Prenderà il via domani, questa notte per la precisione, la sedicesima edizione dei Campionati del Mondo in vasca corta che per la prima volta si disputeranno in Australia, a Melbourne, dal 13 al 18 dicembre.

Ripercorriamo insieme tutte le tappe di questa manifestazione dalla prima edizione di Palma di Maiorca del 1993 fino all’ultima edizione “straordinaria” di Abu Dhabi 2021.

1993 – Palma de Maiorca
Oltre che per la località ospitante alquanto particolare, la prima edizione dei Mondiali in vasca corta è da ricordare anche perché è stata l’unica in cui fu la Cina a trionfare nel medagliere generale, con 10 ori tutti provenienti dal settore femminile. Storica anche la doppietta brasiliana nei 100 stile maschi, con Fernando Scherer vittorioso su Gustavo Borges.

13 i record del mondo, 11 tra le donne, 2 tra gli uomini. Per l’Italia, il primo podio è di Luca Bianchin, argento nei 200 dorso.


1995 – Rio de Janeiro
Dal Mediterraneo all’Atlantico, il medagliere lo vince l’Australia, con gli USA praticamente assenti perché impegnati con il finale della stagione universitaria.

Il Brasile padrone di casa vince 100 (Scherer), 200 (Borges) e 4×100 stile, mentre i record del mondo sono 4, tutti tra le donne, con Samantha Riley protagonista della doppietta 100-200 rana. Nessun podio per l’Italia.

1997 – Gotheborg
Si va al freddo per la terza edizione dei Mondiali in vasca corta, dove è di nuovo l’Australia a dominare il medagliere generale. La donna dei campionati è Claudia Poll, doppietta nei 100 e 200 stile con entrambi i world record migliorati, mentre gli USA si reggono sulle spalle di Jenny Thompson, oro nei 100 stile e farfalla.

Anche tra gli uomini non mancano i nomi esotici: su tutti Francisco Sanchez, venezuelano doppietta nei 50 e 100 stile, e Neisser Bent, cubano, dominatore di 100 e 200 dorso. I 1500 vengono vinti da un diciassettenne Grant Hackett, alla prima affermazione internazionale.


1999 – Hong Kong
Alla quarta edizione, la FINA si accorge che è una buona idea inserire anche le distanze dei 50 farfalla, dorso e rana, completando così il programma. Il medagliere è per la terza volta dell’Australia, che schiera tutti i suoi gioielli in quello che sembra un antipasto dell’Olimpiade di Sydney.

Particolarmente memorabile la finale dei 200 stile, con Thorpe a vincere (con world record) su Klim e van den Hoogenband, così come quella dei 400, con Hackett che si impone (con world record) su Thorpe e Massimiliano Rosolino. USA ancora con la sola Thompson (3 ori) a tenere alta la bandiera, Italia a podio anche con Fioravanti, argento nei 100 rana.

2000 – Atene
La prima edizione in un anno pari coincide anche con la prima partecipazione convinta degli USA, che infatti vincono il medagliere con soli 2 ori di vantaggio sulla Svezia guidata dai super specialisti Alshammar e Frolander.

Non ci sono gli australiani, impegnati nella preparazione dei Giochi di casa, mentre sono 9 i record del mondo, 6 maschili e 3 femminili. Neil Walker è l’uomo dei Mondiali, grazie soprattutto al dominio nei 100 dorso e misti, mentre per noi è Rosolino, che va a podio nei 200 stile (argento), nei 400 stile e nei 200 misti (bronzo).


2002 – Mosca
Tornano gli australiani che vincono il medagliere con 10 ori pur ottenendo meno podi degli americani (18 a 26).

È un mondale delle prime volte sul podio: per l’Argentina con Jose Meolans, oro nei 50 e argento nei 100 stile, per l’Algeria con Salim Iles, bronzo nei 100 stile, per la Svizzera, con Flavia Rigamonti negli 800, e per Israele, bronzo con Vered Borochovski nei 50 farfalla. Un solo podio per l’Italia, quello di Christian Minotti bronzo nei 1500.

