Quarta mattinata di batterie ai Campionati Europei di Budapest.

Il programma di oggi: 200 stile uomini, 200 rana donne, 50 farfalla uomini, 100 dorso donne, 4×100 mista mista e 1500 donne.

200 stile libero M

In tre sotto l’ 1.47, Malyutin, Rapsys e Dean, a guidare le batterie.

Per l’Italia, passano alla semifinale Filippo Megli con 1.47.35 (settimo) e Stefano Ballo con 1.47.66 (decimo), mentre rimane escluso Marco De Tullio, quindicesimo ma terzo degli italiani (1.48.05). Stefano Di Cola 36° con 1.49.81.


200 rana F

Batterie un po’ soporifere, con solo la russa Chikunova sotto i 2.24. Passano comunque tutte le favorite, da Renshaw a Efimova, Wood e Mamie.

Per l’Italia, semifinale centrata da Francesca Fangio con 2.25.00 e Martina Carraro, al personale in 2.25.36, rispettivamente ottava e decima. Fuori Lisa Angiolini, ventesima in 2.27.78, e Arianna Castiglioni, 34ª in 2.30.96.

50 farfalla M

Assente Kliment Kolesnikov, ci pensa Szabo a stampare il miglior crono con 23.03 e mettere tutti in riga.

I qualificati sono tutti in 2 decimi: bene Thomas Ceccon, terzo in 23.39, dentro anche Piero Codia con 23.57; 31° Matteo Rivolta, 23.96.


100 dorso F

Guida le qualifiche Kathleen Dawson, 59.32, ma anche Margherita Panziera va sotto il minuto, quarta in 59.94.Nonostante il livello non eccelso, fuori le altre italiane, entrambe reduci da infortuni: Silvia Scalia 18ª con 1.01.12, Carlotta Zofkova 21ª con 1.01.45.

Fatti di nuoto weekly: Professionismo, pro e contro

Bentornati su Fatti di Nuoto weekly, la rubrica del mercoledì che arriva anche in piena lotta Trials USA / Australia, più puntuale di un World Record di Kaylee McKeown. Rispondete a questa domanda: guardando le gare di Adelaide e Omaha, definireste i nuotatori...

Luca Dotto Swim Academy, la tecnica del nuoto e tanta passione

Quante volte ci è capitato di dare un’occhiata ad un’iniziativa, magari ben presentata ed organizzata, ed avere la sensazione che si tratti di un’operazione puramente commerciale? Chiariamoci subito: non c’è nulla di male nel voler ricavare un profitto da un...

Swim Stats, perchè i Trials USA definiscono il Nuoto “Olimpico”

Una volta ogni quattro anni c’è un evento che catalizza l’attenzione di tutti gli appassionati di nuoto. Una piscina viene costruita in un palazzetto dello sport, la gente fa la coda per acquistare un biglietto e godersi lo spettacolo e, per una settimana, il mondo...

ItalNuoto e Olimpiadi | Atene 2004, la prima medaglia olimpica di staffetta

Non c'è nemmeno il tempo per riprendersi dallo stupore di aver visto una ragazza di sedici anni arrivare dove quasi nessun italiano era mai arrivato, che il programma gare di Atene 2004 ci mette davanti ad un'altra finale mozzafiato. Per l'Italia, si tratta di...

Training Lab, l’Indice di Nuotata: questo sconosciuto

Ogni volta che ci si trova a discutere di tecnica del nuoto in contesti differenti e a livelli anche molto diversi le statistiche delle domande più ricorrenti che ne scaturiscono non si discostano molto dalle seguenti: Qual è la frequenza di bracciata giusta per un...

Fatti di nuoto weekly: ho visto “Ultima Gara” di Raoul Bova e…

Giovedì scorso, le mie timeline social e le chat di Whatsapp erano invase di commenti sul docufilm di Raoul Bova, Ultima Gara, trasmesso in prima serata da Canale 5 e con protagonisti l'attore romano ed i nuotatori Manuel Bortuzzo, Massimiliano Rosolino, Emiliano...

4×100 mista MIX

Prove Olimpiche generali per la staffetta mista-mista. Italia in finale con un agile secondo tempo, dietro solo alla Gran Bretagna.

Frazioni: Sabbioni 54.25, Martinenghi 58.11, Di Liddo 57.89, Di Pietro 53.84


1500 stile libero F 

Qualificazione agile per le italiane, che domani si giocheranno le medaglie. Primo tempo per Simona Quadarella, 16.05.60, settima Martina Rita Caramignoli con 16.20.31.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4

Share and Enjoy !

0Shares
0