Chad Le Clos ha parlato con Brett Hawke e ne è uscito uno degli episodi più belli del fortunato podcast di interviste dell’ex nazionale australiano.

Sarà per l’atteggiamento sereno e calmo di Brett o perché Chad è il prototipo dell’atleta moderno, fortissimo in acqua ed estremamente disinvolto e consapevole nelle relazioni pubbliche. Ma la chiacchierata è davvero imperdibile per gli appassionati di nuoto.

Condividiamo gli spunti più interessanti.

Si è parlato di Sun Yang e quindi inevitabilmente di doping.

Le Clos appartiene al partito “once a dope, always a dope” e ritiene quindi inaccettabile la riammissione di Sun Yang già dopo la positività del 2014.

Il suo punto di vista non è personale, dice di non aver nulla contro il cinese, ma strutturale, e si riferisce indirettamente alle regole del gioco. La cosa peggiore è che ci sono ragazzi che non hanno mai vinto in questi anni – come Ryan Cochrane – perché sempre chiusi da Sun Yang e che non riavranno mai indietro quelle possibilità.

TYR Pro Series #3 | A Mission Viejo ottima Ledecky, Dressel “in progress”

Il nuoto USA passa da Mission Viejo, California, per la tappa di aprile delle TYR Pro Swim Series 2021. Visto l’avvicinarsi del periodo più importante dell’anno, quello che porterà ai Trials e di conseguenza alle Olimpiadi, molti dei top swimmer americani si sono...

Trials Giappone, a Tokyo le sfide per le Olimpiadi di casa

Immaginatevi di essere tra gli atleti più forti del mondo e di poter disputare le Olimpiadi proprio a casa vostra. Una combinazione perfetta, che per i bimbi giapponesi non capitava dal 1964. Arriva però una pandemia mondiale che rinvia tutto di un anno. Resti tra i...

A Kazan Trials di Stato scoppiettanti per i nuotatori russi

Aprile dolce dormire… in qualche caso forse, non certo nel mondo del nuoto! Nel giro di una settimana come l’esplosione della primavera si sono prolificate manifestazioni in tutto il mondo, una dopo l’altra, tante da toglierci il fiato e darci una bella scorpacciata...

Aqua Sphere ‘una lente per ogni occasione’ con Kayenne

Che tu sia un nuotatore di acque libere o di piscina, sai benissimo quanto sia importante la scelta dell'occhialino giusto. Non solo per la forma anatomica che si deve adattare al tuo viso, per le possibili personalizzazioni dalla misura dell'elastico al "ponte sul...

Training Lab, l’Analisi Tecnica degli Assoluti 2021

Con un anno di ritardo si è arrivati finalmente ad affrontare i tanto attesi Assoluti primaverili validi come qualificazione olimpica. A dire la verità, considerando il posticipo di un anno dell’evento finale e i criteri fissati dalla FIN lo scorso settembre 2019,...

Da Livigno a Siracusa per i collegiali pre-Europei di Budapest

Il prossimo evento internazionale per la Nazionale, che porta verso le Olimpiadi di Tokyo, sono i Campionati Europei di Budapest in programma dal 17 al 23 maggio prossimi. In attesa della formalizzazione ufficiale della Nazionale, oltre ai qualificati dei Campionati...

Le Clos ha poi chiarito la sua relazione con Michael Phelps.

Innanzitutto ha raccontato di quanto avesse sognato ed immaginato la vittoria nei 200 farfalla di Londra 2012. Insieme ad Andrea Di Nino, il suo coach ai tempi, aveva preparato una tattica di gara che poi si è perfettamente avverata: stargli dietro fino all’ultimo 25 e poi superarlo per batterlo.

La vittoria olimpica è stato ovviamente l’avverarsi di un sogno, ma era comunque un obiettivo che sapeva di poter raggiungere, e farlo battendo il suo idolo è stato qualcosa di incredibile.

Parlando invece del famoso episodio in camera di chiamata a Rio 2016, quando Phelps è stato fotografato in una smorfia assassina rivolta proprio a Le Clos:

 

 

Chad ha innanzitutto detto che si trattava della semifinale e che lui non si è accorto di nulla per giorni, perché a Rio evitava di controllare i social network.

Dal suo punto di vista, la rivalità con Phelps nasce e muore in vasca, dove è normale che tutti vogliano vincere e non amino perdere. Secondo Chad lo sguardo di Phelps è stato ritratto fuori dal contesto e non era riferito a lui.

Gli dispiace di essere il nuotatore più odiato dagli americani dopo aver sconfitto Phelps a Londra nei 200 farfalla e trova che questo sentimento sia totalmente incomprensibile. Dice di aver avuto delle intense rivalità si con Phelps che con Cseh e di averli poi tranquillamente frequentati nella vita di tutti i giorni. Certo, avrebbe preferito vincere, però…

Inside with Brett Hawke #145: Chad Le Clos

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Share and Enjoy !

0Shares
0