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: gli 800 stile libero

Gli 800 stile libero donne sono stati introdotti nel programma Olimpico a Città del Messico, nel 1968, e sono rimasti gara esclusivamente femminile fino a Tokyo 2020ne, quando il CIO ha deciso di aumentare il programma della vasca parificando le gare tra i due sessi....

Fatti di nuoto Weekly: USA Olympic Trials Predictions

Se non è l’evento più importante e spettacolare del nuoto mondiale, poco ci manca. Mentre i Trials australiani sono appena iniziati, e promettono di essere altrettanto determinanti per le sorti Olimpiche, i Trials originali, quelli USA, iniziano tra pochi giorni....

Curtis brilla alla Campus Aquae Swim Cup 2024, Magrassi da record

Archiviata anche la quinta edizione della Campus Aquae Swim Cup di Pavia, che si è svolta dal 7 al 9 giugno presso l’omonimo impianto lombardo. Tre giorni di gare che hanno visto impegnati gli atleti delle categorie Juniores  e Assoluti venerdì e sabato,  Esordienti...

Buona la prima per l’Olimpic Race di Napoli

La prima edizione della Olimpic Race a Napoli si è chiusa con un grandissimo successo. L'evento ha portato alla piscina Felice Scandone circa 800 atleti per un totale di oltre 2400 presenze gara. La manifestazione si è conclusa con la vittoria della squadra di casa,...

Il Nuoto alle Olimpiadi di Parigi 2024: i 400 misti

I 400 misti sono entrati nel programma dei Giochi nella prima Olimpiade di Tokyo, quella del 1964, e da allora - a differenza dei 200 che hanno saltato due edizioni - non ne sono più usciti, rimanendo un punto fermo del programma natatorio sia per valori tecnici che...

CASC2024, al via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup

Ha ufficialmente preso il via la V edizione della Campus Aquae Swim Cup. Il primo atto ufficiale dell’edizione 2024 è stata la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta venerdì 6 giugno presso il Centro Sportivo Polifunzionale Universitario Campus Aquae di...

2004 – Indianapolis
Si va negli USA che, per l’occasione, si presentano con la squadra al completo: 44 medaglie e 21 ori, tre volte tanto l’Australia seconda classificata nel medagliere finale. Ci sono proprio tutti, da Jason Lezak a Brendan Hansen, Ian Crocker, Aaron Peirsol, Ryan Lochte e perfino Michael Phelps, al suo unico oro di sempre nella manifestazione, quello dei 200 stile.

C’è anche un ultimo squillo per l’eterna Jenny Thompson, che vince i 50 farfalla e la 4×100 stile, mentre la donna dei Mondiali è nettamente Brooke Hanson, 5 ori individuali e 1 in staffetta. Per l’Italia c’è un altro podio nei 1500, quello di Simone Ercoli, argento dietro il russo Prilukov.


2006 – Shanghai
Si torna in Cina ed è l’Australia a tornare in testa al medagliere, trainata da Lisbeth Lenton (5 ori) e Matt Welsh (4 ori) mentre Ryan Locate inizia la sua personale cavalcata ai Mondiali di corta conquistando 200 dorso, 200 e 400 misti.

Per i nostri colori ben 12 medaglie, su tutte i primi due ori nella 4×100 e 4×200 stile uomini e le prime medaglie al femminile, Federica Pellegrini, argento nei 200 e bronzo nei 400 stile, Francesca Segat argento nei 200 farfalla e Alessia Filippi argento nei 400 misti. Tornando alle prime volte, c’è un oro per il Kazakistan, Vladislav Poliakov nei 200 rana.

2008 – Manchester
17 record del mondo nella prima manifestazione dell’era “costumoni”, dominata dagli USA e da Ryan Lochte, 3 ori individuali e uno in staffetta.

Il personaggio dei campionati viene dallo Zimbabwe ed è Kirsty Coventry, quattro ori e tre record del mondo tra dorso e misti. Piccolo passo indietro per l’Italia, che torna a casa senza ori e con soli quatto podi, due di Rosolino, uno di Magnini e uno della 4×200.


