Select Page

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017 Martinenghi vs Andrew

Mondiali di Nuoto Junior Indianapolis 2017 Martinenghi vs Andrew

Indianapolis – Semifinali dei 50 rana.

Nicolò Martinenghi vuole far capire ad Andrew che non c’è spazio per l’oro e stampa un gran 27.02, record dei Campionati, Michael Andrew (27.61) deve piuttosto guardarsi le spalle da Alessandro Pinzuti (27.65).

Ottavo crono per il canadese Mastromatteo in 28.30, crono sensazionale per un 2002.

(parole di Nuotofanforum.corsia4.it)

Finale dei 1500 stile libero femminili.

L’argentina Delfina Pignatiello conclude nel modo migliore i suo Mondiali (già oro negli 800 stile libero e argento nei 400 stile libero) con il suo primo sub-16′: 15.59.51 (aveva 16.16.92 di personale).
La Kesely porta a casa l’argento in 16.15.68 e la spagnola Cons Gestido il bronzo in 16.17.84 (aveva 16.29.21 di PB). La Spagna sta facendo ottime cose a questi Mondiali juniores.
Sesta è la solita, positiva Giulia Salin con un 16.27.06 che rappresenta un miglioramento di oltre 5 secondi rispetto al crono delgi Eurojuniores.

Semifinali dei 100 stile libero maschili.

Ottimo livello, per andare in finale è servito il 49.85 dell’australiano Brunt.
In finale sarà grande sfida per l’oro tra il sublime russo Girev (48.83 in semi) e un altro super come l’ungherese Nemeth (49.14 in semifinale).
A differenza dei 200 stile libero, nei 100 vedo lievemente favorito Nemeth, ma conteranno le energie alla fine di 6 intensi giorni di gare e, poi, Girev è Girev.
Molto bene anche i due brasiliani Correia (49.33) e il 2000 Lucas Peixoto (49.79) entrambi al PB. Completano la finale i due Usa Willenbrinck e Krueger e il francese Grousset (49.77, anche per lui PB).

Semifinali dei 100 delfino femminili.
Tutto secondo copione, con la Ikee a guidare il gruppo. Ottavo crono per la canadese Zavaros in 59.36. Ancora molto bene la svedese Junevik in 59.26. Nella batteria, la Masciopinto, pur eliminata dalle semifinali, ha migliorato il PB a 1.01.84.

Finale dei 50 delfino maschili.
Tempone di Andrew in 23.22 (WJR), ma che dire del 23.53 di Andrei Minakov, russo del 2002.
Già detto che Girev, Minakov e Kuimov sono una tripletta di russi da tenere d’occhio anche a livelli assoluti nei prossimi anni.
Bronzo per Milak in 23.72 in una finale che evidenzia l’ampliamento dei confini del nuoto, con quarto il kazako Mussin, quinto il turco Gures e settimo l’egiziano del 2000 Sameh (gran miglioramento a 24.16 per lui).

Semifinali dei 50 stile libero femminili.
E’ ancora la Ikee a guidare con il record dei Campionati (24.74). Secondo crono per la stakanovista Usa Grace Ariola (24.87), ultimo utile per la finale per Freya Anderson (25.51).
La 2001 statunitense Kate Douglass, ottimo prospetto, non fa benissimo all’esordio internazionale, nuotando un 25.73.

Finale dei 50 dorso femminili.
La ormai ultracitata Jade Hannah coglie due “scalpi”: oro e primo sub 28″ (27.93). Assieme a lei sul gradino più alto del podio la giapponese Sakai.
Terza una Ariola alla millesima gara di questi Mondiali (28.11, bravissima) e quarta Regan Smith, a cui non è bastato per il podio migliorare ancora il personale a 28.12, grazie anche ad uno start fulmineo (0.49).

Corsia Master, le anticipazioni del Calendario Supermaster 2018/2019

Con una news su Federnuoto, il sito ufficiale della FIN, il Comitato Master comunica le prime date del circuito Supermaster 2018/2019. Consolidati gli aumenti delle tasse gara (nuoto e acque libere) e dei tesseramenti atleti come da Normativa di luglio pensiamo al...
Read More

Alla scoperta di Hangzhou la sede dei prossimi Mondiali in vasca corta

Hangzhou è la capitale del Zhejiang, una delle province della Cina orientale. La sede dei prossimi Campionati del Mondo di vasca corta (11/16 dicembre) è una delle città più fiorenti e moderne di tutto il paese grazie alla sua "breve" distanza da Shanghai - circa 100...
Read More

Meravigliosi 2018, un martedì da Campioni stasera a Roma

Gli Atleti protagonisti dei recenti Europei di Glasgow, Loch Lomond ed Edimburgo saranno al centro della festa organizzata dalla Federazione Italiana Nuoto allo Spazio Novecento di Roma nella serata di martedì 18 settembre. Fra gli invitati tecnici, dirigenti, cariche...
Read More

29 settembre, a San Michele di Pagana Le Tre Prie 2018 chiudono il circuito

La manifestazione organizzata dalla Rapallo Nuoto - Le Tre Prie - 7ª Coppa Head - chiude come di consueto la stagione in acque libere del circuito di mezzofondo Master FIN con la sua 3 km che si disputerà nel pomeriggio di sabato 29 settembre. Il ritrovo per gli...
Read More

Special Marathon: la raccolta fondi acquatica per la Valpolcevera

Il crollo del Ponte Morandi ha rappresentato una tragedia che ha creato un’enorme crepa nel cuore di tutti i genovesi. Ma, come insegna lo sport, dopo una caduta bisogna sempre rialzarsi! Foltzer, in collaborazione con MySport S.S.D. a R.L. e Stelle nello Sport, vuole...
Read More

SwimOut, la Preparazione atletica per il Nuotatore Master | Workshop 2018

In data 1-2 settembre, presso l’impianto sportivo Gestisport di Bresso (Milano) è andato in scena il 2° Workshop annuale targato SwimOut. L’evento, che avevamo introdotto in questo nostro articolo, presentato da Alessandro Demaria, co-fondatore del progetto SwimOut, è...
Read More

Finale dei 400 misti maschili.
Altro oro per Hugo Gonzalez che migliora il personale fino ad un notevole 4.14.65. Lieve calo alla distanza per lui, che – come visto anche dal 50 dorso – sta incrementando la sua base velocistica.
Lo accompagnano sul podio i due solidissimi ungheresi Barta (4.15.65) ed Hollo (4.15.78 ), entrambi migliorando i personali. Migliora il personale anche il quarto, il 2000 USA Kieran Smith (4.17.63).

Si chiude con la 4x100 stile libero femminile e c’è lo scontato dominio delle canadesi (3.36.19).

Ruck al nuovo record dei Campionati dei 100 stile libero con il suo 53.63 in prima, poi Oleksiak (53.70), Rebecca Smith (54.65) e Kayla Sanchez (54.21).

Tutte, peraltro, prestazioni più sulla fascia medio-bassa del loro range prestazionale, ma che scavano un solco di oltre 3 secondi sulle Usa seconde (da rilevare ancora l’Ariola, che alla milleunesima gara del suo programma è stata capace di un 54.28 lanciato).

Terzo è il Giappone, illuminato da un 53.35 lanciato di Rikako Ikee.

(foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4.it)

About The Author

?>