Vive la France!

No, non sono diventato un simpatizzante degli odiati cugini d’oltralpe ma quando scendono in vasca sono comunque sempre oggetto di attenzione. Certo, lo squadrone che ha dominato l’Europa e il mondo intero nella seconda metà dei primi anni 2000 è un lontano ricordo, e le meteore Agnel e la compianta Muffat sono stati solo due squilli in un decennio post gommato che ha dato più delusioni che gioie ai francesi.

Ma l’aria sta cambiando in casa Blue, e i Campionati di Francia Elite che si sono tenuti a Chartres dal 15 al 20 giugno hanno stabilito il roster che i galletti porteranno a Tokyo.

Un meccanismo complesso quello per strappare il pass olimpico: si poteva infatti nuotare il tempo limite (anche se piuttosto basso) dal 10 dicembre, in occasione dei Nazionali invernali del 2020, al 21 marzo, e poi direttamente in questi giorni di inizio estate, nuotando due TL. Uno per le batterie e uno per le finali.

Come è andata?

​Un Leone tra i galletti!

Sicuramente l’uomo simbolo della rinascita francese: il diciannovenne Léon Marchand vola a Tokyo con ben tre gare e non è detto che in almeno una non sia protagonista. Già perché con il 4’09’’65 firma la terza prestazione mondiale stagionale oltre a polverizzare il suo PB e record di Francia, che deteneva in 4’14’’97!

Prova maiuscola alla quale è seguita quella nei 200 misti; 1’58’’03 non è a livello della prova sulla doppia distanza ma basta per vederlo in Giappone. Meglio nei 200 farfalla, dove nuota in 1’55’’40, crono lontano meno di un secondo dallo storico primato di Frank Esposito datato 2002. Curioso come al mattino Marchard non nuoti il tempo limite B, ma la federazione giustamente non si priverà di una punta come questa ai Giochi.

E allora, buon futuro Leon, i destini dei Blue son con te!

Due posti per tre!

Ad alzare l’asticella del livello sono sicuramente le ragazze, in particolare le velociste. È tutto l’anno che Wattel, Henique, Gastaldello e Bonnet stampano crono da far paura ma la resa dei conti porta per forza di cose, all’esclusione di qualcuno.

Il caso più eclatante è proprio quello della Gastaldello, grande protagonista in ISL. Nei 100 stile Wattel e Bonnet le sono davanti (53’’34 e 53’’71) e non le basta nuotare sotto al TL per prendersi una slot individuale, dovrà accontentarsi della staffetta, formidabile per ¾.

Nei 50 discorso simile, con Wattel ed Henique qualificate, e Bonnet e Gastaldello out. Resta fuori anche nei 100 farfalla, dove sempre la Wattel si prende il pass in 53’’37 e nei 100 dorso, dove con 1’00’’39 manca il tempo limite per 14 centesimi.

Assoluti 2024 | Elenco iscritti, cosa possiamo aspettarci?

Sono uscite le entry list dei Campionati Assoluti Primaverili, che si svolgeranno allo Stadio del Nuoto di Riccione dal 5 al 9 marzo. Dopo aver provato a immaginare lo scenario e i duelli per i posti Olimpici disponibili, ora possiamo iniziare a ragionare su chi ci...

Fatti di nuoto Weekly: le acque mondiali e le acque della Senna

Nella settimana cuscinetto tra i Mondiali e gli Assoluti dobbiamo dare spazio ad alcune notizie sparse che vengono dal mondo del nuoto e dintorni. Perché Fatti di nuoto Weekly è qui anche per questo, giusto?La Senna A Parigi 2024 si nuoterà nella Senna, forse. Il...

Training Lab, tante strade una sola meta: la Velocità

L’allenamento del nuoto presenta sempre una grande sfida per gli atleti, ma in primo luogo per gli allenatori. Oggigiorno il nuoto mondiale sembra essere uscito veramente dagli schemi comuni del secolo scorso, proprio per la grande varietà di metodologie allenanti che...

Verso gli Assoluti 2024, il punto sui probabili Olimpici del Nuoto

Manca una settimana ai Campionati Assoluti Primaverili di Riccione, tappa fondamentale per l’avvicinamento del team italiano all’appuntamento Olimpico di Parigi 2024, ed è quindi arrivato il momento di fare un pò di chiarezza.Nel complicato intricarsi di regole,...

SwimStats, il Mondiale di Doha 2024 in 10 punti

Ultimo approfondimento Mondiale con 10 numeri da ricordare direttamente da Doha 2024.Gli atleti italiani qualificati per Parigi Se Doha doveva essere una prova generale, allora direi che è andata bene. L’Italia ne esce con diverse certezze, una su tutte la...

Speciale Master, Coopernuoto trionfa ai Regionali Emilia Romagna 2024

Archiviati i Campionati Regionali Emilia Romagna che si sono svolti domenica 11 e 18 febbraio 2024 presso lo Stadio del Nuoto di Riccione che si conferma uno dei migliori impianti natatori a livello di ospitalità e logistica per le manifestazioni natatorie. Cinque i...

​Facce vecchie e nuove!

Questi Campionati di Francia sono un buon mix tra vecchie glorie e nuovi giovani in rampa di lancio.

Si rivede per esempio Mehdy Metella, che dopo un anno complicato torna sui suoi livelli nei 100 farfalla, vinti n 50’’87, quarto crono mondiale stagionale. Certezze anche grazie a Florent Manaudou, già qualificato nei 50 stile e che si troverà vicino uno scatenato Maxime Grousset, che esce dalla ressa di velocisti francesi come il più in palla: doppio pass per lui, nei 50 stile in 21’’74 e nei 100 in 47’’89!

E i nuovi? Classe 1998 è Antoine Viquerat, che riporta un ranista ai Giochi, nei 200. Con 2’10’’21 si prende il pass e il sogno olimpico, mentre sul 100 e in chiave staffetta, per la Francia si fa dura dato che Bussiere, il loro miglior velocista non va sotto il minuto e non si qualifica individualmente.

Tra le ragazze occhio ai 200 misti Cyrielle Duhamel, classe 2000. Il suo 2’11’’57 non è tempo da finale olimpica ma intanto il biglietto è prenotato, così come per Fantine Lesaffre.

Infine, facce nuove almeno a livello di Giochi, ma non per chi segue questi ragazzi da qualche tempo: Tomac e Ndoye Brouard voleranno a Tokyo nei 100 e 200 dorso, cercando di cancellare le imprese di Camille Lacourt (donne non vi allarmate, solo nei risultati!).

I qualificati per Tokyo:

Leon Marchand 200 – 400 misti 200 – farfalla
Cyrielle Duhamel 200 misti
Fantine Lesaffre 200 misti
Mewen Tomac 100 – 200 dorso
Yohann Ndoye Brouard 100 – 200 dorso
Marie Wattel 50 – 100 stile 100 farfalla
Jordan Ponthain 200 stile
Jonathan Atsu 200 stile
Charlotte Bonnet 100 – 200 stile
David Aubry 800 stile
Antoine Viquerat 200 rana
Maxime Grousset 50 – 100 stile
Melanie Henique 50 stile
Mehdy Metella 100 farfalla
Florent Manaudou 50 stile

Foto: Fabio Cetti | Corsia4