Io ve lo dico, siamo agli sgoccioli: il Mondiale di Doha sta per iniziare. Ma siamo davvero pronti?

Siamo pronti per parlare di Mondiali quando fuori sono appena passati i giorni della Merla? Abbiamo lo spirito giusto per non continuare a domandarci chi c’è e chi non c’è e fare semplicemente il tifo per il nuoto?

Forse vale la pena rinunciare a farsi queste domande e lasciarsi andare, godersi le gare e vivere le emozioni che arriveranno, perché lo sappiamo fin troppo bene che non sono cose di tutti i giorni.

Doha

È uscita la start list preliminare, dalla quale si evince che Kate Douglass aggiunge al suo già corposo programma gare anche i 100 rana, entrando così di diritto nel club dei cosplayer di Katinka Hosszú. Vedremo poi quante gare farà realmente l’americana, che è rimasta forse l’unica star di una nazionale orfana anche di Katie Grimes e Claire Weinstein (aggiunte le giovani Lilla Bognar, Kayla Han, Kate Hurst, and Addison Sauickie).

Non ci saranno nemmeno Schoenmaker e Popovici (che intanto torna a nuotare su livelli interessanti), Tommaso Mecarozzi e Luca Sacchi commenteranno da remoto e chissà a quali altre rinunce assisteremo, ogni giorno, da qui all’inizio delle gare. Noi – intesi come Corsia4 – comunque ci saremo, chi dal vivo e chi dal divano, e vi racconteremo questo Mondiale con la solita passione (che non è una cosa da tutti i giorni, comunque).

Siateci anche voi.

Politica

Sembra invece ormai all’ordine del giorno la disputa tra Federazione Italiana Nuoto e Federazioni Europea e Mondiale.

All’assoluzione di Paolo Barelli al CAS sono seguite le note di World Aquatics, che tiene il punto e considera il presidente italiano ancora squalificato, provocando una certa preoccupazione nell’ambiente soprattutto per il futuro di rappresentanza dell’Italia negli sport acquatici. I segnali di guerra sono sparsi ovunque, dall’organizzazione degli Europei in concomitanza col Settecolli alla rielezione unanime di Antonio Silva (rivale politico di Barelli) come presidente di European Aquatics, avvenuta in un’assemblea dove non sembra esserci traccia di italiani.

A Doha ci andiamo con lo squadrone, e quindi sembra che il discorso sportivo sia per il momento scisso da quello politico, ma potrebbe non essere così per sempre.

Fatti di nuoto Weekly: cavare il sangue dalle rape

Piccola e impopolare riflessione sul nuoto contemporaneo di Fatti di nuoto Weekly.  Nello scrivere settimanalmente di nuoto, per questa rubrica e non solo, passo due terzi dell’anno a cercare le notizie più nascoste, le curiosità, gli anniversari, le piccole...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Australiani

Anteprima dei Giochi dalla terra dei canguri! A cosa abbiamo assistito in questi sei giorni australiani? Livello fuori dal comune quello visto a Brisbane, pari ormai a quello che possiamo trovare nei Trials USA, che fanno dell’Australia la seconda potenzia mondiale...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Nyad

Non l’ho ancora visto (mea culpa), ma la storia raccontata nel film di Netflix “Nyad” è ben nota agli appassionati di nuoto, come è ben noto che il nuoto non è uno degli sport più cinematografici sulla piazza. È quindi una cosa non da tutti i giorni ritrovarsi a commentare le ben due nomination agli Oscar 2024 di Nyad: Jodie Foster candidata come attrice non protagonista e Annette Bening come attrice protagonista.

Il mondo del nuoto poteva prenderla bene e usare questo traino per portare più acqua possibile al proprio mulino? Sì, ma non l’ha fatto, anzi in rete imperversa la polemica sulla (controversa) figura della nuotatrice Diana Nyad, che a quanto pare ha anche molti detrattori proprio nel mondo delle acque libere. Tutto il mondo è paese.

Phelps

Non è un tipo che si incontra tutti i giorni, Michael Phelps. Non lo era da ragazzo, non lo è stato da nuotatore e non lo è nemmeno ora, che ha un ruolo sempre più attivo nel discorso pubblico. A lui va dato il merito di continuare a portare in giro l’argomento salute mentale degli atleti, troppo spesso sottovalutato o addirittura trattato (soprattutto in Italia, che vergogna) come una macchietta anche dai più esperti addetti ai lavori.

È bello vedere un uomo di grande successo raccontare un’infanzia travagliata, un’adolescenza difficile e una maturità combattuta, e saper trasmettere a chi sperimenta problemi simili ai suoi un messaggio positivo. Che non significa semplicemente “andrà tutto bene”, ma significa principalmente “è normale stare male”. Grazie Michael, e grazie Nicole, anche per la 4×100 stile delle Olimpiadi 2044.

See you later!

Iscriviti alla newsletter

Foto: Fabio Cetti | Corsia4