Select Page

Autore: Elsa Nerozzi

Apnea sportiva, il progetto dei Nuotatori del Carroccio

Sappiamo ormai come i grandi campioni del nuoto abbiano inserito nella loro programmazione delle sedute specifiche di allenamento dedicate all’apnea sia in acqua che a secco. La cura dei dettagli e dei particolari è importante non solo per gli atleti di alto livello, sempre più squadre anche nel settore Master stanno quindi volgendo lo sguardo a questo importante aspetto. Diamo voce all’esperienza del progetto apnea di Nuotatori del Carroccio di Legnano. È giunta al termine la prima stagione del progetto apnea di Nuotatori del Carroccio di Legnano: un anno sperimentale, ricco di scoperte, sia per i veterani della squadra di nuoto che...

Read More

Semplicemente, GRAZIA

Quasi mille nuotatori al 13° Trofeo città di Legnano – edizione 2019 – ma questa volta non parleremo di risultati, record e di vittorie. Vogliamo sottolineare come la famiglia Master è capace di riunirsi in unico abbraccio, quando uno di NOI non potrà più essere presente fra le corsie. E così domenica prima dei 100 dorso la sua gara preferita tutta la piscina si è fermata e ha osservato un minuto di silenzio in memoria di Maria Grazia Algerini atleta dei Nuotatori del Carroccio mancata in questi giorni a causa di un tumore. Durante lo svolgimento della sua specialità è stata lasciata libera...

Read More

BodyCare: nuoto, dieta e consigli per la cura delle nostre articolazioni

Avete presente i mitici e arzilli nuotatori master over-anta? Tutti noi ci chiediamo dove trovano l’energia e la forza per sopportare gli stessi (più o meno) allenamenti che subiscono gli atleti più giovani. Soprattutto a livello articolare, sembra quasi che in acqua il nuotatore “maturo” riscopra una seconda giovinezza: come è possibile? Prima di tutto occorre considerare che in acqua pesiamo dal 50% al 90% in meno: non c’è forza di gravità e quindi non c’è impatto sull’apparato osteo-articolare. Inoltre il movimento si distribuisce in modo omogeneo in tutto il corpo, senza gravare su nessuna zona in particolare: anzi,...

Read More

BodyCare, asma e nuoto… si può!

Uno dei più famosi nuotatori a sperimentarlo fu il grande Giorgio Lamberti, che nel 1989 stampò un 200 stile libero da record del mondo: per gli asmatici il nuoto è un toccasana. Non solo lui, ma tanti altri nuotatori hanno sofferto (e tuttora soffrono) di tale patologia, ma questo non ha mai fermato la loro strada verso il successo. I primi che mi vengono in mente? Il mitico Mark Spitz o la “divina” Federica Pellegrini. Un atleta su dieci di quelli che hanno partecipato alle Olimpiadi soffre d’asma: il nuoto è la disciplina con la più elevata prevalenza di...

Read More

BodyCare, il nuoto e le patologie dell’orecchio

A tutti noi nuotatori sarà capitato un sacco di volte di avvertire la spiacevole sensazione di avere dell’acqua nell’orecchio. Ciò è abbastanza normale: l’acqua penetra all’interno e a volte non trova la “strada per uscire”, soprattutto se si accumula prima del timpano e non riesce più a muoversi liberamente. Nella maggior parte delle volte basta scuotere l’orecchio, o dormire sul lato interessato, per farla defluire in maniera naturale. Altre volte invece l’acqua può rimanere all’interno e a quel punto la sensazione di orecchio tappato si acuisce, fino a diventare fastidiosa. Questa particolare patologia prende appunto il nome di “Orecchio...

Read More

Ultimi Tweet