Quando la hola istintiva del tifo parentale funziona anche a comando, siamo un altro livello.

Ma che i ragazzi riescano a muovere a comando le braccia solo a contatto con l’acqua? Così sembra.

Decollo targato Modena anche nel settore maschile. Il candidato numero 1 al titolo dei 50 dorso Cadetti, ovvero Lorenzo Mora (VVFF Modena M. Menegola), dopo un periodo di latitanza dagli ordini di arrivo apre le danze della sezione maschile e conquista il titolo senza personale ma comunque con l’interessante 24.12 sistemando “di giustezza” il duo BrugnoniLombini paritempo a 6/100.

Motore caldo per Emanule Fava (RN Torino) che giustizia gli Junior 99 e cuore caldo per Gianluca Andolfi che conclude in gioia e anche in gloria la travagliatissima prima parte della stagione scolastica e sportiva post terremoto come ha spiegato all’ufficio stampa della FIN. Un applauso extra anche da parte nostra.

Nei 100 rana tutti aspettavano il nuovo show di Nicolò Martinenghi. Il vezzoso baffetto e un pizzetto mefistofelico appena pronunciato sotto ad un taglio tattico presentano l’esibizione del talento del NC Brebbia che si aggiudica la gara con il nuovo record dei campionati: cancellato in 58.21 un Toniato d’annata 2009 (59.08).

Lavoro intenso a Fuerteventura e condizione approssimativa non sembrano essere un problema. Di certo è che tutto quel che si vede dopo (ma anche prima) in prospettiva sembra accademia, nonostante i primati personali fiocchino.

Da segnalare il pesante 1’01.60 di Thomas Ceccon (Leosport) seguito da un altrettanto interessante 1.01.88 di Coppola tra i 2001.

Giovanni Izzo fa il suo dovere mostrando potenza e capacità elastiche nei 50 stile in cui si migliora in 21.58 e rimette al suo posto il lungo Miressi. Chi batte Izzo è invece Federico Burdisso che con 22.37 stabilisce il nuovo r.c. e risulta praticamente da Ragazzi ultimo anno più veloce dei vincitori Junior Veller e Deplano.

La chiusura dei giochi del mattino spetta alla 4×200 stile libero in cui il De Akker lanciato da un Lombini ispirato vince tra i Cadetti per poi lasciar campo libero alla doppietta del Team Veneto. Che sia un segnale come tra le ragazze?

Ci si aspetta un 200 farfalla spettacolo con Giacomo Carini ma l’azzurro è ancora in sala pesi e Christian Ferraro (Veneto Banca Montebelluna) ne approfitta e deposita il titolo.

A proposito di International Swimmers Alliance, intervista a Matt Biondi

Matt Biondi non ha bisogno di presentazioni ma, nel caso qualcuno di molto giovane volesse un ripasso, basti pensare che si tratta di uno dei nuotatori più forti della storia. Ha vinto undici medaglie alle Olimpiadi- di cui otto ori - ed altrettante ai Mondiali (sei...

A Tokyo i Campionati in corta per i Mondiali di Abu Dhabi

In attesa di World Cup - 21/23 ottobre terza tappa a Doha in Qatar - e International Swimming League - playoff a Eindhoven a partire dall'11 novembre, il nuoto di alto livello va in scena a Tokyo, dove si sono svolti i Campionati Nazionali in vasca corta, validi per...

Fatti di nuoto weekly: danzando e polemizzando

Fatti di nuoto weekly torna alla sua versione old school, le notizie del nuoto una volta alla settimana, con calma, il mercoledì. E quale miglior argomento per riprendere se non il protagonista del primissimo numero di questa newsletter?Klete Keller Il pluri...

Coppa Comen 2021 | l’Italia vince classifica e medagliere a Belgrado

​La Coppa Comen è tornata! Dopo l’annullamento dell’edizione del 2020 e il rinvio nell’estate di quest’anno, a Belgrado il meglio del nuoto giovanile europeo si è riunito per iniziare alla grande la nuova stagione. Competizione riservata alla categoria Ragazzi, dove...

Storie di Nuoto: László Cseh, working class hero

Immaginate per un momento di avere un dono eccezionale, una dote naturale che vi rende incredibilmente bravi a nuotare. Immaginate che questa capacità sia scoperta da un allenatore estremamente lungimirante e capace, che affina la vostra tecnica in modo perfetto,...

Training Lab, La prestazione nel Nuoto in funzione del recupero attivo e passivo di varie durate

All’interno di una competizione natatoria così come di un allenamento intenso fatto di prove di sforzo massimali, l’andamento delle stesse può essere fortemente influenzato da diversi fattori. Primo fra tutti di sicuro è lo stato di forma o di affaticamento pregresso...

Luca Chirico e Michele Lamberti sono i vincitori della categoria Junior. Inutile ripetere la pioggia di record personali . Uno di quelli che vuole spiegare per benino a Walter Bolognani quale ruolo intenda rivestire nelle formazioni giovani, è Burdisso. Il pimpante Federico irrompe nel under 1’58″ e lima, nel contempo, il record della manifestazione: 1.57.91 il tempo.

L’altro lo metto per secondo solo per ordine di apparizione: Thomas Ceccon. Look da rocker, senza chitarra e amplificatore, le suona di brutto a chiunque, non solo a chi nuota nella sua serie dei 200 misti. Non serviva la dichiarazione di voler battere il record. L’abbiamo visto tutti. Lorenzo Glessi viene cancellato dal record della manifestazione. Ma anche tutti gli altri, Cadetti compresi, che hanno realizzato un tempo superiore al suo 1’56.59 (ottava prestazione italiana alltime), sono serviti.

Dopo innumerevoli tentativi di imitazione, un poco come la settimana enigmistica, cade il record dei 400 stile libero Cadetti. Lo scorso anno Matteo Ciampi si era fermato ai 350 metri a guardare gli altri fuggire mentre era in clamoroso vantaggio sul record. Quest’anno Alessio Colonna Proietti (Aurelia Nuoto) c’è riuscito. Il 3’44.37 cancella quindi il record di cavallo pazzo Cuoghi datato 2011.

Tra gli Junior risulta sempre vivace P.P. Sarpe (CC Napoli) che dopo essere salito sul podio nei misti si aggiudica il titolo Junior 2000 dei 400 con la migliore prestazione di entrambe le annate. Poi di nuovo il giovane mastino. Omen nomen: riecco Burdisso.

Credevo che con i maschi ci si sarebbe annoiati. Mi sono sbagliato.

E dalle gradinate anche per oggi è tutto.

 

(foto copertina: Andrea Masini | Deepbluemedia.eu)

Share and Enjoy !

Shares