2010 – Dubai
Da questa edizione i Mondiali in vasca da 25 trovano la definitiva collocazione invernale, a ridosso della fine dell’anno e quindi del termine della stagione della corta. Altri 5 ori (2 record del mondo e due record dei Campionati) per Ryan Lochte, che vista l’assenza di Michael Phelps ha trovato la dimensione nella quale essere l’assoluto dominatore.Tra le donne, Rebecca Soni e Mireia Belmonte Garcia hanno il miglior record, 3 ori a testa, mentre il medagliere è appannaggio degli USA. Solo due podi per l’Italia: un argento di Fabio Scozzoli nei 50 rana, un bronzo di Federica Pellegrini nei 400 stile.

2012 – Istanbul
Dopo un’Olimpiade deludente, quella di Istanbul è un’edizione storica per l’Italia, quella dei primi due ori individuali. Il primo è di Ilaria Bianchi nei 100 farfalla, primo oro in assoluto per una donna, e il secondo è quello di Fabio Scozzoli nei 100 rana. Gli USA dominano il medagliere, con Lochte che porta a 8 il record assoluto di medaglie conquistate in una sola edizione (6 ori).

Tra le donne assistiamo all’avvento della Iron Lady, Katinka Hosszú, che vince 200 farfalla e 100 misti, e di Ruta Meilutyte, sbocciata a Londra 2012 e vincitrice qui di 50 e 100 rana. Primo podio internazionale per Gregorio Paltrinieri, 18 anni, argento nei 1500.


2014 – Doha
Dopo anni di dominio USA, è il Brasile che si impone nel medagliere con ben 7 ori, che hanno i volti da copertina di Cesar Cielo, Felipe Franca Silva ed Etiene Medeiros. Esordiscono le staffette 4×50 stile e mista e le staffette mixed, mentre Katinka Hosszú sale a 4 ori individuali.

L’Italia si difende con 6 medaglie, tra le quali spicca il titolo di Gregorio Paltrinieri nei 1500. Nei 50 dorso, Florent Manaudou stabilisce il record del mondo forse meno atteso di sempre.

2016 – Windsor
Si vola in Canada e gli USA tornano a partecipare con convinzione, vincendo il medagliere con 9 ori sui 7 dell’Ungheria, tutti conquistati da Katinka Hosszú (record). In questa occasione, Federica Pellegrini aggiunge l’unico oro che mancava alla sua bacheca, chiudendo così il Grande Slam dei 200 stile. Chad Le Clos e Park Tae-Hwan sono gli uomini con più ori individuale, tre a testa.


2018 – Hangzhou
17 ori e 36 medaglie per gli USA, che stravincono il medagliere guidati dai successi del nuovo fenomeno Caeleb Dressel (6 ori, 1 individuale e 5 staffette). Con altri 4 ori Katinka Hosszú sale a 17 totali, record assoluto. 7 medaglie per l’Italia, con Simona Quadarella (argento negli 800) e Martina Carraro (bronzo nei 100 rana) che fanno il loro esordio sul podio, e Gregorio Paltrineiri al secondo argento consecutivo nei 1500.


2021 – Abu Dhabi
Nell’edizione post pandemica, ancora gli USA al comando del medagliere, con 9 ori, davanti a Canada (7) e Italia, che vive il suo miglior Mondiale con 5 ori, 5 argenti e 6 bronzi. Spiccano i titoli di Alessandro Miressi (100 stile), Alberto Razzetti (200 farfalla) e Matteo Rivolta (100 farfalla). Con altri due ori, Ranomi Kromowidjojo sale a 14 totali in carriera, mentre Nicholas Santos, a 41 anni suonati, conquista il suo terzo titolo nei 50 farfalla. Memorabile il 1500 di Florian Wellbrock che strappa il record del mondo a Gregorio Paltrinieri.

Foto: Fabio Cetti | Corsia4