Select Page

Mondiali Budapest 2017, una 10 km dolceamara per gli uomini

Mondiali Budapest 2017, una 10 km dolceamara per gli uomini

Questa 10 km maschile l’avrei voluta raccontare parlando di una medaglia azzurra. Ma lo sport è anche questo.

Ci sono i podi e le medaglie e ci sono anche le sconfitte, che fanno più o meno male a seconda di quanto tu ci abbia provato. E non si può certo dire che Simone Ruffini e Federico Vanelli, rispettivamente 7° e 10° in questa terza prova delle acque libere ai Mondiali di Budapest, non abbiamo lottato con tutto quello che avevano in corpo. I due “gemelli” diversi del fondo italiano, compagni di stanza a Roma, entrambi tesserati per la Canottieri Aniene e per le Fiamme Oro Napoli e allenati da Emanuele Sacchi, hanno condotto una gara tatticamente perfetta fino alle ultime centinaia di metri, dove sono mancate le bracciate finali.

La 10 km si dimostra una gara difficile, impegnativa, tattica più che tecnica, di decisioni, coraggio e responsabilità più che di resistenza. Non per niente è la distanza olimpica.

65 partenti sul Balaton, e tutti, o quasi, hanno nuotato in gruppo per buona parte della gara, così come già era avvenuto nella gara di Rio. Botte e calci a non finire, tanto nervosismo e tanti “gialli”, anche Federico Vanelli se ne è preso uno durante il terzo giro per comportamento scorretto. Non ha aiutato nemmeno la calma quasi piatta dello stesso Lago Balaton che lo stesso Vanelli, all’esordio di questi Mondiali, senza onde e correnti particolari come quelle di Copacabana a Rio lo aveva etichettato come poco stimolante e divertente.

Il podio prende forma verso l’ultimo chilometro, con l’americano Jordan Wilimovsky che si allunga a prendere la testa del gruppo e quindi il francese Marc-Antoine Olivier e l’ungherese Kristóf Rasovszky, tallontati dal britannico Jack Burnell fino quasi alla fine della competizione.

All’ultimo giro di boa poi arriva il campione olimpico ed europeo in carica, l’olandese Ferry ‘traghetto‘ Wertmann, che risale con forza fino a toccare la piastra per primo col tempo di 1h51’58”5. Alle sue spalle Jordan Wilimovsky con 1h 51’58”60 e Marc-Antoine Olivier, già vittorioso nella 5 km, con 1h 51’59”20.

Bruno Fratus, la video intervista per Corsia4

Il nuotatore brasiliano specialista dei 50 stile libero Bruno Fratus è sbarcato in Italia per partecipare al prossimo 56° Trofeo Settecolli di Roma che si terrà dal 21 al 23 giugno prossimi. Abbiamo avuto l'occasione di incontrarlo martedì 18 giugno presso il Forum...

Speciale MasterS, Circuito Nord Ovest premiazioni e festa a Tortona

La terza edizione del Circuito Nord Ovest si è conclusa con il grande successo della finale di Tortona all'insegna del nuoto ma soprattutto del divertimento. Dopo le sette tappe del circuito nazionale Supermaster il 15 giugno si sono disputate le ultime gare...

Trials Australia: Campbell, Titmus, Chalmers e Larkin suonano la carica aussie. Esclusi Horton e Seebohm

La settimana di Trials a Brisbane ci ridà una nazionale australiana completa e motivata, pronta per riscattare l’edizione di Budapest 2017, forse la peggiore di sempre per il team down under, con soltanto 10 medaglie conquistate. Due anni fa l’unico titolo arrivò da...

Nuotare come meditazione

"Il tuo corpo è energia, la tua mente è energia, la tua anima è energia. Se queste tre energie funzionano in armonia, tu sei sano e integro". Cosi che il tuo corpo, la tua mente e la tua consapevolezza, possano danzare in te allo stesso ritmo, all’unisono, in...

Gare in acque libere FIN: “istruzioni per l’uso”

Nonostante i nuovi regolamenti del nuoto di fondo siano stati pubblicati ormai da diversi mesi, solo ora con l'avvicendarsi delle prime settimane di gare in acque libere ci si rende conto di come una buona parte degli atleti, dei tecnici e dei responsabili di società...

