Arianna Bridi non ha bisogno di presentazioni, nel nuoto di fondo ha conquistato podi Mondiali – bronzo nella 10 km e nella 25 km di Budapest 2018 – Europei – oro della 25 km a Glasgow 2018 e bronzo nella 10 km di Horn 2016 – ma ha anche scritto la storia vincendo il 6 settembre 2020 la 55ª edizione della Capri-Napoli con il nuovo record assoluto della manifestazione e battendo quindi anche gli uomini in gara.

Da aprile 2021 lo stop al nuoto per una miocardite, due interventi al cuore, l’ultimo a febbraio 2022, il cambio di prospettive, ma la passione per le acque libere non si è mai sopita per questo le abbiamo chiesto di convidere le sue emozioni, i suoi punti di vista, le sue esperienze… nasce così Il nuoto di Arianna che ci racconterà il nuoto di fondo “visto da dentro”.

Bentornata Arianna!

Sabato 18 marzo, siamo scesi in acqua per la prima competizione internazionale di open water della stagione. La coppa LEN negli ultimi anni ha acquisito importanza ad ogni tappa, ormai tutti i più forti atleti europei e non vogliono competere in questa manifestazione.

Ad Eilat erano presenti numerosi atleti di calibro internazionale partendo dai nostri alfieri Acerenza e Paltrinieri che non hanno bisogno di presentazioni, l’argento olimpico Rasovszky, il bronzo di Rio2016 Olivier, numerosi medagliati mondiali come Verani, Sanzullo, Betlehem e Schouten. Al femminile era presente l’intero podio europeo della 10 km di Roma2022: Leonie Beck vicecampionessa del mondo della 10 km, nonché iridata nella staffetta, Ginevra Taddeucci e Angelica Andrè. La pluricampionessa del mondo Müller, la campionessa europea della 25 km Jouisse, e medagliate mondiali come Gabbrielleschi, Olaz, Grangeon e Rohacs.

I risultati sono stati di prestigio per l’intero team. Tenendo conto della classifica LEN, 6 uomini e 3 donne sono entrati nella top 10, oltre alle medaglie: l’oro di Taddeucci, l’argento di Acerenza e il bronzo di Guidi testimoniano il fatto che siamo una squadra davvero forte. (Affermazione auto celebrativa ma meritata😜).

Siamo in un periodo della stagione di costruzione e quindi tutto ciò che è stato fatto è un tassello importante da inserire in un quadro generale.

La gara femminile e quella maschile hanno avuto una trama completamente diversa. I maschi sono rimasti sempre in gruppo, capitanato spesso dal nostro Greg e dopo una gara molto fisica sono arrivati in quindici in nemmeno 25”. Al femminile invece ci siamo trovate in una gara con un ritmo molto sostenuto già a pochi chilometri dalla partenza, dopodiché il gruppo è sempre rimasto molto allungato e si è sgretolato mano a mano che la gara proseguiva. Le artefici di questo ritmo sono state le ragazze australiane che, come i ragazzi aussie, erano impegnati nella loro selezione per il campionato del Mondo di quest’estate.

Fatti di nuoto Weekly: Elogio primaverile a Summer McIntosh

La primavera è una stagione straordinaria, forse la più bella. Più dell’inverno, che sa essere romantico ma anche rigido; più dell’autunno, che con i suoi colori è affascinante ma malinconico; più dell’estate, eccitante ma insopportabile nei suoi eccessi. Oggi, in...

60° Sette Colli | A Roma si comopleta la squadra Olimpica per Parigi 2024

Ci saranno tanti azzurri al via per il 60° Trofeo Sette Colli - Internazionali di nuoto, che si disputerà allo Stadio del Nuoto del Foro Italico di Roma, da venerdì 21 a domenica 23 giugno. Oltre ai prestigiosi titoli della manifestazione, in palio anche gli ultimi...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Canadesi

In Canada sono tutti pronti! Dopo un’intensa settimana di Trials, il team della foglia d’acero ha tirato fuori i suoi alfieri che voleranno a Parigi a caccia di medaglie. Saranno in 29 a difendere i colori canadesi in quel dei Giochi, e le ambizioni sono tutt’altro...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 200 farfalla

I 200 farfalla, una delle gare più dure del programma natatorio in vasca, hanno una storia olimpica abbastanza recente: i maschi si sfidano sulla distanza da Melbourne 1956 (per un totale di 17 campioni), mentre le donne da Città del Messico 1968 (14 campionesse).Il...

Fatti di nuoto Weekly: semplici problemi, semplici soluzioni

Con i Trials brasiliani alle spalle e quelli canadesi in corso (#hype McIntosh), Fatti di nuoto Weekly torna nelle vostre bacheche per tessere un filo che parte da Lia Thomas, passa da Ahmed Hafnaoui, Kristóf Milák e Michael Phelps per concludersi con Nicolò...

Raduni nazionali: velocisti a Ostia, Mezzofondisti e mististi al CPO di Livigno

Continuano i raduni per gli atleti di interesse nazionale in avvicinamento al Sette Colli: un gruppo di velocisti parteciperà a tre giorni di monitoraggio presso il Centro Federale di Ostia, mentre il Centro di Preparazione Olimpica di Livigno opsiterà una selezione...
Personalmente è stata una giornata a dir poco emozionante. Ma devo dire anche che mi sono finalmente sentita al mio posto. Mi mancava tutto di questo mondo e ricominciare a respirarlo è stato semplicemente magico. La strada che ho davanti è davvero lunga ma indosso le scarpe giuste per poterla percorrere. Adesso bisogna semplicemente crescere a piccoli passi, allenamento dopo allenamento.

Come squadra penso che tutti torniamo a casa avendo imparato qualcosa di nuovo e questo è l’importante. Il nuoto di fondo è uno sport in cui l’esperienza è fondamentale quindi è necessario gareggiare, sbagliare e imparare.

Perché è giusto che i più piccolini sappiano che anche i grandi campioni sbagliano, ma l’errore spesso può essere un insegnamento impareggiabile.

🏆 LEN OW Cup – Leg 1 – 10 km M

🥇 Marc-Antoine Olivier FRA 1h47’56″2
🥈 Domenico Acerenza ITA +2″3
🥉 Marcello Guidi ITA +4″9

5 Mario Sanzullo +9″0
7 Gregorio Paltrinieri +11″1
12 Andrea Manzi +17″9
13 Matteo Furlan +19″6
22 Andrea Filadelli +48″2
37 Marco Inglima +8:20.0
Dario Verani DSQ

🏆 LEN OW Cup – Leg 1 – 10 km F

🥇 Ginevra Taddeucci ITA 1h54’04″4
🥈 Angelica Andrè POR +51″5
🥉 Bettina Fabian HUN+1’07″3

9 Arianna Bridi +1’09″2
10 Giulia Gabrielleschi +1’10″2
21 Sofie Callo +5’26″8

​LEN Open Water Cup 2023 – Calendario

  • 18 marzo, Eilat (ISR)
  • 13 maggio, Piombino (ITA)
  • 17 giugno, Belgrado (SRB)
  • 19 agosto, Samorin (SVK)
  • 3 settembre, Vales (MKD)
  • 24 settembre, Barcellona (ESP)

Foto: Fabio Cetti | LEN