Dicono che tre sia il numero perfetto, ed effettivamente in questo terzo giorno di gare ai Mondiali di Budapest qualcosa di “quasi-perfetto” c’è stato, subito, in apertura.

Adam Peaty ritocca il proprio WR dei 50 rana nuotando in 26″10, se questo è il buongiorno, ne vedremo delle belle!

Sette gli azzurri in gara, passano in semifinale oggi pomeriggio Scozzoli e Martinenghi nei 50 rana, Pellegrini nei 200 stile (fuori la Mizzau) e Carini nei 200 farfalla. Finale conquistata per domani negli 800 stile per Detti e Paltrinieri.

Come anticipato faville nella prima gara in programma, Adam Peaty mette subito il primo sigillo con uno stratosferico 26″10 che migliora di ben 32 centesimi – si, si proprio trentadue – il suo precedente WR. Qualche dettaglio ancora migliorabile, metterà nel mirino quel sotto 26″… lo scopriremo presto!

Non male anche van der Burgh che realizza il secondo crono in 26″54, terzo il brasiliano Junior Gomes in 26″67.

Ma nel pomeriggio vedremo anche i due azzurri nelle semifinali, Fabio Scozzoli con 27″04 è 8° mentre Nicolò Martinenghi 9° in 27″08.

Fabio:

Questo primato personale ha un significato importante per me, vuol dire che tutto il lavoro fatto in questo anno ha dato i suoi frutti, anche nel 100 con tempi discreti dove però devo ricucire il gap del secondo 50. Daremo il massimo per conquistare la finale.

Nicolò:

Dopo qualche giorno di malessere fisico oggi sto decisamente meglio. Inizia oggi il mio Mondiale in condizioni ideali. Tempi mostruosi io non posso permettermi di gestire le qualifche e le semifinali, quando arrivi in vasca pensi di aver fatto un tempo decoroso poi c’è qualcuno fa un secondo in meno, bisogna stare attenti, studiarlo e imparare.

15° tempo per lo statunitense Cody Miller con 27″31 e spareggio a tre per l’ultimo posto in finale: Stevens, Zanko e Kamminga (27″39) vinto poi dal primo in 27″38!

Passiamo al debutto individuale di Federica Pellegrini nei suoi 200 stile libero, l’azzurra nuota il miglior crono di 1’56″07 vincendo controllata la sua batteria davanti all’onnipresente Katinka Hosszú (terzo crono totlae in 1’56″43), così come la McKeon che entra con il 4° tempo di 1’56″61. Secondo crono per Ledecky (1’56″27) che non rilascia dichiarazioni in zona mista.

Così Federica:

Sono molto soddisfatta e anche un po’ sorpresa onestamente di questo tempo la mattina. È stata una batteria tirata fino all’ultimo e questo mi ha aiutato molto, sarà bello essere lì al centro oggi pomeriggio.
Ero curiosa di vedere i risultati di questo cambiamento di preparazione con l’altura a ridosso dell’evento importante, adesso vediamo con calma passo dopo passo come andrà.

È solo 24ª Alice Mizzau in 2’00″10, passaggio a metà gara in 57″77 poi due parziali da 30″99-31″34 parlano da se.

A proposito di International Swimmers Alliance, intervista a Matt Biondi

Matt Biondi non ha bisogno di presentazioni ma, nel caso qualcuno di molto giovane volesse un ripasso, basti pensare che si tratta di uno dei nuotatori più forti della storia. Ha vinto undici medaglie alle Olimpiadi- di cui otto ori - ed altrettante ai Mondiali (sei...

A Tokyo i Campionati in corta per i Mondiali di Abu Dhabi

In attesa di World Cup - 21/23 ottobre terza tappa a Doha in Qatar - e International Swimming League - playoff a Eindhoven a partire dall'11 novembre, il nuoto di alto livello va in scena a Tokyo, dove si sono svolti i Campionati Nazionali in vasca corta, validi per...

Fatti di nuoto weekly: danzando e polemizzando

Fatti di nuoto weekly torna alla sua versione old school, le notizie del nuoto una volta alla settimana, con calma, il mercoledì. E quale miglior argomento per riprendere se non il protagonista del primissimo numero di questa newsletter?Klete Keller Il pluri...

Coppa Comen 2021 | l’Italia vince classifica e medagliere a Belgrado

​La Coppa Comen è tornata! Dopo l’annullamento dell’edizione del 2020 e il rinvio nell’estate di quest’anno, a Belgrado il meglio del nuoto giovanile europeo si è riunito per iniziare alla grande la nuova stagione. Competizione riservata alla categoria Ragazzi, dove...

Storie di Nuoto: László Cseh, working class hero

Immaginate per un momento di avere un dono eccezionale, una dote naturale che vi rende incredibilmente bravi a nuotare. Immaginate che questa capacità sia scoperta da un allenatore estremamente lungimirante e capace, che affina la vostra tecnica in modo perfetto,...

Training Lab, La prestazione nel Nuoto in funzione del recupero attivo e passivo di varie durate

All’interno di una competizione natatoria così come di un allenamento intenso fatto di prove di sforzo massimali, l’andamento delle stesse può essere fortemente influenzato da diversi fattori. Primo fra tutti di sicuro è lo stato di forma o di affaticamento pregresso...

Nei 200 farfalla maschili compitino fatto per Cseh che realizza il miglior crono in 1’54″08, alle sue spalle timbrano il cartellino Seto, Bromer, Le Clos (chiusura un po’ lenta al limite dei 31″), Sakai, Kenderesi e Conger con l’outsider bulgaro Ivanov.

In semifinale anche Giacomo Carini che nuota un 1’56″52 ed è 12° accanto all’elegante Seto, ma le virate non sono evidentemente le stesse, i suoi commenti a fine gara:

Sensazioni buone, forse per la fatica che ho fatto 1’56 e mezzo è un po’ alto ma ci sta, è la prima gara che faccio l’emozione di entre qua. Vediamo se oggi pomeriggio riesco a guadagnare la finale, testa bassa e si va.

Infine tutto come da copione negli 800 stile libero, si giocheranno la finale di domani nell’ordine: Paltrinieri (7’45″31), Wojdak, Christiansen, Aubock, Sun, Detti (7’49″67), Wellbrock e Grothe. Mack Horton non partito.

(Foto copertina: Fabio Cetti | Corsia4)

Dichiarazioni a cura di Redazione Corsia4 a Budapest

Share and Enjoy !

Shares