Oramai lo chiamo “effetto Mecenate”

Dopo 7 edizioni del trofeo Città di Milano, quel malessere tra raffreddore e mal di gola  che, dopo due giorni intensi di gare, dentro e fuori dalla piscina, mi trasforma la voce in un misto tra Pluto e Frankestein e mi blocca qui davanti al computer a scrivere tra un colpo di tosse ed uno starnuto, ha il diritto di essere chiamato con un titolo decisamente nobile…

Sì, “effetto Mecenate” è appropriato per rendere onore a quel “pallone gonfiato” ricco di acqua e cloro che ospita l’esclusivo primo meeting della stagione in vasca lunga.

A quel “pallone gonfiato”, termine più che affettuoso per definire la piscina di via Mecenate, e anche alla raucedine post evento, ci tengo veramente tanto. Sarà perché è a pochi chilometri da casa, sarà perché gli organizzatori dimostrano sempre ospitalità e disponibilità e ti fanno sentire come davvero fossi a casa tua (gli orsetti della Haribo sono di gran lunga le coccole migliori), sarà perché finalmente vedo tanti amici dopo i lunghi mesi invernali di astinenza dal nuoto.

Com’è essere amica di un campione olimpico? 
Ah boh… te lo spiego dopo!!!

Se per i ragazzi e le ragazze che nuotano il Trofeo è un valido e importante test in vista dei Campionati italiani assoluti che si terranno nelle prossime settimane a Riccione, per me è un’occasione per “ciaccolare”, voce del verbo  farsi i cavoli loro in tutta tranquillità e spensieratezza senza quella tensione tipica da Assoluto.

Per cavoli loro ovviamente intendo informarsi su come è partita la stagione, su come si sentono. È difficile che si vada su domande inquisitorie sul personale, a meno che non siano loro stessi a parlarne.

Matteo novello “regista”

 

Certo, mi sarebbe piaciuto fare il mio consueto lavoro di post produzione fotografica, ma anche quello che ho fatto durante questa edizione non  è stato meno dignitoso.

Microfono in mano, affiancata dal simpaticissimo Matteo novello “regista”, la vostra Binda aveva l’incarico di fare video-interviste per la pagina facebook dei Nuotatori Milanesi.

Stalkerizzare gli atleti con domande bruciapelo, che forse in una normale situazione io non avrei mai fatto (ma va bene anche così), era il nostro compito. Potete pensare che sia totalmente diverso da quanto sono abituata a fare, però sono portata a credere invece che sia una faccia della stessa medaglia.

E alla fine mi sono divertita.

magre consolazioni… Francesco Broglia

 

Ho persino indossato una maglietta rossa (targata NM), e non avete quanto la cosa mi abbia imbarazzato: io non sopporto il rosso, è un colore che dovrebbe aumentarti l’autostima, ma non certamente a me.

È un po’ come dire “Attenti tutti arriva la Tigre, e poi si trovano di fronte un buffo panda”.

Scherzi a parte ne è comunque valsa la pena.

L’Italia trionfa alla Coppa Comen – Mediterranean Swimming Cup 2024

L'Italia si conferma ai vertici nella tre giorni della Coppa Comen – Mediterranean Swimming Cup 2024 che si è disputata a Limassol - Cipro - confermando la vittoria delle ultime stagioni (Limassol 2022 e Larissa 2023). Gli azzurrini conquistano 37 medaglie - 16 ori,...

Fatti di nuoto Weekly: cavare il sangue dalle rape

Piccola e impopolare riflessione sul nuoto contemporaneo di Fatti di nuoto Weekly.  Nello scrivere settimanalmente di nuoto, per questa rubrica e non solo, passo due terzi dell’anno a cercare le notizie più nascoste, le curiosità, gli anniversari, le piccole...

Road to Parigi, il Recap dei Trials Australiani

Anteprima dei Giochi dalla terra dei canguri! A cosa abbiamo assistito in questi sei giorni australiani? Livello fuori dal comune quello visto a Brisbane, pari ormai a quello che possiamo trovare nei Trials USA, che fanno dell’Australia la seconda potenzia mondiale...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Anche perché, parliamoci chiaro, ballare con il Bomber Marco Orsi prima che salga sul podio dei 100 stile libero non è proprio da tutti. Sono totalmente incapace a prendermi sul serio, potrei anche sembrare poco professionale, ma cedere allo spirito tamarro del Bomber  a cui va riconosciuta una simpatia strabordante e genuina, mi è quanto di più naturale possibile.

 

Spero che il balletto alla Step Up gli porti fortuna, almeno così saremmo costretti a ripeterci anche per gli anni a venire.

Presenziare a questi meeting ne vale sempre la pena, è un bel modo per conoscere ancora di più quest’ambiente che io continuo a trovare  stimolante, soprattutto nell’anno post olimpico, in questo preciso post Rio2016 che grazie alle meravigliose imprese di Greg e Gabri si è visto rinnovare di slancio ed entusiasmo.

È bello vedere folle di ragazzine e ragazzini (e anche più cresciutelli) che aspettano anche ore fuori dalla piscina i loro beniamini, mai stanchi di firmare autografi o farsi ritrarre in selfie da 1000 like.

È emozionante vedere come il risultato sportivo stra meritato porti tanto genuino interesse.

Ecco, diciamo che mancavano solo le donne e gli uomini dell’Italfondo a cui sono tanto affezionata, impegnati tra l’altro nella tappa di Coppa del Mondo di Abu Dhabi  dove Arianna Bridi è salita sul terzo gradino del podio. Ci fossero stati anche loro sarebbe stato tutto perfetto, ma riconosco che la bella vasca della piscina Samuele di via Mecenate non è abbastanza impervia per una 10 km coi fiocchi.

Però un passo in più su viale Forlanini, fino a Linate, e si arriva diretti all’Idroscalo, dove ad attendermi oltre al raffreddore, al mal di gola e alla raucedine mi avrebbe sicuramente aspettato anche una bella reazione allergica.

Ma per il nuoto e per i suoi protagonisti si potrebbe rischiare anche questo.

Foto copertina Fabio Cetti | Corsia4