Nella settimana cuscinetto tra i Mondiali e gli Assoluti dobbiamo dare spazio ad alcune notizie sparse che vengono dal mondo del nuoto e dintorni.

Perché Fatti di nuoto Weekly è qui anche per questo, giusto?

La Senna

A Parigi 2024 si nuoterà nella Senna, forse. Il condizionale in questo caso è d’obbligo, visti i noti problemi che riguardano il fiume nel quale si dovrebbero svolgere le due Swimming Marathon Olimpiche l’8 e 9 agosto 2024.

Come riportano diversi media, dalle ultime analisi sei degli otto punti principali sulla qualità dell’acqua migliorano e due sono stabili, ma nessuno è ancora arrivato al limite minimo previsto dalla normativa europea per rendere sicura la balneazione. A preoccupare sono alcuni batteri presenti nell’acqua, tra cui l’escherichia coli, molto dannosi e potenzialmente anche letali se ingeriti dall’essere umano. In Francia stanno cercando di migliorare la situazione con interventi strutturali, tra i quali c’è anche la costruzione di un bacino per l’assorbimento delle precipitazioni, ma gli sforzi potrebbero comunque essere vani.

La Senna è utilizzata in parte anche nel circuito fognatura e il problema principale sembra essere il connubio tra acque reflue e acqua piovana.

Per dirla semplice, se dovesse piovere in prossimità delle gare sarebbe quasi impossibile far nuotare gli atleti a Parigi. Le ipotesi sul tavolo sono lo slittamento della gara, che resta complicato soprattutto dal punto di vista organizzativo per gli atleti, oppure lo spostamento della stessa in acque più sicure, come il Mediterraneo. Di certo si cercherà in tutti i modi di evitare l’annullamento.

Road to Parigi, il Recap dei Campionati Ungheresi: Milak c’è!

Budapest ospita i Campionati Ungheresi, nuotatori in vasca dal 9 al 12 aprile. In acqua ci sono tutti i big magiari, tra cui il latitante più famoso tricolore Kristóf Milák e la neo mamma Katinka Hosszú. Presente anche una piccola delegazione azzurra che si è distinta...

TYR Pro Series 2024, Huske vola a San Antonio. Bene Dressel e Marchand

Finita la stagione collegiale, negli Stati Uniti si inizia a nuotare in vasca lunga, e si inizia a fare sul serio anche in vista degli appuntamenti più importanti della stagione. Per questo la tappa di San Antonio delle TYR Pro Swim Series era molto attesa: vediamo...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 100 dorso

I 100 dorso fanno parte del programma Olimpico fin dagli albori dei giochi, cioè dal 1908 per i maschi e dal 1924 per le femmine, con l’unica eccezione di Tokyo 1964, quando gli uomini non li disputarono a favore dei 200. Si tratta di una distanza ampiamente dominata...

SwimStats, che segno hanno lasciato i Criteria 2024: scopriamolo con i numeri!

Come ogni primavera che si rispetti, il caldo si fa attendere ma quando esplode si fa sentire. Nello stesso modo, il nuoto italiano attende i Criteria per mettere in mostra tutta la sua salute, che in questo 2024 sembra particolarmente ricca e fiorita.Criteria da...

Criteria 2024, il Recap del Settore Maschile

Dopo le ragazze, sotto con i maschi! Saranno riusciti i ragazzi a far meglio delle colleghe? Allo Stadio del Nuoto di Riccione non c’è un attimo di respiro! Di nuovo tutti in vasca! Scopriamo subito cos’è successo nella sezione maschile dei Criteria 2024! PS: extra...

Fatti di nuoto Weekly: Giochi potenziati e Giochi valorizzati

Nella Fatti di nuoto weekly di oggi parliamo di un paio di argomenti sui quali la discussione è molto animata. Polemiche? No grazie. Commenti costruttivi? Sì, quanti ne volete, qui sotto o sui nostri social. Pronti?Enhanched Games Tradotto significherebbe i Giochi...

Tempi

Una raffica di tempi dal mondo di chi ha deciso di non fare i Mondiali (con piccolo commento, ovviamente), che poi non si dica che non guardiamo le gare.

  • Yamato Fukasawa (JPN) 2.07.02 nei 200 rana (quanto mi gasano i giapponesi nei 200 rana)
  • Lani Pallister (AUS) 15.54.52 nei 1500 e 4.03.30 nei 400 stile (occhio)
  • Kaylee McKeown (AUS) 58.19 nei 100 dorso (sì, avrebbe vinto a Doha)
  • Kylie Masse (CAN) 27.23 nei 50 dorso (sì, avrebbe vinto a Doha)
  • Chris Giuliano (USA) 47.49 nei 100 stile (si avvicinano i Trials)
  • Nicholas Santos (BRA) 23.47 nei 50 farfalla (44 anni e NON gareggia tra i master)
  • Emma McKeon (AUS) 56.40 nei 100 farfalla (Emma c’è)
  • Cody Simpson (AUS) 49.31 nei 100 stile (comunque io lo stimo)

Cambiamenti nell’anno Olimpico

Non è mai semplice prendere decisioni drastiche e nella vita di un atleta il timing è una difficoltà in più. Quando è il momento giusto per cambiare strategia? E quando per smettere? Nessuno può saperlo se non chi, queste decisioni, le prende in prima persona. Vanno sempre rispettate, a maggior ragione se fatte a pochi mesi dall’obiettivo principale: ecco e alcune.

Charlotte Bonnet lascia Philippe Lucas e si preparerà alle Olimpiadi (che chiuderanno la sua carriera) in Svizzera, insieme al marito Jeremy Desplanches.

Il gruppo di Livorno, dopo l’addio al cronometro di Stefano Morini, si riassetta: Damien Joly sembra diretto a Ostia, nel già folto esercito di Antonelli, mentre Anna Egorova ritornerà ad allenarsi in Francia, ad Antibes.

Dopo una carriera gloriosa, 15 medaglie internazionali di cui 3 ori mondiali in vasca corta e diversi record italiani, Matteo Rivolta si ritira dal nuoto agonistico.

See you later!

Iscriviti alla newsletter

Foto: Fabio Cetti | Corsia4