Training Lab, il bilancio tra contributi biomeccanici e fisiologici nella performance natatoria

Il nuoto è un'attività piuttosto singolare svolta in un ambiente unico, e rispetto alle attività terrestri risulta molto più interessante sia dal punto di vista fisiologico e soprattutto dal punto di vista biomeccanico. Inoltre sia la fisica del nuoto che l’ambiente...

Come già detto nulla da recriminare per i due azzuri. Ne è convinto anche il loro coach Emanuele Sacchi:

Hanno interpretato la gara senza sbavature confermando di valere ancora una volta l’elite del nuoto mondiale – spiega – È un risultato che ci da comunque grande fiducia per il prosieguo di questi campionati.

Per Ruffini è stata una stagione particolare, fatta di cambiamenti, di momenti di stop condizionati da fattori esterni. Il marchigiano, campione mondiale della 25 km a Kazan 2015, ha infatti cambiato società militare passando dal Centro Sportivo Esercito alle Fiamme Oro, “Cambiamenti necessari – commenta Simone – che o facevo quest’anno o non facevo più”.

Scrivere qualcosa di carino su una medaglia sarebbe piaciuto un po’ a tutti, ma c’è poco da fare. La 10 km rimane la gara più competitiva. Abbiamo fatto lo stesso posizionamento di Kazan, ma io sono contento perché ho fatto lo stesso risultato con meno allenamento, perché ho passato due mesi in caserma da solo e un po’ ha portato via del tempo e anche a livello mentale tante energie, perché non riuscivo più a trovare questa quadratura del cerchio della preparazione, però piano piano con Emanuele e Alessandro, lo psicologo che mi segue, siamo riusciti a rientrare nel giusto percorso. So di aver dato il massimo fino alla fine. Quando c’è stato il primo strappo sono rimasto un po’ indietro e ho faticato un po’ a rientrare.

Una stagione questa del 2017 un po’ in sordina, con l’assenza di qualche allenamento “ma l’impegno non è mai venuto meno e non sono uno che si demoralizza. Ho ancora la 25 km”.

E se volete finire questo articolo masticando ancora un po’ di delusione ed amarezza leggendo il commento dell’altro italiano Federico Vanelli, vi sbagliate di grosso. Non che il lodigiano, che oramai parla più romano di un romano, non sia deluso, ma per chi non lo conoscesse Vanelli, detto Nello, è uno di quelli che ti fa piangere, ma dalle risate, uno che devi tenere sul comodino nelle giornate di depressione, come una sveglia “che fai taac e tutto si sistema”.

Che gara è stata, gli chiedo via messaggio: “Ero eccitato come una scolaretta fino alla terz’ultima boa. Ero gasato, solo che poi boh, sono rimasto lì” risponde. E poi cosa? Richiedo: “E poi niente, poi ho fatto pesca alla trota, o carpa. Qualche pesce ci sarà giusto? Però almeno ho vinto un’ammonizione, e pure le botte. Che dire, in due ore di gara ho tirato giù tutte le statuine del presepe che neanche un gatto in un sol balzo sarebbe riuscito a fare”. E adesso chi le rimette su le statuine?

E anche questo è modo per digerire la sconfitta e la delusione e guardare avanti per la prossima gara, che forse sarà la staffetta.

Il nuoto di fondo torna domani con la 5 km femminile: in acqua Giulia Gabbrielleschi e Martina Caramignoli.

About The Author

laurabinda

Il mio primo "bordo vasca" è stato nel dicembre 2004: europei in vasca corta a Vienna. Lì conobbi Giorgio Scala che nel 2009 divenne il "mio capo": in realtà più che datore di lavoro è stato per me un insegnante, di fotografia sportiva nello specifico. Prima di diventare una delle sue assistenti/photo editor istruite sul campo, ho lavorato "qua e là" come giornalista. Da allora ho visto decine di Campionati italiani, svariati meeting, qualche Europeo, e un paio di Mondiali. Ho conosciuto centinaia di atleti. Ho lavorato migliaia di foto e scritto ancor più "battute".

Ultimi Tweet

?>