Select Page

Lo sport allena alla vita e ad affrontare le sfide, anche le più difficili!

Lo sport allena alla vita e ad affrontare le sfide, anche le più difficili!

graziaCiao a tutti, sono Elsa, nuotatrice da ormai 12 anni nella squadra master di Mozzate, in provincia di Como. In questi anni sono state tante le emozioni che il nuoto mi ha regalato: le soddisfazioni, le delusioni, le lacrime di gioia, la fatica, la serenità di far parte di un gruppo meraviglioso. Oggi però vorrei raccontarvi una storia particolare, che spero possa portare speranza a chi ne ha più bisogno.

È la storia di Grazia, una compagna di squadra alla quale, con tutto il cuore, questo articolo è dedicato.

Grazia inizia a nuotare con noi nel 2014: da subito si fa notare per la sua esuberanza, la presenza costante, la passione per questo sport e l’emotività tipica di chi ha un cuore grande: impossibile non accorgersi della sua presenza, con tutte le sue ansie pregara!

L’idillio viene presto interrotto però da una notizia che gela il sangue e l’entusiasmo di tutti. Grazia è malata di tumore al seno. A settembre del 2015 inizia il suo calvario, si appoggia allo IEO di Milano, ma le notizie sono poco rassicuranti: ci sono metastasi alle ossa e un nodulo al fegato, Grazia si vede crollare il mondo addosso. Deve smettere immediatamente di nuotare, i rischi di fragilità ossea sono altissimi ed è costretta ad indossare costantemente un busto per dare sostegno alla colonna vertebrale. Inizia subito la chemioterapia: sono mesi durissimi, resi più sopportabili solo dalla vicinanza della famiglia, degli amici e della squadra di nuoto, che non smette di sostenerla e credere in lei.

Quante volte le dicevamo: “Grazia, tieni duro, ti aspettiamo in vasca!”, “Grazia, gareggiamo anche per te!”.

Gwangju 2019, i verdetti olimpici delle 10 km

Il nuoto di fondo a Gwangju ha dato il suo verdetto nella 10 km, unica distanza che metteva in palio, oltre alle medaglie mondiali, anche il pass olimpico. Risultato per niente semplice perché, per essere sicuri di volare entrambi a Tokyo 2020, Gregorio Paltrinieri e...

Gwangju 2019, sale l’attesa per la 10 km maschile

Assegnate le medaglie delle prime due gare del nuoto in acque libere, un giorno di riposo - per noi una notte - e pronti per scoprire i 10 atleti uomini che riusciranno ad aggiudicarsi il pass olimpico per Tokyo 2020. Per l'Italia saranno in acqua Gregorio Paltrinieri...

Andrea Vergani vola al Mondiale di Gwangju

Andrea Vergani risulta iscritto nei 50 stile libero ai prossimi 18th FINA World Championships di Gwangju, in programma dal 12 al 28 luglio prossimi. La notizia non è ancora stata ufficializzata, ma dalle pagine del sito ufficiale FIN l'atleta risulta iscritto nella...

Swim Stats, cosa resta del Mondiale di Budapest 2017

Mancano davvero pochi giorni a Gwangju 2019, una delle edizioni dei Mondiali di nuoto più attese di sempre e di sicuro l’evento più importante del quadriennio in previsione delle Olimpiadi. Se Tokyo 2020 sarà la conclusione naturale del percorso di moltissimi atleti,...

Universiadi Napoli 2019, l’Italia chiude sesta nel medagliere del nuoto

Con la giornata di mercoledì 10 luglio si è conclusa la settimana di nuoto tra le corsie della trentesima edizione delle Universiadi. La rinnovata piscina Felice Scandone di Napoli è stata splendido teatro delle competizioni dedicate agli studenti universitari, alle...

Training Lab, la velocità nel nuoto: come e dove indirizzare l’allenamento

La sfida che da anni rappresenta un po’ una costante in tutto il nuoto mondiale da parte di atleti e allenatori riguarda la continua ottimizzazione della performance, che da un punto di vista pratico consiste nel cercare di trovare continuamente nuovi strumenti e...

Grazia ha un carattere forte, quasi incrollabile. E ama la vita. Accompagna la squadra ai trofei, è sugli spalti a tifare per noi. Questo spirito positivo le consente di inanellare pian piano delle piccole grandi vittorie: il nodulo al fegato si riassorbe, il tumore primario al seno pian piano diminuisce di volume, le ossa si calcificano grazie a una particolare terapia farmacologica.

A marzo finalmente la notizia che tutti aspettavamo: Grazia ha sconfitto il tumore, il seno è pulito, rimane solo una piccola metastasi ossea tenuta sotto controllo però dalla terapia. Il busto è ormai un ricordo, rimangono poche chemioterapie da finire, l’ultima a metà maggio. Ma soprattutto: Grazia può tornare a nuotare!

Con calma, lentamente, torna nell’ambiente che le ha dato quella motivazione così forte da lottare contro il male: proprio i muscoli della schiena, resi forti dagli allenamenti, hanno sorretto la colonna vertebrale nei momenti di maggiore fragilità.
Il nuoto è stato per lei così terapeutico, che i medici pensano di inserirlo nelle terapie consigliate per i malati di cancro.

A fine mese Grazia effettuerà la visita per rinnovare il certificato medico agonistico e poter tornare a gareggiare. Di sicuro a fine giugno accompagnerà la squadra a Riccione per i Campionati Italiani: ha già preparato i fiocchetti rosa (simbolo della lotta contro il tumore al seno) da indossare durante le staffette.

Quando ho chiesto a Grazia se potevamo raccontare la sua storia ha accettato con entusiasmo: il suo vuole essere un forte messaggio di speranza e di ottimismo per chi, come lei, sta lottando contro un male così terribile. Perchè lo sport allena alla vita e alle sfide che essa comporta, anche le più difficili.

About The Author

Elsa Nerozzi

Farmacista, ex agonista di atletica leggera, nuotatrice master da ormai 12 anni, istruttrice FIN e grande appassionata di nuoto. Considero la mia squadra come una seconda famiglia!

Ultimi Tweet

?>