È stata una settimana particolare, quella degli Europei in vasca corta di Otopeni, una manifestazione vista da alcuni come un intoppo nella stagione, da altri come un semplice divertimento e da altri ancora saltata a piedi pari.

Giunti alla fine, possiamo dire che è stata piacevole, ricca di spunti e di belle cose da raccontare, alcune delle quali attraverso i numeri.

Tranne qualche piccola eccezione, le Nazioni presenti in Romania hanno onorato alla grande l’evento, dimostrando di apprezzare il format ed il posizionamento della gara attraverso l’impegno delle loro migliori pedine. Tra queste, va sicuramente sottolineata la prestazione dell’Italia, che si presentava a Otopeni con una formazione come al solito molto numerosa, ricca di veterani e di giovani da promuovere, con le assenze big dei soli Gregorio Paltrinieri (per scelta tecnica) e Sara Franceschi (per malattia). Mancava la Russia, esclusa per le note questioni politiche, e quindi si preannunciava la possibilità di un medagliere ricco, con la Gran Bretagna unica squadra a poterci contrastare, nonostante l’assenza di Adam Peaty. Così è stato, anche se in verità abbiamo dovuto attendere l’ultima giornata per veder questa previsione avverarsi.

Nel medagliere finale l’Italia è seconda con 22 podi – 7 ori, 12 argenti, 3 bronzi – dietro solo alla Gran Bretagna che ne conquista 23 (12-3-22) ma prima di Francia e Olanda, Nazioni che fino alla giornata conclusiva erano state davanti. La classifica a punti è molto simile: il trofeo LEN va agli inglesi per soli 6 punti sugli italiani (816 vs 810), che lo vincevano da quattro edizioni consecutive.

Storicamente parlando, per l’Italia è la seconda miglior spedizione di sempre, dietro solamente a Kazan 2021, l’edizione record delle 32 medaglie totali.

A Otopeni, sono state 12 le medaglie maschili e 8 quelle femminili, 2 le mixed.

Sul podio sono saliti, a livello individuale, 5 maschi e 3 femmine, e i campioni europei sono 5: Simona Quadarella (400 stile), Benedetta Pilato (50 rana), Lorenzo Mora (200 dorso), Nicolò Martinenghi (50 rana), Alberto Razzetti (400 misti).

Di loro, gli ultimi due erano stati campioni nel 2021, ma in altre gare, quindi nessuno ha confermato il titolo da Kazan a Otopeni. L’unico titolo individuale che è rimasto in casa Italia è quello dei 50 rana donne, che nel 2021 furono di Arianna Castiglioni.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

Tre sono stati i record italiani individuali, tutti maschili, due sono valsi l’oro europeo ed uno l’argento.

Lorenzo Mora ha migliorato il primato dei 200 dorso (1.48.43) che già gli apparteneva, così come Alberto Razzetti nei 400 misti (3.57.01) e Alessandro Miressi nei 100 stile (45.51), che però si è dovuto arrendere a Maxime Grousset nella finale della gara regina.

Due anche i record in staffetta, la 4×50 mista donne e la 4×50 stile mista, entrambe accomunate dalla presenza in formazione della coppia inedita Di Pietro-Nocentini.

L’età media dei finalisti di Otopeni 2023 è di 24,2 anni tra i maschi e 22,9 tra le femmine, i 50 stile maschi sono la gara più vecchia, gli 800 donne quella più giovane.

I dati sono sostanzialmente in linea con quelli di Kazan 2021 e anche con la tendenza di quasi tutte le manifestazioni internazionali recenti, che si attestano sempre tra i 23 e i 24 anni di media.

Sono entrambi rumeni i finalisti più giovani del Campionato: Robert-Andrei Badea, nato il 25 settembre del 2007, è arrivato quinto nei 400 misti con il tempo di 4.07.57, Diana-Gabriela Stiger, nata il 9 aprile 2008, è giunta sesta negli 800 con 8.30.56.

La meno giovane, invece, è la sempre brava Zsuzsanna Jakabos (3 aprile 1989), che si è portata a casa un onorabilissimo quarto posto nei 400 misti.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4