Rieccomi dalla capitale magiara.

Approfittando dei potenti e moderni mezzi di Budapest si può facilmente arrivare alla Duna Aréna.

Certo magari bisogna orientarsi un attimo nella città, ma poi i cartelli ci sono eccome.

Qui a Budapest è tutto enorme: palazzi enormi, porte enormi, scale enormi, ponti enormi. Si vede che siamo nel vecchio impero. Un giorno secondo me incontrerò il fantasma dell’imperatore nello scalone del palazzo dove abitiamo.

Persino la scala mobile è lunghissima.

Nel viaggio verso il palazzo dello sport incontriamo tantissimi volontari. Tra alcuni è scoppiato anche l’amore.

Le gare sono certo importanti ma l’occasione di giocare si trova sempre.

E quale migliore occasione per giocare a pallone dell’intervallo fra una gara e l’altra? Per inciso, la ragazza molto meglio del ragazzo a giocare.

Non è certo un caso che siamo nella patria della Hosszú.

Quindi andiamo a vedere il suo stand Iron Nation, nel FINA Fan Park.

I fumetti li avrei anche presi, ma sono in ungherese. Invece molto carini i pupazzini di lui e lei. Subito acquisiti da mia moglie.

Aqua Sphere ‘una lente per ogni occasione’ con Kayenne

Che tu sia un nuotatore di acque libere o di piscina, sai benissimo quanto sia importante la scelta dell'occhialino giusto. Non solo per la forma anatomica che si deve adattare al tuo viso, per le possibili personalizzazioni dalla misura dell'elastico al "ponte sul...

Training Lab, l’Analisi Tecnica degli Assoluti 2021

Con un anno di ritardo si è arrivati finalmente ad affrontare i tanto attesi Assoluti primaverili validi come qualificazione olimpica. A dire la verità, considerando il posticipo di un anno dell’evento finale e i criteri fissati dalla FIN lo scorso settembre 2019,...

Da Livigno a Siracusa per i collegiali pre-Europei di Budapest

Il prossimo evento internazionale per la Nazionale, che porta verso le Olimpiadi di Tokyo, sono i Campionati Europei di Budapest in programma dal 17 al 23 maggio prossimi. In attesa della formalizzazione ufficiale della Nazionale, oltre ai qualificati dei Campionati...

ItalNuoto e Olimpiadi | Sydney 2000, il primo argento di Massimiliano Rosolino

Basta guardare le immagini delle finali di Atlanta 1996 e, poi, quelle di Sydney 2000, per capire quanto il nuoto cambi nel quadriennio conclusivo del millennio. Non è solo l’apparizione dei primi body, su tutti quello totale di Ian Thorpe, a modificare l’impatto...

Nasce il Coordinamento associazioni gestori impianti natatori

Uniti per tutelare 4.000.000 di italiani che frequentano le piscine e 2000 imprese sportive che gestiscono impianti natatori AGISI, ASSONUOTO, Insieme si vince, Piscine del Piemonte e SIGIS per la sussistenza del settore che coinvolge più di 2.000 impianti natatori,...

Fatti di nuoto weekly: Hype

Mercoledì è arrivato e così anche Fatti di nuoto Weekly, il vostro rito settimanale per rimanere aggiornati sul nuoto e dintorni. Questa settimana c’è molto di cui parlare, quindi partiamo subito, inevitabilmente, dagli Assoluti.- 113 A TOKYO Trovatemi un aggettivo...

Anche qui hanno il loro salottino in tribuna (vedi foto copertina).

Di sicuro il marito della conduttrice è trattato meglio di me, durante le interviste. A meno che il suo posto non sia sul cubettino T rosa.

Stanno per iniziare le gare di nuoto, ieri intanto c’è stata la competizione per la presidenza della federazione internazionale.

Purtroppo Barelli ha perso; qualcuno dà la colpa alla sigla del suo slogan, mutuata da una canzone di Battisti: quella tua maglietta FINA. E così ha vinto Maglione.

Io intanto ne approfitto per girellare un po’ per l’impianto e conosco David, guardia giurata che mi blocca gentilmente mentre curioso nelle camera di chiamata dei 50 metri (lato tabellone). Andrà in Italia come turista finiti i mondiali per cinque settimane. Gli suggerisco, a Roma, di andare a vedere il Foro Italico. Tanto i soliti monumenti li vanno a vedere tutti. Ciao David.

Se avete problemi, e con la connessione ce ne sono parecchi, chiamate sempre l’ IT support: sono quelli con la maglietta gialloverdina… con la maglietta gialloverdina!!! Se non è chiaro, c’è l’apposito opuscolo.

Gli ungheresi non è che hanno tutto sotto controllo, però si impegnano questo è certo.

Intanto la piscina va tenuta ben pulita, e quindi bisogna darsi da fare.

Le gare incombono, noi ce le abbiamo nel sangue. Visto il mio lavoro, nel DNA!

Il turista sta finendo, sta per iniziare il cronista. Vedremo che succederà.

(Foto: M. Romanenghi | Corsia4)

Share and Enjoy !

0Shares
0