Se ci fosse un’università di maturità sportiva e tenacia agonistica, Fabio Scozzoli potrebbe esserne il Rettore.

La sua carriera nel nuoto ad alti livelli ha avuto dei picchi incredibili ma anche degli stop pesanti, che avrebbero interrotto definitivamente le speranze di molti atleti.

Non la sua.

Dopo ogni delusione, Fabio ha sempre trovato il modo di rialzarsi, non senza fatica, ma sempre con grande umiltà e con l’atteggiamento sereno di chi sa che sta facendo il suo meglio per raggiungere l’obiettivo.

Proprio da qui siamo partiti, per parlare del presente ma anche del futuro.

Partiamo dall’attualità, cioè dalla notizia della tua assenza agli Assoluti:

Guarda per me non è una novità, lo avevo già preventivato da qualche mese. Si tratta di un problema, quello al gomito, che mi porto dietro dal 2017.

Ho iniziato a sentire fastidio a Budapest, ai Mondiali, e per un paio d’anni l’ho gestito con un po’ di terapia manuale e qualche anti infiammatorio. La situazione si è aggravata ai Mondiali di Gwangju, lì avevo veramente male. Speravo di recuperare dopo la fine della stagione, con le settimane di vacanza, e invece al mio rientro era addirittura peggio.

A settembre 2019 ero davvero messo male e la stagione olimpica non era nemmeno iniziata. Forse sono stato consigliato male, ma volevo risolvere la cosa in fretta così ho fatto un’infiltrazione ai gomiti che mi ha fatto star bene da subito. Mi sono allenato a pieno regime e le cose stavano andando bene, ma l’effetto è svanito dopo sei mesi.

A maggio 2020 ho fatto un’altra infiltrazione ed una anche ad ottobre. Ho cercato di curare i sintomi per rimandare il più possibile un intervento più profondo, col pensiero sempre alle Olimpiadi.

Eri a Budapest, l’ultima volta che ci siamo sentiti, e sembrava andasse tutto bene:

Al ritorno dalla ISL è apparso un fastidio nuovo, non ai flessori del polso ma agli estensori, la classica epicondilite – il gomito del tennista, ndr.

Dopo una risonanza abbiamo riscontrato dell’edema sull’osso, la situazione non era delle migliori. Mi sono rivolto subito al dott. Porcellini, il migliore per spalla ed arto superiore, che mi ha consigliato di fare infiltrazioni di PRP (il proprio plasma estratto e reiniettato dove c’è il problema), per rigenerare i tessuti. Ne ho fatte due, ed in effetti la situazione delle calcificazioni è nettamente migliorata, ma il dolore è rimasto. Non sono riuscito a nuotare fino a metà gennaio, a rana poi mi faceva malissimo. Il dottore mi ha proposto l’operazione, ma tra le controindicazioni c’è la possibilità di perdere il 20% di forza nelle mani, un rischio per me inaccettabile.

È stato lui stesso a consigliarmi il dott. Alfonso Di Giorno, che è il numero uno in Italia delle onde d’urto focali. Una terapia dolorosissima ma molto efficace. Il fastidio dopo ogni seduta si riduce, inizio a vedere la luce in fondo al tunnel. Da circa una settimana sono a pieno regime sia in palestra che in acqua, mentre negli ultimi mesi avevo mantenuto l’allenamento solo per le gambe. Per me non aveva alcun senso fare questi Assoluti.

Fatti di nuoto Weekly: cavare il sangue dalle rape

Piccola e impopolare riflessione sul nuoto contemporaneo di Fatti di nuoto Weekly.  Nello scrivere settimanalmente di nuoto, per questa rubrica e non solo, passo due terzi dell’anno a cercare le notizie più nascoste, le curiosità, gli anniversari, le piccole...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Australiani

Anteprima dei Giochi dalla terra dei canguri! A cosa abbiamo assistito in questi sei giorni australiani? Livello fuori dal comune quello visto a Brisbane, pari ormai a quello che possiamo trovare nei Trials USA, che fanno dell’Australia la seconda potenzia mondiale...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...
Quindi, quali sono le aspettative per la stagione in corso?

Mi sto prendendo il tempo necessario per risolvere il problema, non voglio fare le cose con fretta e rischiare di peggiorare. Agli Assoluti ci sono ragazzi come Poggio e Pinzuti che potrebbero qualificarsi per Tokyo, e se così fosse lo ritengo giusto. Per quanto mi riguarda, se i progressi continuano in questo modo, credo di poter preparare bene il Settecolli: se ci sarà ancora posto per le Olimpiadi, mi giocherò lì le mie possibilità.

Cesare Butini ha parlato con Cesare Casella dicendogli che la Federazione potrebbe tenermi un posto per gli Europei, visto che si possono convocare fino a quattro atleti per gara. È una grande possibilità per la quale sono molto grato, anche se potrebbe essere un po’ presto (gli Europei si svolgono dal 17 al 23 maggio).

La mia idea è comunque di preparare un evento al massimo delle mie possibilità.

Mi sembra quindi di capire che, in ogni caso, non hai intenzione di mollare.

Se le condizioni me lo permettono, ho ancora tanta voglia e sono motivato.

Ci sono gli Europei di Roma, un appuntamento che mi stimola moltissimo, e poi c’è sempre la ISL, che spero continui e della quale sono contento di far parte. Io penso di avere ancora qualche colpo in canna e di poter dire la mia. Spero che anche le mie articolazioni siano dello stesso parere.

Questa è un’ottima notizia, sia per te personalmente che per il tuo ruolo nel movimento nuoto. Penso ad esempio alla funzione che stai avendo nella crescita di Martinenghi.

È un ragazzo per il quale ho molta stima, si è approcciato a questo mondo con umiltà ma anche con grande aggressività.

La sua esplosione nel 2017 è coincisa con un mio rientro ad alti livelli, quindi ci siamo stimolati a vicenda e ne abbiamo giovato entrambi.

Avrà presto la sua consacrazione a livello internazionale, spero di esserci anch’io accanto.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4