra Cotti (Rapallo), Roberta Bianconi (Olympiakos), Giulia Emmolo, Giulia Gorlero e Francesca Pomeri (Imperia) e Teresa Frassinetti (Bogliasco). Nazionale seguita anche dall’assistente tecnico Paolo Zizza, dal team leader Giuseppe Marotta, dal team manager Barbara Bufardeci, dal medico Vincenzo Ciaccio, dal preparatore atletico Simone Cotini e dalla fisioterapista Simona Tozzetti.

About The Author

?>