L’Italia è stata la Nazione nettamente migliore e più rappresentata a Vilnius, con addirittura tre atleti che andranno alle Olimpiadi e una completezza di squadra quasi unica.

Ma la Nazionale di Menchinelli non è stata solo Sara Curtis, Alessandro Ragaini e Carlos D’Ambrosio. Sette nomi da portarci a casa per sperare nel futuro.

13 ori, 9 argenti e 3 bronzi: questo il bottino a Vilnius della Nazionale Junior italiana, la migliore del Campionato Europeo giovanile.

I due nuotatori migliori del Campionato? Sara Curtis, 6 ori e 1 argento, e Carlos D’Ambrosio, 4 ori e 1 bronzo. Storicamente, la manifestazione è da noi molto amata, ha lanciato grandi campioni ma ha anche spesso messo in mostra atleti che non hanno rispettato le attese. Ci sta tutto, perché il nuoto non è una scienza esatta e spesso bisogna attendere la crescita, fisica e mentale, dei ragazzi per poterne davvero valutare l’operato.

Qui però di potenziale ce n’è tanto, vale la pena parlarne.

Daniele Del Signore
Un dorsista solido e con possibili ampi margini, che in un pomeriggio prima vince la gara singola con 54.68 e poi si migliora ancora in apertura della mista, in 54.56 (tra l’altro con identico passaggio ai 50, 26.69). Scalare le gerarchie del dorso italiano sarà dura, e forse da lui ci si poteva aspettare già qualcosa in più a livello cronometrico, ma la pasta è ottima.


Caterina Santambrogio
Senza gridare al miracolo, sembra che ci sia la delfinista che stavamo cercando da tempo. La settimana di Santambrogio è iniziata con l’argento nei 100 farfalla e culminata con la frazione interna della mista nuotata in 58.60. Nonostante sia un 2009, la sensazione che sarà presto pronta per la convocazione in nazionale maggiore. E non fa solo delfino…

Fatti di nuoto Weekly: previsioni Olimpiche volume 2, uomini

Sabato inizia la settimana santa del nuoto Olimpico e la tensione è ormai alle stelle. Mancavano solo i pronostici maschili, eccovi serviti. Con Fatti di nuoto weekly ci si risente a Giochi fatti. Se vi siete persi la "puntata precedente": Volume 1: donne.50 stile...

Parigi 2024 | le gare degli Azzurri alle Olimpiadi

-4 al primo "Take your marks" Olimpico del nuoto in vasca, le gare si terranno dal 27 luglio al 4 agosto 2024 presso Paris La Défense Arena. La spedizione azzurra, è composta da 36 atleti - 16 donne e 20 uomini - vediamo a quali gare sono iscritti e il programma del...

Il Nuoto alle Olimpiadi: le specialità perdute

Le Olimpiadi sono un evento globale atteso e seguito in tutto il mondo, al quale partecipano perlopiù atleti professionisti che vivono dello sport da loro praticato e ne ricevono spesso fama e notorietà. In origine, tuttavia, gli sportivi olimpici non erano dei...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: le staffette

La prima staffetta del programma Olimpico del nuoto si disputò nel 1904 a St Louis e fu una 4x50 iarde a stile libero, aperta esclusivamente a quattro club statunitensi, due di New York, uno di Chicago ed uno del Missouri. In realtà, anche la squadra della Germania...

Fatti di nuoto Weekly: previsioni Olimpiche volume 1, donne

Ragazzi, manca una settimana eh. Non si scappa più, Les jeux sont faits. Ecco le previsioni Olimpiche più azzardate che troverete nell’internet. Volume 1: donne.50 stile liberoAnche se il sogno è Sarah Sjöström (e razionalmente avrà dalla sua un programma gare più...

Parigi 2024 | Gli azzurri del Nuoto Paralimpico

Sono 28 gli atleti selezionati a seguito degli slot guadagnati dall'Italia - 12 femmine e 16 maschi - dal Direttore Tecnico Riccardo Vernole per i prossimi Giochi Paralimpici Estivi di Parigi 2024 che si terranno dal 28 agosto all'8 settembre 2024 presso Paris La...

Daniele Momoni
Qui vale il discorso di cui sopra, forse con qualche piccolo pensiero in più. A Vilnius, Momoni è esploso in prestazioni e sicurezza, si è portato a casa il titolo nei 100 farfalla in 52.20 e nella staffetta ha nuotato 51.89. Forse poteva far comodo già a Parigi.


Lucrezia Domina
Nei 400 dell’ultima giornata, una gara diligente e ben gestita, che lascia intravedere ottime prospettive. 4.11.01 (2.05.57 al passaggio) a sedici anni non è male, anche se i temponi in giro per il mondo arrivano sempre prima, soprattutto tra le donne; il talento c’e, la testa pure, arriveranno i miglioramenti.

Giulia Pascareanu
Una bella sorpresa nei 200 misti, bronzo in 2.14.37, nemmeno tanto lontano dall’oro, nuotati di forza e in rimonta. Visto la chiusura lampo a stile, sembrano esserci margini di miglioramento importanti.


Emma Vittoria Giannelli
Nel mezzofondo è già una bella realtà, e il doppio podio di Vilnius (argento 1500, bronzo 800) ne è la conferma. La strada è ancora tutta da fare, ma soprattutto sulla distanza più lunga ci sono forti vibes quadarelliane.

Lorenzo Ballarati
Bellissimo oro nei 50 stile in 22.20, se imbrocca la gara giusta sembra una forza della natura.


Bonus quote: Tajus Juska
Di cose belle se ne sono viste tante in questo EuroJunior, da Badea bei misti a Tuncelli nel mezzofondo, ma un quindicenne che fa 48.78 nei 100 stile è davvero qualcosa di fuori dal comune. Juska è nato il 17 gennaio 2009, è il più giovane a scendere sotto i 49 e in questi campionati si è migliorato di un secondo. OMG.

See you later!

Iscriviti alla newsletter

Foto: European Aquatics